laRegione
Nuovo abbonamento
trump-tassa-il-made-in-messico-per-bloccare-l-immigrazione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
19 ore

Ricoverato il fratello di Donald Trump: 'È molto grave'

Il presidente statunitense dovrebbe recarsi a trovarlo nelle prossime ore in un ospedale di New York
Minsk
21 ore

Bielorussia, libero il giovane vallesano arrestato a Minsk

L'uomo era stato fermato domenica in relazione alle proteste contro i presunti brogli durante le elezioni presidenziali
Francia
1 gior

Coronavirus, Parigi e Marsiglia sono 'zone ad alto rischio'

Lo hanno decretato le autorità francesi, secondo quanto riporta la stampa transalpina. I prefetti potranno adottare misure più restrittive
Stati Uniti
1 gior

Usa, il giudice a Trump: 'Mostri prove del rischio di frodi'

I repubblicani dovranno dimostrare che in Pennsylvania esiste la possibilità di brogli con il voto per corrispondenza. Trump non vuole rifinanziare le poste
Estero
1 gior

A Lourdes pellegrini con mascherina

La tradizionale visita del 15 agosto sottostà alle severe norme anti covid. Il provvedimento riguarda il santuario ma anche gli spazi esterni
Confine
1 gior

Valgrande, ritrovati i due dispersi

Vigezzo, la vasta operazione di ricerca ha permesso di localizzarli sani e salvi. Sono stati sorpresi dal maltempo e hanno perso tempo prima di ripartire
Estero
1 gior

Bielorussia, liberati 1000 manifestanti

La decisione del Governo spotrebbe essere seguita da un'indagine sui motivi che hanno portato a un così elevato numero di fermi da parte della polizia
Estero
1 gior

Italia, allarme Covid: si avvicinano i 1000 focolai

La situazione sul fronte dell'emergenza sanitaria sta peggiorando. Diminuisce il numero delle Regioni toccate, ma vanno crescendo le trasmissioni
Estero
31.05.2019 - 07:500

Trump tassa il 'made in Messico' per bloccare l'immigrazione

Annuncio a sorpresa del presidente Usa. Dazi del 5% da metà giugno, che potranno salire fino al 25% entro ottobre se il Paese limitrofo non fermerà l'esodo

Il presidente statunitense Donald Trump si gioca l'arma dei dazi per fermare l'immigrazione illegale dal Messico e annuncia a sorpresa che a partire dal 10 giugno saranno imposte tariffe del 5% sul 'Made in Messico' importato negli Usa.

Le tariffe – avverte Trump – "saliranno gradualmente" fino a raggiungere il 25% in ottobre se il Messico non agirà per bloccare il flusso di immigrati illegali.

Dal 5% di giugno i dazi saliranno al 10% in luglio, al 15% in agosto, al 20% in settembre e al 25% in ottobre. "Resteranno permanentemente al 25% fino a che e a meno che il Messico non fermerà il flusso di immigrati" e aiuterà a risolvere la crisi al confine fra i due paesi, spiega Trump. L'annuncio arriva come una doccia fredda sul Messico: "Non sapevamo, non era atteso" dice il vice ministro messicano per il Nord America, Jesus Seade.

"Non vogliamo una guerra commerciale con gli Stati Uniti" aggiunge Seade, precisando che non ci saranno ritorsioni "fino a quando" la misura non sarà stata attentamente esaminata. L'annuncio del presidente americano ha come effetto immediato quello di far crollare il peso messicano, che arriva a perdere fino al 2,3%.

Il peso dei dazi sull'accordo commerciale

I "dazi sull'immigrazione" sono un tema completamente separato da quello commerciale, spiega il capo dello staff ad interim della Casa Bianca, Mick Mulvaney, mettendo in evidenza che il Congresso era stato informato in precedenza. "Ci auguriamo di non arrivare al 25%" aggiunge. L'affondo di Trump rischia comunque di complicare il braccio di ferro avviato con il Congresso sull'accordo di libero scambio con il Canada e il Messico, il Nafta 2.0. La Casa Bianca ha forzato la mano e avviato la procedura per l'approvazione nonostante lo scetticismo dei deputati democratici.

L'amministrazione ha inviato infatti una lettera ai leader del Congresso, il cosiddetto Statement of Administrative Action che consente alla Casa Bianca di inviare al Congresso l'accordo commerciale entro 30 giorni. Trump punta all'approvazione dell'accordo entro l'estate ma il Congresso sta temporeggiando. E i dazi annunciati sull'immigrazione, tema già controverso e di scontro con i democratici, rischiano di complicare la partita.

Muro al confine: tentativo fallito

Intanto è fallito il tentativo dell'amministrazione di iniziare i lavori di costruzione del muro al confine con il Messico a El Paso, in Texas, e a Yuma, in Arizona. Il giudice federale Haywood Gilliam ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di sospendere l'ordine che vieta alla Casa Bianca di trasferire fondi dal Dipartimento della Difesa per avviare la costruzione del muro nelle due aree identificate. Gilliam la scorsa settimana ha emesso un'ingiunzione preliminare per bloccare il trasferimento dei fondi da usare per i lavori.

© Regiopress, All rights reserved