L'ex consigliera regionale lombarda Nicole Minetti (Keystone)
Estero
18.01.2019 - 21:060

Rimborsi facili, condannati Bossi jr e Nicole Minetti

Ammontano a circa tre milioni di euro le spese 'pazze' pagate con i soldi dei contribuenti lombardi. I primi giudizi

Milano – Politici ed ex politici accusati di essersi fatti rimborsare con soldi pubblici spese per l'acquisto di cartucce da caccia o 'gratta e vinci', oppure cene da centinaia di euro per pochi coperti o per tavolate di 26 persone e pure il banchetto di nozze della figlia. E poi drink o lunch in locali di lusso, i costi di sigarette, Red Bull e videogiochi e anche quelli per l'acquisto di 'Mignottocrazia' il libro di Paolo Guzzanti.

Ammontano a circa 3 milioni le spese 'pazze' degli ex consiglieri e assessori in carica in Regione Lombardia tra il 2008 e il 2012 e che sono finiti sotto processo a Milano. Processo cominciato in Tribunale nell'estate 2015 e che oggi si è concluso con 52 condanne e 5 tra assoluzioni e prescrizioni.

Oggi la decima sezione penale ha inflitto pene che vanno da 1 anno e 5 mesi a 4 anni e 8 mesi di carcere. Per chi ha preso dai 2 anni in giù è stata dichiarata la sospensione della pena e la non menzione, mentre per altri, specie per chi non ha risarcito i danni, sono state disposte le pene accessorie di rito e confische e provvisionali a favore del Pirellone per centinaia di migliaia di euro.

Il lungo dispositivo, letto in oltre mezz'ora nella maxi aula del Palazzo di Giustizia davanti al pubblico ministero, ad avvocati e diretti interessati e a una schiera di cronisti, non ha, come alcuni avevano chiesto, modificato il reato contestato in quanto la nuova norma introdotta da governo giallo-verde non è ancora entrata in vigore.

Quindi, con l'accusa di peculato, oltre a Renzo 'Il Trota' Bossi e Nicole Minetti a cui sono stati inflitti rispettivamente 2 anni e mezzo e 1 anno e 8 mesi, sono stati condannati, tra gli altri, anche l'attuale capogruppo della Lega in Senato Massimiliano Romeo a 1 anno e 8 mesi, gli eurodeputati del Carroccio e di Fdi Angelo Ciocca e Stefano Maullu a 1 anno e 6 mesi e Alessandro Colucci, deputato del gruppo misto, a 2 anni e 2 mesi.

E ancora gli ex assessori Giorgio Pozzi (1 anno e 6 mesi), Massimo Buscemi (2 anni e 2 mesi), Monica Rizzi (2 anni e 2 mesi) e Giulio Boscagli (2 anni e 7 mesi) e gli ex consiglieri del Pdl Gianluca Rinaldin ( 2 anni e 5 mesi), Massimo Guarischi (2 anni e 9 mesi) e l'allora capogruppo Paolo Valentini Puccitelli (3 anni). Tra le condanne anche quelle di esponenti dell'opposizione come i capigruppo di Sel e del Pd Chiara Cremonesi e Luca Gaffuri, che hanno preso 2 anni e 2 mesi la prima e 1 anno e 6 mesi il secondo (a quest'ultimo il suo successore Fabio Pizzul ha manifestato stima e solidarietà).

La pena più alta sono stati i 4 anni e 8 mesi per Stefano Galli, ex capogruppo della Lega che risponde sia di peculato sia di truffa: secondo le indagini, avrebbe fatto ottenere una consulenza da 196 mila euro al genero, anche lui tra i condannati (è l'unico a non essere un politico) e si sarebbe fatto pure rimborsare oltre 6 mila euro per il pranzo del matrimonio della figlia.

Assolti invece Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari, Massimo Ponzoni e l'ex presidente del Consiglio Davide Boni (Lega) accusato invece di truffa: per lui alcuni capi di imputazione sono stati dichiarati prescritti

Mentre l'accusa, che si è visto accogliere le sue richieste e confermare l'impianto accusatorio, si è limitata a dire di essere "soddisfatto che il processo sia finito", l'avvocato Jacopo Pensa, che con il collega Domenico Aiello difende Romeo, ha commentato: "Se c'era un sistema, c'era certamente da 30 anni e loro lo hanno ereditato in buona fede. Faremo appello: noi puntiamo alla revisione delle condotte contestate perché per noi manca il dolo".

Entro 90 giorni le motivazioni, poi il nuovo round in secondo grado.

Potrebbe interessarti anche
Tags
anni mesi
anno mesi
condannati
processo
bossi
lega
minetti
spese
nicole minetti
nicole
© Regiopress, All rights reserved