laRegione
Nuovo abbonamento
svolta-di-corbyn-sulla-brexit-si-al-referendum-bis
L'unica riserva resta legata alla possibilità che il prossimo governo Tory cada, passi la mano a un esecutivo laburista e che sia questo a negoziare una Brexit soft (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
3 ore
Statale Valle Vigezzo, 'è tutto vero!'
Entro la fine di luglio il via ai lavori su questa martoriata arteria di collegamento con le Centovalli
Estero
7 ore
L'Inghilterra introduce l'obbligo delle mascherine nei negozi
La misura sarà valida dal 24 luglio. Con 45'000 morti la Gran Bretagna è uno dei Paesi più colpiti dal coronavirus
Estero
17 ore
Coronavirus, in California torna il lockdown
A causa dell'impennata di contagi, il governatore Gavin Newson ha disposto la chiusura di tutte le attività non essenziali
Estero
17 ore
Quarto giorno di proteste in Bulgaria
Migliaia di persone a Sofia manifestano chiedendo le dimissioni del governo conservatore
Estero
17 ore
Aumenta il numero di migranti sulla rotta del Mediterraneo
Secondo i dati di Frontex, hanno attraversato il mare 7200 persone, l'86% in più del 2019
Estero
17 ore
A Los Angeles e San Diego avanti con la scuola da casa
La misura, decisa a seguito dell'impennata di contagi da coronavirus, resterà in vigore almeno fino alla fine del 2020
Estero
17 ore
Duda resta presidente della Polonia di Kaczynski
Il candidato della destra nazionalista cattolica la spunta, per poco, sul sindaco di Varsavia
Estero
19 ore
Erdogan non vuole 'interferenze', Putin lo accontenta
Su Santa Sofia il presidente turco rivendica la sovranità delle scelte e cavalca le proteste internazionali
Estero
20 ore
Coronavirus: Oms, troppi paesi ora si scordano dell'emergenza
Per il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità il virus deve continuare ad essere trattato come il 'nemico pubblico numero uno'
Estero
23 ore
Lo sciamano diffusore del virus
Un villaggio siberiano in autoisolamento dopo la scoperta del contagio
Estero
09.07.2019 - 19:480

Svolta di Corbyn sulla Brexit, sì al referendum bis

Così il leader dell'opposizione brittanica: 'il Labour farà campagna pro Remain contro qualunque accordo Tory che non protegga l'economia e i posti di lavoro'

Arriva la svolta di Jeremy Corbyn sulla Brexit, lungamente attesa e lungamente rinviata: il leader dell'opposizione britannica formalizza la richiesta del Labour di un secondo referendum sul divorzio da Bruxelles, lanciando il guanto di sfida al futuro premier (quasi sicuramente Boris Johnson) e impegnandosi a sostenere l'opzione di restare nell'Ue (Remain) contro qualunque no deal o qualunque accordo che un prossimo governo Tory fosse mai in grado di portare a casa.

La decisione laburista è stata ratificata oggi dal governo ombra e annunciata da Corbyn in una lettera aperta agli iscritti. Lettera in cui il leader - azzoppato dal pessimo risultato delle recenti elezioni europee dopo aver tentato insistentemente di mantenersi in bilico fra la maggioranza anti Brexit e lo zoccolo duro pro Leave del suo partito - rompe gli indugi, superando buona parte delle esitazioni che il fronte filoeuropeo gli aveva finora rimproverato. E sollecita chi fra Boris Johnson e Jeremy Hunt subentrerà a Theresa May ad accettare di "restituire la parola al popolo". "Chiunque diventi primo ministro, dovrebbe sottoporre a un voto pubblico il suo deal, o un no deal", scrive Corbyn. E in questo caso, aggiunge, "il Labour farà campagna pro Remain contro qualunque accordo Tory che non protegga l'economia e i posti di lavoro".

L'unica riserva - come concordato ieri in una riunione fra i vertici laburisti e i sindacati - resta legata alla possibilità che il prossimo governo Tory cada, passi la mano a un esecutivo laburista e che sia questo a negoziare una Brexit soft. Ma comunque la svolta c'è, certifica Hilary Benn, presidente della commissione Brexit alla Camera dei Comuni e capofila dell'ala più euro-entusiasta del Labour, che parla di "un momento molto significativo". Un cambio di passo che ottiene il plauso tanto della fronda interna animata dal vice leader Tom Watson, quanto degli esponenti della sinistra interna fedelissimi di Corbyn, come il cancelliere dello scacchiere ombra John McDonnell, che sul dossier Brexit si erano dissociati negli ultimi mesi dagli equilibrismi imputati al compagno Jeremy. 

D'altro canto il sogno di una rivincita referendaria non è nelle mani del Labour o delle sole opposizioni. Per renderlo possibile occorrerà una maggioranza parlamentare, fuori discussione a meno di una rivolta di 40-50 deputati conservatori disposti a rompere con il leader destinato a succedere alla May a Downing Street e a correre il rischio di elezioni anticipate: scenario destinato a chiarirsi meglio dopo il 23 luglio, giorno nel quale è previsto il verdetto del ballottaggio per la leadership Tory fra il favoritissimo Johnson e Jeremy Hunt.

I sondaggi fra i 160.000 iscritti Tory - in maggioranza maturi ed euroscettici, chiamati a decidere la sfida attraverso un voto postale le cui procedure sono già iniziate - lasciano in effetti pochi spazi ai dubbi. Boris appare lanciato verso il traguardo nonostante gli ultimi attacchi di Hunt nel dibattito televisivo a due di stasera su Itv. Tanto più che l'impegno di attuare la Brexit costi quel che costi (unito alle promesse di mirabolanti tagli fiscali) accomuna i contendenti, con la differenza che Johnson si mostra se non altro più chiaro nell'indicare tassativamente l'azzardo della scadenza dell'uscita dall'Ue il 31 ottobre. Deal o no deal. Mentre in materia di relazioni internazionali è sempre lui a proporsi come scelta migliore rispetto al suo successore al Foreign Office per provare a ricucire con l'alleato americano e con "l'amico" Donald dopo l'ennesima polemica innescata dal leak dei cablo anti-Trump dell'ambasciatore negli Usa, Kim Darroch. E la reazione furiosa del presidente americano sfociata giusto oggi in una nuova raffica di accuse via Twitter alla dimissionaria May per la sua politica sulla Brexit, accompagnato da una sorta di benservito allo "stupido presuntuoso" Darroch.
 
 

© Regiopress, All rights reserved