laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Estero
Brasile
1 ora
Il presidente brasiliano Bolsonaro ha il Covid-19
Il tampone ha dato esito positivo. Bolsonaro aveva accusato sintomi compatibili con l'infezione da coronavirus
Brasile
1 ora
Bolsonaro dice di stare meglio: 'Febbre scesa'
Il presidente brasiliano ha sintomi compatibili con quelli del Covid-19. In giornata il risultato del tampone
Estero
5 ore
Più chilometri e auto più 'potenti', la CO2 non cala in Svizzera
Il contributo dei biocarburanti e dei veicoli elettrici e bilanciato da una maggiore mobilità con veicoli a maggiore emissione
Confine
6 ore
A Como riprendono i lavori per le paratie
A sette anni dall'ultimo 'stop' riapre il cantiere. Si investiranno 13 milioni di euro. L'orizzonte temporale è il 2023
Estero
9 ore
Alleggerivano i conti correnti di ignari cittadini
Vasta operazione volta a sgominare una delle più importanti organizzazioni criminali internazionali dedite agli attacchi informatici.
Estero
11 ore
Il presidente brasiliano Bolsonaro con sintomi "dell'influenzina"
Il capo di Stato brasiliano ha febbre e un'alta saturazione del sangue. Atteso in giornata l'esito del test.
Estero
20 ore
Usa, la polizia 'colpisce' ancora
Ucciso con almeno otto colpi a bruciapelo un uomo ispanico che si trovava nella sua auto, a Phoenix, Arizona. Nuove polemiche e proteste dopo il caso Floyd.
Confine
20 ore
'Ndrangheta, ergastolo per mandante e killer
Condannati la mente e l'esecutore dell'omicidio nel 2008 nel Comasco di un 35enne autotrasportatore, giustiziato mentre giocava a carte in un bar
Estero
21 ore
La Cina alla Gran Bretagna: su Hong Kong non interferite
Pechino lancia un avvertimento a Londra. Il ministro degli esteri inglese respinge le accuse.
Estero
21 ore
Niente bus senza mascherine, picchiano l'autista
Aggressione ieri sera a Bayonne (Francia). L’uomo è in stato di morte cerebrale. Fermata una persona.
Hong Kong
23 ore
Hong Kong, la censura cinese si abbatte sui libri scolastici
I volumi che non rispettano la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechiono dovranno essere ritirati
Stati Uniti
23 ore
Negli Usa i grandi elettori 'devono rispettare il popolo'
Nelle elezioni presidenziali, non tutti i delegati hanno rispettato le scelte della popolazione del proprio Stato. Per i giudici il rischio è il 'caos'
Estero
05.07.2019 - 12:010

RaiCom, Foa si dimette in segno di 'rispetto per le istituzioni'

Pur ribadendo 'l'assoluta legalità' dell'incarico, il presidente Rai rinuncia viste le 'iniziative politiche' e la conseguente risoluzione parlamentare della Vigilanza

Il presidente della Rai, Marcello Foa, e i consiglieri d'amministrazione Rai Beatrice Coletti, Igor De Biasio e Giampaolo Rossi, hanno annunciato le dimissioni dal Consiglio d'amministrazione di RaiCom e Rai Pubblicità in apertura della riunione odierna del Cda Rai, come segno di "rispetto per le istituzioni parlamentari" e pur ribadendo "l'assoluta legalità, la piena coerenza statutaria e ragionata esigenza organizzativa e di controllo di Gruppo" che aveva determinato l'accettazione dell'incarico in RaiCom.

"Il Cda della Rai – sottolinea il presidente Foa in una lettera all'Amministratore delegato Fabrizio Salini, al Cda e al Collegio Sindacale condivisa in apertura di Consiglio – mi ha designato alla Presidenza di RaiCom su proposta dell'Amministratore delegato. Avendo consultato preventivamente l'azionista Ministero dell'Economia e delle Finanze e preso atto della sua condivisione, l'Assemblea di RaiCom mi ha nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione della stessa. Ho accettato la nomina – prosegue la lettera – con spirito di servizio, nella consapevolezza della piena legittimità e correttezza dell'iter societario e autorizzativo seguito, e rinunciando al compenso deliberato dall'Assemblea RaiCom, in assenza di una specifica policy in materia da parte della capogruppo Rai spa. Come noto RaiCom è una società controllata al 100% da RAI spa (che ne esercita 'direzione e coordinamento' quali previsti e normati dagli art. 2497 e seguenti del Codice Civile, che disciplinano in radice la gestione degli interessi comuni o potenzialmente conflittuali). Evidenzio che il Consiglio di Raicom ha attribuito al solo Amministratore Delegato tutti i poteri gestionali/operativi non riservati statutariamente al Consiglio stesso. Pertanto a norma di legge e di statuto non sussiste alcuna situazione di reale o potenziale incoerenza, o personale conflitto, rispetto alla carica da me ricoperta in Rai spa, rispondendo viceversa, come evidenziato in più occasioni dall'Amministratore Delegato, alla fisiologica esigenza di una Capogruppo di rafforzare il presidio diretto sulla società controllata, specie alla vigilia di un nuovo e sfidante piano industriale. In sintesi l'incarico è stato accettato nell'assoluta legalità, in piena coerenza statutaria e ragionata esigenza organizzativa e di controllo di Gruppo".

Cionondimeno, conclude la lettera del presidente Foa, "iniziative politiche hanno dato luogo il 19 giugno a una risoluzione della Commissione Parlamentare di Vigilanza che invita il Consiglio di Amministrazione della Rai a riconsiderare la designazione e la mia conseguente nomina. Per il rispetto delle Istituzioni che intendo continui a caratterizzare il mio essere e il mio agire, anche come Presidente della Rai, prescindendo dalle pur rilevanti considerazioni legali di dissenso, scelgo di rinunciare all'incarico in RaiCom e procederò a notificare la mia decisione alla stessa RaiCom con le modalità previste dalla legge per il seguito di competenza".

'Rispetto dell'istituzione parlamentare'

Le stesse valutazioni risultano condivise dai consiglieri Rai nominati in RaiCom e Rai pubblicità in una lettera illustrata in Cda, che ribadisce anch'essa la "assoluta legalità, piena coerenza statutaria e ragionata esigenza organizzativa e di controllo di Gruppo" alla base delle nomine. "Tuttavia – conclude la lettera dei consiglieri Coletti, De Biasio e Rossi all'Ad Salini, al Cda e al Presidente del Collegio sindacale – il 19 giugno è stata votata a maggioranza una risoluzione della Commissione Parlamentare di Vigilanza volta a indurre il Consiglio RAI a riconsiderare la designazione del Presidente Foa. Alla luce di ciò, intendiamo, per rispetto dell'Istituzione parlamentare, per il prioritario interesse aziendale e per coerenza con i criteri e le modalità di designazione sopra ricordati, manifestare la volontà di rinunciare tutti alle rispettive designazioni alla carica amministrativa attribuitaci presso le due società controllate. Enunciamo oggi tale decisione - conclude la lettera - per autonoma e convinta volontà di affiancare la decisione già assunta dal Presidente. Procederemo di conseguenza a notificarla con le modalità di legge alle due società controllate per il seguito di competenza."

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved