ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Putin: ‘La Russia è di nuovo minacciata dai panzer tedeschi’

Il presidente russo ha partecipato alla commemorazione dell’anniversario della battaglia di Stalingrado vinta dai russi contro i tedeschi 80 anni fa
Estero
3 ore

Coppia italo-svizzera morta in Spagna, è femminicidio-suicidio

Lo confermano gli inquirenti. I 64enni, italiano lui e svizzera lei, erano stati trovati morti martedì pomeriggio entrambi con ferite da arma da fuoco
Estero
6 ore

Malpensa: in maggio riapre il terminal 2, quello di EasyJet

Dopo la chiusura per il crollo del traffico aereo in periodo Covid, i lavori di riqualifica aumenteranno i servizi ai passeggeri
Estero
8 ore

Latitante da 17 anni arrestato in Francia: faceva il pizzaiolo

Edgardo Greco, presunto esponente della ’ndrangheta di Cosenza, è stato condannato all’ergastolo per omicidi risalenti agli anni 90
Estero
10 ore

’ndrangheta, sequestrati beni per 45 milioni tra Italia e Usa

I patrimoni sono riconducibili a due fratelli imprenditori nel settore edilizio-immobiliare
Estero
19 ore

Minaccia terroristica: chiude l’ambasciata svizzera ad Ankara

Un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri ha parlato di informazioni concrete di pericolo di attentati
Estero
21 ore

Protagonista del Ticinogate, Gerardo Cuomo di nuovo arrestato

Nel 2001 era stato al centro di uno scandalo di corruzione. Più volte nel mirino delle inchieste per contrabbando di sigarette, è stato fermato a Bologna.
stati uniti
21 ore

La Fed alza i tassi dello 0,25%, mai così alti dal 2007

La Federal Reserve parla di mossa appropriata in vista degli obiettivi massima occupazione e inflazione al 2%
russia
21 ore

Il ritorno di Stalin, un busto a Volgograd

Nell’ottantesimo anniversario della battaglia di Stalingrado, tra storia e propaganda
05.07.2019 - 20:01

Cina, i bambini di etnia uigura tolti ai genitori

Oltre 400 pargoli sono stati internati su ordine di Pechino in strutture di rieducazione. Così il governo intende combattere la piaga dell'estremismo islamico

di ATS
cina-i-bambini-di-etnia-uigura-tolti-ai-genitori

Oltre 400 bambini di etnia uigura, in una sola città dello Xinjiang, sono stati separati da uno o da entrambi i genitori, finiti in carcere o internati in strutture di rieducazione: contro le piaghe "del terrorismo e dell'estremismo" soprattutto religioso, come rivendica Pechino, neanche loro sfuggono al processo di "mandarinizzazione" che va avanti spedito nella regione del nordovest della Cina, caratterizzata dalla forte minoranza musulmana turcofona. Se sono centinaia di migliaia, se non più di un milione secondo alcuni rapporti rimbalzati all'Onu, gli adulti rinchiusi nei centri di detenzione, il passaggio aggiuntivo è la campagna che passa per scuole e dormitori dedicati alle nuove generazioni. Da un'inchiesta della Bbc, ad esempio, è emerso che uno delle decine di uiguri intervistati e residenti in Turchia, Abdurahman Tothi, ha raccontato di non avere più notizie dei suoi figli da tre anni, dopo il loro viaggio con la madre nello Xinjiang per una visita ai nonni. L'uomo ha spiegato di aver trovato un video online di un bambino che è sicuro essere suo figlio, Abdulaziz, che parla in mandarino e non in uiguro, la sua lingua madre. "Il loro obiettivo - è stata la sua amara spiegazione - è di farne degli han cinesi, portandogli via la loro vera identità". I bambini sono destinati, secondo la ricostruzione della tv britannica, a scuole con enormi dormitori, sorte negli ultimi anni con i centri "di addestramento vocazionale" destinati agli adulti che, dopo aver commesso reati, puntano al reinserimento sociale. Su 60 interviste, genitori o parenti hanno raccontato nei dettagli la scomparsa di oltre 100 bambini. Una fonte diplomatica che ha visitato la regione ha rimarcato con l'ANSA le "evidenze di primarie e sistematiche violazioni dei diritti umani" in una strategia che non ammette "soluzioni alternative" al modello han, l'etnia maggioritaria in Cina. Adrian Zenz, ricercatore tedesco in prima linea sul caso, ha raccolto le prove della campagna senza precedenti per ampliare o costruire scuole nella stessa regione: nuovi dormitori per far salire a dismisura la capacità recettiva di nuovi studenti in strutture dotate di sorveglianza e filo spinato elettrico. Solo nel 2017 il numero di bambini iscritti negli asili dello Xinjiang è aumentato di oltre mezzo milione: secondo i dati ufficiali del governo, oltre il 90% di questo incremento era costituito dall'etnia uigura e di altre minoranze musulmane. L'obiettivo, ha spiegato Zenz, è di far "crescere una nuova generazione recisa dalle origini, dalla conoscenza culturale e persino dalla lingua. Penso che le prove indichino quello che possiamo chiamare un genocidio culturale". Il lavoro della Bbc è caduto in concomitanza con il decimo anniversario delle rivolte di Urumqi, capoluogo dello Xinjiang, che causarono 197 morti negli scontri di natura indipedentista tra uiguri e forze dell'ordine. Il Global Times, costola del Quotidiano del Popolo ("voce" del Partito comunista cinese) ha pubblicato in prima una foto di Urumqi e un lungo articolo sui progressi fatti nella regione, lamentandosi delle "distorte ricostruzioni" dei media stranieri, occidentali in primis. E' di pochi giorni fa, invece, la visita del presidente turco Recep Tayyip Erdogan in Cina, in passato tra i sostenitori più fermi della causa uigura fino alle tensioni diplomatiche sulle sorti dell'Est Turkestan, lo Xinjiang: ora è convinto che Ankara e Pechino possano "trovare una soluzione alla questione" che tenga conto delle "sensibilità di entrambe le parti".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved