laRegione
Nuovo abbonamento
brexit-non-un-giorno-di-piu
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Nuovi scontri a Beirut, in arrivo aiuti per 250 milioni di euro

La tensione resta alta dopo la grande manifestazione di protesta di ieri. Alla videoconferenza voluta da Macron piovono le promesse di donazione.
Estero
1 ora

Crolla ghiacciaio sopra Aosta, anzi no: riaperta la Val Ferret

Il sindaco di Courmayeur ha revocato l'ordinanza decisa a causa dell'instabilità. La rabbia degli operatori turistici
Estero
1 ora

Bielorussia sempre nel segno dell'eterno Lukashenko

Il presidente sfiora l'80% negli exit poll divulgati in serata. Lunghe file davanti agli uffici elettorali, il regime teme proteste di piazza.
Estero
3 ore

Otto morti (sei francesi) in un agguato in Niger

Vittime di un attacco perpetrato da uomini armati in motocicletta, che hanno preso di mira un veicolo della Ong Acted.
Confine
8 ore

A Como via ai preparativi per l'ultima fase delle paratie

L'operazione costerà 16 milioni di euro. Intanto, il lago 'scende' per il troppo caldo e la scarsità di piogge
Estero
9 ore

Beirut, prime dimissioni in governo dopo l'esplosione

La ministra dell'informazione esce dall'Esecutivo. L'appello del Papa per un aiuto dalla comunità internazionale
FOTO
Estero
10 ore

La bomba atomica su Nagasaki, 75 anni fa

Oggi la commemorazione. L'ordigno Usa uccise oltre 70mila giapponesi. Vi proponiamo una selezione d'immagini, per non dimenticare
Estero
13 ore

Messina, trovato il corpo senza vita di Viviana Parisi

La donna era sparita col figlioletto (del quale non si sono trovate tracce) da alcuni giorni. La scoperta del cadavere è avvenuta in un bosco
Estero
22.03.2019 - 07:380
Aggiornamento : 08:17

Brexit, non un giorno di più

Se il parlamento di Londra non approverà il meccanismo di uscita dall’Unione già concordato lo sbocco sarà il ‘no deal’

Altro che 30 giugno. Il rinvio della Brexit non potrà andare oltre il 22 maggio, la data che precede il primo giorno di voto per le elezioni europee. La risposta dell’Unione alla richiesta di proroga inviata da Theresa May non è probabilmente quella che la first minister si aspettava, ma sembra la sola che possa evitare un nuovo caos istituzionale. Se infatti il tempo concesso a Londra superasse la data delle europee, il regno Unito sarebbe tenuto a parteciparvi. D’altro canto, il margine ancora più ridotto è anche condizionato dall’approvazione da parte dei Comuni dell’accordo eurobritannico già bocciato due volte. Un miracolo, praticamente. Al quale più nessuno crede, ormai, soprattutto dopo che May ha accusato i propri parlamentari di inettitudine, incapaci di amministrare un’uscita ordinata dall’Ue, dando seguito alla volontà popolare espressa col referendum. Il discorso della leader Tory, come era prevedibile, ha acceso gli animi esacerbando una situazione già difficile, con prevedibili ripercussioni sul nuovo voto, peraltro non ancora in agenda.

A dare la misura di quanto profonda sia la spaccatura al Parlamento di Londra, anche la missione del leader del Labour Geremy Corbyn che ieri, alla vigilia del vertice europeo di oggi e domani, si è precipitato a Bruxelles per incontrare il capo negoziatore della Ue Michel Barnier cercando di convincerlo della bontà del suo piano per scongiurare il caos e salvare Regno Unito e Unione. L’alternativa all’estensione breve per il momento è quella di una Brexit no deal, lo avrebbe ammesso la stessa May. Nel suo lungo intervento per convincere i partner a concedere la proroga, ha ripetuto di non essere disponibile ad organizzare le elezioni per il parlamento di Strasburgo, soddisfacendo così la condizione richiesta per valutare rinvii più lunghi. All’esame dei 27 May è apparsa evasiva: non ha saputo indicare una data per il nuovo voto sull’accordo, né come pensa di arrivarci, o con quale maggioranza, lasciando dietro di sé uno strascico di timori e scetticismo.

Un esercizio di realismo l’ha proposto Emmanuel Macron. Il presidente francese ha invitato a guardare in faccia la realtà: se il terzo voto a Westminster fosse negativo “andremmo verso un’uscita senza accordo. Lo sappiamo tutti. Non possiamo andare a proroghe più lunghe che potrebbero avere conseguenze sul buon funzionamento dell’Ue”, ha avvertito. Un’intransigenza in cui molti leggono un bluff. A fargli da contraltare è stata infatti la sua più stretta alleata, Angela Merkel: “Lotterò fino all’ultimo minuto perché si arrivi ad un’uscita ordinata”. We’ll see.

© Regiopress, All rights reserved