Estero
06.02.2019 - 08:480

Rapinavano i clienti per poi spedire la refurtiva in Algeria

Il traffico di merce rubata è stato scoperto dai Carabinieri di Roma. Transessuali si prostituivano e poi rapinavano i clienti. Dieci gli indagati

Scoperto dai carabinieri un traffico di merce rubata dall'Italia verso l'Algeria. I militari della compagnia Roma Centro stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le indagini preliminari su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 10 indagati, ritenuti responsabili di furto, rapina, ricettazione, riciclaggio internazionale e favoreggiamento della prostituzione.

Le indagini, condotte nei mesi di dicembre 2016 e gennaio 2017 dai carabinieri sotto la direzione del Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti della Procura, hanno permesso di individuare un gruppo di transessuali che si prostituivano e commettevano rapine e furti ai danni di clienti o passanti, spesso clienti di discoteche.

A quanto accertato la prostituzione era un mezzo per commettere i reati perché le vittime, per la paura di venire scoperti difficilmente avrebbero sporto denuncia. Venivano poi organizzati viaggi periodici in aereo (quasi a cadenza bisettimanale) per il trasporto in Algeria di ingenti carichi di merce elettronica (tablet, cellulari, computer) che veniva "sbloccata" per essere reimmessa nel mercato.

Tags
clienti
algeria
merce
carabinieri
© Regiopress, All rights reserved