laRegione
Nuovo abbonamento
elezioni-usa-2020-popolarita-trump-in-alza-nei-sondaggi
Tra gli elettori registrati, la percentuale dei positivi su Trump passa dal 42% al 47% (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
11 ore

Boeing si spezza in due all'atterraggio in India

Il velivolo della Air India proveniente da Dubai si è schiantato all'aeroporto di Kozhikode, nel sud del paese. Passeggeri tutti indiani, almeno 20 i morti.
Estero
11 ore

Strali cinesi su Trump per la messa al bando di TikTok e WeChat

TikTok minaccia azioni legali. Il ministero degli esteri: repressione politica. Ma il presidente americano si fa forte dell’appoggio del Congresso.
Estero
12 ore

Scontri per le strade di Beirut, preludio al raduno di protesta

Grande manifestazione domani nella capitale libanese ancora sotto shock. Nasrallah, capo di Hezbollah: non avevamo un deposito di armi nel porto.
Estero
14 ore

Coronavirus in Italia, salgono ancora i contagi

Nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della salute, si sono registrati 552 nuovi casi, 150 in più di ieri
Estero
16 ore

TikTok minaccia azione legale contro ordine Trump

Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere la partecipazione nelle operazioni di TikTok negli Usa
Confine
17 ore

Boom di aspiranti camici bianchi all'Università dell'Insubria

Si sono moltiplicate le iscrizioni ai corsi di Medicina, Odontoiatria e Fisioterapia. Le immatricolazioni vanno al di là dei posti disponibili
Estero
18 ore

Beirut, incendio in zona esplosione

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato vicino al luogo dell'esplosione. Arrestato il direttore del porto
Estero
1 gior

Beirut: 157 morti, arrestato il direttore del porto

È tra le sedici persone arrestate dopo la violenta esplosione che ha devastato la capitale libanese. I feriti sono oltre cinquemila.
Estero
08.07.2019 - 19:550
Aggiornamento : 09.07.2019 - 22:35

Elezioni Usa 2020, popolarità Trump in alza nei sondaggi

Aiutato dal boom economico, il tycoon vede salire il suo indice di approvazione al livello più alto della sua presidenza. Oggi è in vantaggio su tutti i dem tranne Joe Biden

La strada per la rielezione di Donald Trump è stretta ma reale. Aiutato dal boom economico, il presidente ha visto salire il suo indice di approvazione al livello più alto della sua presidenza: dal 39% di aprile al 44% di luglio, secondo un sondaggio di Washington Post-Abc News realizzato alla fine del mese scorso, durante il G20 giapponese.

Tra gli elettori registrati, la percentuale passa dal 42% al 47%. A disapprovare il suo operato è ancora la maggioranza: il 53%, ma tra gli elettori registrati la percentuale scende al 50%. A spingerlo è soprattutto l'ottimo stato di salute dell'economia, l'unico terreno su cui supera il 50% (51%). Su altri temi rilevanti ha solo la minoranza: dall'immigrazione (40%) alla sanità (38%), dalla politica estera (40%) alle questioni che preoccupano le donne, aborto compreso (32%). Non a caso gli uomini preferiscono nettamente il magnate, mentre le donne sostengono i principali candidati democratici. Più di sei americani su 10 ritengono inoltre che abbia agito in modo non presidenziale da quando si è insediato.

In un ipotetico duello elettorale, Trump è in vantaggio su tutti i maggiori rivali democratici, tranne Joe Biden, che lo distacca di 10 punti: 53% contro il 43%. Ma non è un divario incolmabile e il tycoon dà il meglio negli scontri diretti. Senza contare che l'ex vice di Obama è in calo nei sondaggi rispetto ad altri candidati dem. Ieri si è dovuto scusare per essersi vantato della sua capacità di negoziare negli anni settanta con senatori segregazionisti, facendo passare ben due settimane dalle critiche di Kamala Harris. La senatrice californiana adesso è in ascesa insieme alla collega Elizabeth Warren - a scapito anche di Bernie Sanders scivolato al quarto posto - aumentando così le chance di un ticket dem con una donna. La maggiore delusione per ora è quella dell'ex deputato texano Beto O'Rourke, una stella che non riesce a riaccendersi in una corsa troppo affollata che sembra destinata ad avere un nuovo candidato dem, il numero 24.

Il miliardario Tom Steyer, 61 anni, uno dei maggiori donatori del partito, è infatti pronto ad annunciare la sua discesa in campo, secondo Politico. In gennaio aveva rinunciato, seguito in marzo da un altro Paperone, l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg. Ma ora sembra averci ripensato, anche se sconterà il notevole ritardo e la carenza di strateghi per lo staff. Attivista ambientalista e filantropo con posizioni progressiste, con un patrimonio stimato di 1,6 miliardi di dollari, Steyer ha fatto discutere negli ultimi tempi per la sua campagna da 50 milioni di dollari per l'impeachment di Trump, di cui è un irriducibile antagonista. In passato ha sostenuto, anche finanziariamente, le campagne presidenziali di Barack Obama, di cui si vociferava potesse diventare ministro (tesoro o energia), e di Hillary Clinton.

© Regiopress, All rights reserved