Friborgo
Davos
19:45
 
Lakers
Lugano
19:45
 
Zurigo
Langnau
19:45
 
La Chaux de Fonds
Turgovia
19:45
 
Kloten
Zugo Academy
19:45
 
Olten
Ajoie
19:45
 
Visp
Ticino Rockets
19:45
 
Friborgo
LNA
0 - 0
19:45
Davos
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
Lakers
LNA
0 - 0
19:45
Lugano
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
Zurigo
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
19:45
Turgovia
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
Kloten
LNB
0 - 0
19:45
Zugo Academy
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
Olten
LNB
0 - 0
19:45
Ajoie
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
Visp
LNB
0 - 0
19:45
Ticino Rockets
Ultimo aggiornamento: 15.10.2019 18:53
(Keystone)
Estero
13.09.2019 - 10:100
Aggiornamento : 10:59

Nove misure cautelari per il crollo del Ponte Morandi

La Guardia di finanza di Genova li sta eseguendo in queste ore su richiesta del pubblico ministero Walter Cotugno. Tre arresti e se misure interdittive

Genova – Nove misure cautelari sono attualmente in esecuzione in Italia nell'ambito dell'inchiesta bis riguardante i rapporti "ammorbiditi" sulle condizioni dei viadotti gestiti dalla società Autostrade per l'Italia (Aspi).

Le sta eseguendo la Guardia di finanza di Genova. Le misure, chieste dal pubblico ministero Walter Cotugno, sono state firmate dalla giudice per le indagini preliminari (gip) Angela Nutini. Sono state eseguite anche misure interdittive.

L'inchiesta bis era partita dopo il crollo del ponte Morandi, avvenuto il 14 agosto 2018, e aveva portato all'iscrizione nel registro degli indagati di 15 persone tra dirigenti e tecnici dell'Aspi e dell'azienda Spea, specializzata nel settore dell'ingegneria delle infrastrutture.

Le misure cautelari, tre arresti domiciliari e sei misure interdittive, riguardano i presunti falsi rapporti sui viadotti Pecetti della autostrada A26, in Liguria, e il Paolillo della A16, in Puglia.

Secondo i militari del primo gruppo della Gdf di Genova, il gruppo avrebbe edulcorato le relazioni sullo stato dei viadotti controllati. Per l'accusa, in certi casi, i rapporti erano quasi routinari e quindi non corrispondenti al vero stato dei viadotti.

La circostanza era emersa nel corso degli interrogatori dei testimoni durante le indagini sul crollo di Ponte Morandi. In particolare i tecnici di Spea avevano raccontato agli inquirenti che i rapporti "talvolta erano stati cambiati dopo le riunioni con il supervisore mentre in altri casi era stato (il supervisore) stesso a modificarli senza consultarsi con gli altri".

Potrebbe interessarti anche
Tags
misure
nove misure cautelari
nove misure
ponte morandi
ponte
misure cautelari
genova
crollo
morandi
interdittive
© Regiopress, All rights reserved