Keystone
Estero
11.07.2019 - 09:550
Aggiornamento : 11:06

In Siria si continua a morire: nelle ultime 24 ore 50 vittime

Il bilancio è dell'Osservatorio nazionale per i diritti umani Ondus, gli scontri si sono svolti nel nord-ovest vicino al confine con la Turchia

Circa 50 tra militari governativi siriani e miliziani anti-regime sono stati uccisi in scontri nel nord-ovest del paese nelle ultime 24 ore, secondo quanto riferito dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui gli scontri si sono verificati nella regione di Hama, al confine con quella di Idlib, e in quella di Latakia, vicino al confine con la Turchia.

In tutto l'Ondus ha documentato la morte di 47 tra soldati di Damasco e loro rivali delle opposizioni armate.

Fonti delle opposizione riferiscono dell'avanzata degli insorti nella zona di Hamamiyat, a nord-ovest di Hama, nei pressi di una collina definita "strategica" perché domina la pianura circostante.

Altri scontri si sono verificati a ovest di Idlib sulle montagne di Jabal Turkman, nella regione di Latakia. Qui le forze governative hanno resistito all'assalto degli insorti.

Potrebbe interessarti anche
Tags
scontri
siria
ondus
nord-ovest
confine
© Regiopress, All rights reserved