italia
09.05.2019 - 08:560

Prima 800 telefonate al giorno poi gli butta dell'acido addosso

Sfregiato dalla ex, un trentenne di Legnano rischia di perdere l'occhio. Ad aprile l'aveva denunciata per stalking.

Sfregiato con l'acido dalla ex. La vittima è un 30enne di Legnano rimasto gravemente ustionato al viso e al torace e che ora rischia di perdere un occhio. L'uomo è stato colpito al volto con acido, lanciatogli contro dalla ex fidanzata di 38 anni dopo una lite in strada a Legnano, nel Milanese. La donna, 38enne, si è poi costituita ai Carabinieri ed è stata quindi fermata per lesioni personali gravissime e atti persecutori. Ora è in carcere.

La donna era stata denunciata dall'ex compagno a fine aprile per atti persecutori e gli atti erano stati trasmessi alla Procura di Busto Arsizio. La relazione tra la donna e l'operaio italiano, 30enne (entrambi residenti a Legnano), era durata appena una ventina di giorni lo scorso inverno ed era finita a dicembre. Da subito la donna aveva cominciato a perseguitare il giovane con telefonate continue (anche 800 al giorno) e minacce 8sms con foto di abre), fino ad arrivare a tagliargli le gomme della macchina. Poi la lite sotto casa di lui culminata con il terribile gesto: la donna ha versato l'acido da un bicchiere diretto al volto e al torace. L'ha colpito in pieno all'occhio, tanto che il 30enne ora rischia di perdere l'organo avendo subito un'ustione di terzo grado. Ha anche cercato di difendersi con le mani, sulle quali risultano bruciature. È stato il fratello di lui a chiamare il 118, che l'ha soccorso e portato all'ospedale di Legnano. Sul posto è intervenuto anche il commissariato di polizia.


La donna poco dopo si è recata nella stazione dei Carabinieri di Legnano e si è costituita. Aveva anche lei ustioni di secondo grado alle mani, che le sono state medicate alla clinica di Castellanza. I militari l'hanno subito arrestata per lesioni personali aggravate e atti persecutori. Solo due giorni fa la stalker era stata avvicinata da un'inviata della trasmissione Mediaset "Le Iene", chiamata dal fratello gemello dell'aggredito, con l'intento di convincerla a non perseguitare più il ragazzo. "Io gli ho chiesto scusa, lui ha mai detto 'scusa Sara'?", le parole della donna in un video reso pubblico dalla trasmissione. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
legnano
donna
acido
atti
giorno
atti persecutori
rischia perdere
telefonate
30enne
occhio
© Regiopress, All rights reserved