Langenthal
0
Olten
2
3. tempo
(0-1 : 0-1 : 0-0)
Langenthal
LNB
0 - 2
3. tempo
0-1
0-1
0-0
Olten
0-1
0-1
0-0
 
 
14'
0-1 SALZGEBER
 
 
37'
0-2 CHIRIAEV
SALZGEBER 0-1 14'
CHIRIAEV 0-2 37'
Ultimo aggiornamento: 20.11.2019 21:24
"A me date / i vostri stanchi, i vostri poveri, / le vostre masse infreddolite desiderose di respirare libere, / i rifiuti miserabili delle vostre spiagge affollate. / Mandatemi loro, i senzatetto, gli scossi dalle tempeste, / e io solleverò la mia fiaccola accanto alla porta dorata" (Emma Lazarus, dal piedistallo della Statua della libertà) (Wikimedia Commons)
STATI UNITI
12.09.2019 - 09:540

La Corte suprema approva la stretta di Trump sull'asilo

Ora chi proviene dall'America centrale – Messico escluso – non potrà chiedere accoglienza se non ci aveva già provato dal paese d'origine

È una vittoria per Donald Trump nella sua guerra contro i migranti, quella accordata ieri da una Corte Suprema a trazione ormai conservatrice: i giudici hanno autorizzato le nuove regole dettate dalla Casa Bianca, che proibiscono a chi arriva nei centri d'accoglienza alla frontiera di presentare domanda d'asilo se prima non aveva già fatto lo stesso nel suo paese d'origine. La decisione è di quelle che pesano, perché cancella da un secondo all'altro le speranze di migliaia di persone stipate negli inadeguati campi al confine col Messico (quelli che la deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez aveva già definito "campi di concentramento").

La schermaglia legale non finisce qui, e vi saranno certamente nuovi appelli. Intanto però il presidente Usa incassa un 'sì' importante per una campagna elettorale che della promessa di 'muri' e tolleranza zero ha fatto un punto programmatico prioritario. È una sconfitta invece per i migranti centroamericani – da Honduras, Salvador, Guatemala etc. –, mentre per i messicani, che non devono attraversare un paese terzo per raggiungere gli Usa, non cambia nulla. Ma ora è proprio il Messico che rischia di trovarsi a dover assorbire le masse di migranti accalcatisi alla frontiera.

A luglio, la Corte Suprema aveva già permesso a Trump di utilizzare due miliardi e mezzo di dollari dai fondi del Pentagono per costruire la barriera al confine col Messico. L'anno scorso, la stessa corte aveva approvato il 'travel ban' – il 'bando ai viaggi' – da numerosi paesi musulmani.

Si tratta di misure che rimettono in discussione una lunga tradizione dell'asilo, che permetteva di chiedere accoglienza a chiunque arrivasse negli Usa, non importa come. Parere contrario è arrivato solo dai giudici più progressisti, Sonia Sotomayor e Ruth Bader Ginsburg. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
trump
messico
asilo
corte
corte suprema
paese
accoglienza
uniti
chiedere accoglienza
stati uniti
© Regiopress, All rights reserved