Ti-Press
Estero
11.06.2019 - 19:570

Dazi sulle bici cinesi, l'Ue vuole rinnovarli

Prezzi bassi causerebbero un regime di dumping e metterebbero in crisi la produzione europea

L'Unione europea sarebbe pronta a prorogare per altri cinque anni i dazi antidumping sulle biciclette cinesi. Lo apprende Ansa da fonti vicine al dossier. L'esecutivo Ue avrebbe infatti completato una revisione, avviata a giugno 2018, delle misure antidumping nei confronti dei produttori di biciclette cinesi, concludendo che l'intervento di Pechino sui costi di produzione distorce la concorrenza, e qualsiasi revoca dei dazi porterebbe a un boom di importazioni in Europa. I risultati conclusivi dell'indagine saranno resi noti a settembre e, se i Ventotto concorderanno con la Commissione, i dazi saranno rinnovati per altri cinque anni.

Un provvedimento ritenuto “essenziale” dal segretario generale dell'associazione europea dei produttori di bici (Ebma), Moreno Fioravanti, che ritiene che «senza parità di condizioni, i produttori cinesi invaderebbero il mercato in Ue» in regime di dumping, mettendo in crisi l'industria europea. Le biciclette cinesi, sottoposte a misure antidumping dal 1993, sono attualmente soggette a dazi del 48,5 per cento. Le misure riguardano anche le biciclette da Cambogia, Filippine, Tunisia, Sri Lanka, Indonesia e Pakistan, anche se con alcune esenzioni.

Potrebbe interessarti anche
Tags
dazi
ue
biciclette
misure
biciclette cinesi
bici
produttori
© Regiopress, All rights reserved