Estero
12.03.2019 - 09:070
Aggiornamento 10:30

Ergastolo per l'attentatore del museo ebraico di Bruxelles

Nell'attentato, compiuto il 24 maggio del 2014 ad opera di Mehdi Nemmouche, furono uccise quattro persone.

Il francese Mehdi Nemmouche è stato condannato all'ergastolo per l'attentato compiuto il 24 maggio del 2014 nel museo ebraico di Bruxelles nel quale furono uccise quattro persone. Il marsigliese Nacer Bendrer, ritenuto co-autore della strage, è stato condannato a 15 anni di carcere.

Dopo due mesi di un intenso processo e dopo otto ore di deliberazione dei giurati, Nemmouche è stato condannato alla reclusione a vita senza alcuno sconto di pena o attenuante, dopo che era stato riconosciuto colpevole dell'attentato commesso al Museo ebraico alla vigilia delle elezioni europee e belghe.

Nemmouche entrò al Museo e, armato di kalashnikov, freddò quattro persone: una coppia di turisti israeliani e due dipendenti della struttura, una donna e un ragazzo. Bendrer, invece, riconosciuto quale coautore, ha avuto solo 15 anni dopo che gli avvocati hanno chiesto di differenziare la sua situazione da quella di Nemmouche, unico autore materiale della strage e di cui non si è pentito. Anzi, alla richiesta dell'ergastolo da parte dell'accusa, quest'ultimo ha sfidato i giurati prima che emettessero il verdetto, affermando: "La vita continua".

Tags
nemmouche
museo
attentato
ergastolo
museo ebraico
quattro persone
bruxelles
stato condannato
© Regiopress, All rights reserved