Keystone
Estero
07.08.2019 - 23:500

Un'altra nave di migranti attende un porto sicuro

Bloccata al largo di Lampedusa, Open Arms sfida Salvini e annuncia un ricorso al Tribunale dei minori di Palermo affinché avvenga lo sbarco dei 32 minorenni

Se la situazione a bordo dovesse peggiorare e ci fossero “problemi seri” per i 121 migranti, “entreremo nelle acque italiane”. Bloccata da sei giorni a 30 miglia da Lampedusa, Open Arms lancia la sfida a Matteo Salvini e subito dopo annuncia un ricorso al Tribunale dei minori di Palermo affinché intervenga disponendo lo sbarco dei 32 minorenni. “Si ricordino – è la risposta del ministro dell’Interno – che per loro le acque territoriali sono chiuse e siamo pronti a sequestrare la nave”.
“La situazione a bordo è complicata – dice in un’intervista a Catalunya Radio il fondatore della Ong catalana Oscar Camps –, ci sono casi che necessitano di assistenza medica quotidiana e altri che hanno bisogno di assistenza psicologica costante per quel che hanno subito in Libia”. Per questo “se avremo problemi seri entreremo nelle acque italiane”. “Tra poco finiremo cibo e bevande – aggiunge il comandante della nave, Anabel Montes Mier – e siamo preoccupati per lo stato psicologico di chi è a bordo, che peggiora di giorno in giorno a causa dell’incertezza di non sapere cosa accadrà loro. Stiamo resistendo, ma più tardi arriva una risposta e più la situazione peggiorerà”.
Dalla Ong parte anche un’altra mossa: un ricorso al Tribunale e alla Procura dei minori di Palermo affinché dispongano lo sbarco dei minori e nominino dei tutori per quelli non accompagnati. “Faremo di tutto affinché le convenzioni internazionali, le normative, gli obblighi ed evidentemente anche i diritti di queste persone, vengano rispettati” dice il presidente Riccardo Gatti denunciando la “prepotenza e l’abuso istituzionalizzato” da parte dell’Italia e di Malta. Al momento però Open Arms resta in mezzo al mare. Malta ha ribadito il suo no e l’unico segnale inviato dall’Italia alla nave è stato nei giorni scorsi la notifica del divieto di ingresso firmato da Salvini, Toninelli e Trenta. “La nave è da sei giorni nel Mediterraneo e ora minaccia di entrare nelle acque italiane”, dice il ministro dell’Interno. “Avrebbe avuto tutto il tempo per raggiungere la Spagna. Ma forse questi signori vogliono fare solo una provocazione politica”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
nave
migranti
minori
arms
salvini
palermo
open
sbarco
open arms
palermo affinché
© Regiopress, All rights reserved