sea-watch-i-migranti-sono-giunti-al-limite
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
54 min

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
1 ora

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
3 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
5 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
6 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
10 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
12 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
07.01.2019 - 19:11

Sea Watch, i migranti sono giunti al limite

La nave dell'Ong tedesca rimane bloccata in mezzo al mare con 49 persone a bordo. 'La situazione rischia di degenerare'

a cura de laRegione

"Non possiamo resistere ancora a lungo, da un momento all'altro qualcuno potrebbe decidere di fare azioni autolesioniste". Giorgia Linardi, la portavoce italiana di Sea Watch, pesa le parole ma è evidente che più passano i giorni più la situazione sulla nave dell'organizzazione non governativa tedesca bloccata in alto mare con a bordo 32 migranti - ai quali si aggiungono i 17 salvati da Sea Eye e anche loro fermi al largo di Malta - rischia di degenerare ed esplodere.

"Da un momento all'altro - ripete - potrebbe scatenarsi una crisi, possiamo aspettarci qualunque cosa da persone tenute in cattività da 17 giorni, con il mal di mare, dopo aver subito violenze per mesi".

I 49 uomini, donne e bambini, sottolineano le due Ong, sono allo stremo. "Resistono come noi non saremo mai in grado di fare, aiutandosi le une con le altre - dice ancora Linardi - ma le condizioni meteo sono in peggioramento e molti di loro sono allo stremo delle forze".

Stessa situazione sulla 'Professor Albrecht Penck', la nave di Sea Eye: acqua razionata, un solo bagno per 17 persone, niente abiti per cambiarsi e materassi per dormire. "Se continua così - conferma il capo delle operazioni a bordo Jan Ribbeck - dovremo presto chiedere a Malta il sostegno e il rifornimento delle nostre forniture. Anche i nostri rifornimenti di carburante sono finiti". E come se non bastasse, nelle ultime 48 ore alcuni migranti hanno iniziato a rifiutare il cibo. Non un'azione di protesta, dicono i volontari delle Ong, ma un gesto di estrema disperazione. "Al momento si tratta di 3 episodi singoli - spiega Linardi - Un migrante ha rifiutato di bere e mangiare per un giorno intero, siamo dovuti ricorrere ad una flebo per reidratarlo, un altro è stato senza mangiare per un giorno e mezzo. E solo grazie all'aiuto degli altri migranti siamo riusciti a convincere le persone a mangiare".

Che la situazione fosse al limite lo aveva spiegato già ieri il medico a bordo di Sea Watch, il tedesco Frank Doerner. "La situazione diventa ogni giorno più instabile e cresce il livello di stress. La gente salvata era traumatizzata quando ha raggiunto la nostra nave ed ora ogni giorno il mal di mare e le onde alte accrescono i problemi che queste persone stanno affrontando. Abbiamo bisogno di una risposta urgente".

Risposta che però dall'Europa continua a non arrivare, nonostante le trattative in corso. "Ufficialmente nessuno ci dice nulla, non abbiamo alcuna comunicazione ufficiale e continuiamo a rimanere in alto mare. E dopo 17 giorni - sottolinea amara Linardi - già questo è un fallimento. È necessario lavorare a soluzioni ad hoc per un approccio strutturale e non emergenziale ad un fenomeno che esiste e che è sotto gli occhi di tutti. Quanto si vuole prolungare ancora questa situazione così indegna?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved