Idlib (Kestone)
Siria
23.06.2019 - 11:210

La guerra ha fatto 500 vittime in due mesi

La conta dei morti è della Rete siriana per i diritti umani, ong che sta monitorando da anni il conflitto

Sono circa 500 i civili siriani uccisi in due mesi di offensiva russa e governativa siriana nella regione di Idlib, dove vivono circa tre milioni di persone e operano decine di migliaia di miliziani anti-regime tra cui esponenti della galassia qaidista. Lo riferisce la Rete siriana per i diritti umani, organizzazione siriana e internazionale che da anni monitora e documenta le violazioni commesse dalle parti belligeranti nella guerra in corso.

Secondo l'organizzazione, dalla fine di aprile a oggi sono stati uccisi 487 civili nella regione di Idlib e nei distretti delle regioni circostanti di Ham, Aleppo e Latakia. Nell'area operano miliziani anti-governativi e secondo media di Damasco questi "terroristi" sono responsabili dell'uccisione di decine di civili che abitano nelle zone vicine alla linea del fronte e raggiunti da colpi di artiglieria dei miliziani.

Tra le circa 500 vittime dei raid aerei russi e governativi si registrano 118 minori e 92 donne, afferma la Rete siriana per i diritti umani. E i feriti sono 1'487, molti dei quali rimarranno invalidi e con bisogno di assistenza medica per tutta la vita, secondo quanto riferito dall'organizzazione umanitaria.

Potrebbe interessarti anche
Tags
siriana diritti
vittime
guerra
siriana diritti umani
rete
diritti
diritti umani
organizzazione
miliziani
rete siriana diritti
© Regiopress, All rights reserved