laRegione
Nuovo abbonamento
un-grande-magistrato-che-ha-fatto-la-storia-dell-italia
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
30 min

Il Bundestag discute il taglio dei parlamentari

La camera bassa tedesca comincia la discussione sulla riforma, accordo nella Grosse Koalition
Estero
36 min

Dalla Francia al Regno Unito i contagi sembrano fuori controllo

Impennata di nuovi casi. Parigi chiude Science Po, positivo il ministro Le Maire. Johnson: seconda ondata inevitabile
Estero
1 ora

Haftar annuncia la ripresa dell'export petrolifero libico

Il generale condiziona la riapertura dei terminal alla distribuzione 'equa' degli introiti
Italia
3 ore

Il voto ai tempi del coronavirus

Doppia chiamata, per il taglio del numero di parlamentari e per le giunte di sette regioni
Estero
5 ore

Chiuso il campeggio che impedisce la migrazione degli gnu

Kenya, le utorità alla proprietà: trovare un'altra collocazione
Estero
6 ore

La galleria più alta del mondo

Pronto in India il tunnel sotto il passo himalayano di Rohtang a tremila metri d'alterra
Estero
6 ore

Servizio a domicilio dei rifiuti abbandonati

Un parco thailandese rispedisce a casa la spazzatura lasciata dai visitatori
Confine
7 ore

Liceale comasco positivo al Covid, la classe è in quarantena

Ricevuto l'esito del tampone, l'Azienda territoriale sanitaria lariana ha subito avviato un'inchiesta epidemiologica
Confine
12 ore

Quel 'testamento' ritrovato del prete ucciso a Como

Esclusione, emarginazione e allontanamento dei sofferenti nelle riflessioni di don Roberto Malgesini, accoltellato per strada
Estero
13 ore

Migranti, von der Leyen chiede approccio 'umano ed efficace'

La presidente della commissione Ue, intervistata da Repubblica, ne ha anche per la Russia: 'L'Europa cambi strategia'
Estero
14 ore

Usa accusano Hezbollah, armi e nitrato ammonio in Europa

Secondo l'antiterrorismo, anche la Svizzera fra i Paesi attraverso i quali sono stati spostati i depositi segreti
Estero
21.07.2019 - 12:300

'Un grande magistrato che ha fatto la storia dell'Italia'

La morte a Milano a 89 anni di Saverio Borrelli: da procuratore capo guidò il pool di Mani Pulite, la famosa inchiesta su Tangentopoli.

È morto a 89 anni a Milano Francesco Saverio Borrelli. Mezzo secolo in magistratura, da procuratore capo di Milano guidò il pool di Mani Pulite. Nel suo discorso del 12 gennaio 2002, all'apertura dell'anno giudiziario, l'invito a toghe e cittadini a 'resistere, resistere, resistere come su una irrinunciabile linea del Piave' contro le riforme della giustizia del governo Berlusconi. L'inchiesta su Tangentopoli che segnò la fine dei partiti della Prima Repubblica, ancora divide l'Italia. Il presidente della Repubblica italiana Mattarella lo ricorda: 'Ha servito con fedeltà la Repubblica, per l'affermazione del rispetto della legge'. Per Bobo Craxi, figlio di Bettino, invece: 'Guidò un colpo di Stato, poi seppe fare un'analisi obiettiva'. Lunedì la camera ardente al tribunale di Milano.

Francesco Saverio Borrelli era nato a Napoli il 12 aprile 1930 ed è morto all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano dove era ricoverato da un circa un paio di settimane. Lascia la moglie Maria Laura, i figli Andrea e Federica e quattro nipoti. Figlio e nipote di magistrati e a sua volta con un figlio magistrato, Borrelli, trasferitosi a Firenze, ha studiato al conservatorio (la musica, insieme alla montagna, è stata una delle sue passioni) e si è laureato in legge con una tesi su 'Sentimento e sentenza'. Relatore fu Piero Calamandrei. Vinto il concorso nel 1955, è entrato in magistratura come giudice civile a Milano, nel palazzo dove il padre era la più alta carica. Passato dal civile al penale, ha presieduto sezioni di tribunale e di Corte d'Assise, giudicando anche le Br. Negli anni Sessanta è stato tra i fondatori della corrente di Magistratura Democratica.

Il 17 marzo 1988 Borrelli è succeduto a Mauro Gresti alla guida della Procura della Repubblica, dove dal 1983 era procuratore aggiunto. È diventato noto con Mani Pulite, la maxi-inchiesta che ha coordinato con il vice Gerardo D'Ambrosio, collega ed amico scomparso il 30 marzo 2014 e con il quale, peraltro, si è talvolta trovato in disaccordo sui temi di politica giudiziaria. Dal 1999 al 2002 come Procuratore Generale ha difeso con fermezza il principio costituzionale della indipendenza della magistratura.

"Un grande capo che ha saputo anche proteggerci, un grande magistrato che ha fatto la storia di questo Paese". Sono le prime parole di Francesco Greco, capo della Procura di Milano e che faceva parte del pool 'mani pulite'. "Con la sua guida autorevole ha fondato lo spirito moderno dell'ufficio nell'intransigente rispetto dei valori di indipendenza e legalità. Il suo esempio ispira quotidianamente il nostro lavoro. Nei nostri cuori vive con orgoglio la sapienza di un uomo speciale". Così la Procura di Milano in un comunicato di Francesco Greco "piange" Borrelli. 

"Scompare un baluardo resistente a difesa e a tutela dell'indipendenza della magistratura". Così il procuratore generale di Milano Roberto Alfonso. In Procura generale, ha detto, il ricordo di lui è "vividissimo", "era sempre presente ad ogni ricorrenza" nel Tribunale milanese. Il pg Alfonso, dal punto di vista personale, ricorda soprattutto la sua "cordialità e cortesia".

Bobo Craxi, guidò un colpo di Stato - "Ebbe la funzione di guidare un sovvertimento istituzionale da parte di un corpo dello Stato nei confronti di un altro. Non è una mia opinione personale, i giuristi lo chiamano colpo di Stato". Così Bobo Craxi, figlio di Bettino, l'ex premier socialista morto nel 2000. Borrelli, ha proseguito Bobo Craxi contattato dall'ANSA, "è stato protagonista della storia di questo Paese e ha saputo negli ultimi anni esprimere un secco revisionismo su quell'azione che ebbe risvolti politici a tutti noti. Seppe fare un'analisi obiettiva". Tornando agli anni di Mani Pulite, Bobo Craxi ha affermato che quei magistrati "svolsero un'azione politica che loro stessi consideravano rivoluzionaria e i presupposti rivoluzionari non hanno il problema di dover applicare i manuali".

© Regiopress, All rights reserved