laRegione
Nuovo abbonamento
partita-la-demolizione-del-ponte-morandi
(foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Dimenticato sul bus, un bambino rompe il vetro e torna libero

Il bambino si era addormentato e si è risvegliato nella rimessa delle corriere
Estero
1 ora

Un regalo dal governo per le coppie giapponesi

Tokyo tenta di invertire il calo della natalità
Confine
2 ore

Como, un rosario ‘per il ragazzo sfortunato che sta in carcere’

Alla messa di suffragio per don Roberto Malgesini ha partecipato l'elemosiniere di Papa Francesco, che ha incontrato anche i genitori del sacerdote ucciso
Confine
3 ore

Valtellina, donna scivola in montagna e perde la vita

L'incidente è avvenuto questa mattina alle 10.30 nel territorio di Piateda (Sondrio). Non è escluso che stesse cercando fughi
Italia
4 ore

Cade piccolo aereo nel Cremonese, due morti

I corpi del pilota del Pilatus Porter a nove posti e di un paracadutista sono già stati recuperati. Le autorità stanno compiendo le verifiche del caso
Estero
5 ore

Guerre e Covid-19, 415 milioni di bambini a rischio

Le situazioni in Yemen e in Siria quelle ritenute più preoccupanti da Save the Children, che nel 2019 ha contato quasi 1'000 attacchi a scuole o ospedali
Confine
6 ore

Orso avvistato in Val d'Ossola

Tramite una fototrappola i carabinieri di Santa Maria Maggiore hanno rilevato la presenza di un esemplare nel Comune di Malesco
Estero
7 ore

Pandemia, 'normalità non prima del Natale 2021'

La previsione dell'immunologo capo della task force Usa anticovid, Anthony Fauci. E l'omologo svizzero Martin Ackermann difende l'attuale strategia
Estero
7 ore

Italia, in 46 milioni al voto sul Referendum costituzionale

Aperti i seggi fino a lunedì con mascherina. Tra i temi caldi anche Suppletive, Regionali e Amministrative
Genova
16.12.2018 - 09:070

Partita la demolizione del ponte Morandi

Costerà oltre 21 milioni di franchi. L'impegno delle autorità è quello di ricostruire il viadotto entro il 2019

È partita a Genova la demolizione del ponte Morandi, crollato il 14 agosto scorso portandosi via la vita di 43 persone. Il nuovo collegamento, annunciano le autorità, sarà pronto entro il 2019.

"Sono due sfide diverse ma entrambe grandi ed importanti, fa piacere essere al servizio del Paese". Sotto al moncone ovest del ponte Morandi, a Genova, Paolo Cremonini, direttore dei servizi speciali dell'azienda Fagioli, risponde così a chi gli ricorda l'impresa della rimozione della nave Concordia con la Fratelli Omini. La coppia di aziende si ritrova oggi sotto al Morandi, dove con altre tre ditte ha preso possesso del cantiere della demolizione, propedeutica alla ricostruzione.

Con Fagioli, Omini, Vernazza, Ipeprogetti e Ireos, il commissario Marco Bucci, il viceministro Edoardo Rixi e il governatore Giovanni Toti hanno inaugurato il cantiere confermando l'obiettivo di avere il nuovo ponte entro il 2019. La demolizione costerà 19 milioni di euro (21,5 milioni di franchi) e durerà cinque mesi.

"Ci sono sempre incognite con strutture che si trovano in un certo stato - ha spiegato Cremonini - ma sono mesi che con Omini studiamo come fare. La preoccupazione maggiore riguarda le condizioni del ponte, dovremo stare attenti per capire come si comporta". Sotto al Morandi ci sono già alcuni mezzi impiegati per la Concordia, come i martinetti idraulici che raddrizzarono la nave. Serviranno per calare a terra parti dell'impalcato tagliati a pezzi.

Dice Vittorio Omini: "useremo le tecniche di taglio a filo diamantato". Nella parte est verranno montate torri per rendere stabile l'impalcato e lavorare a terra in sicurezza. L'esplosivo sarà usato per le pile 10 e 11 "abbattute una alla volta dopo averle rese indipendenti", dice Cremonini. "Le case verranno abbattute con le pinze della Omini, dispiegate in grande numero per ridurre i tempi".

Il commissario è soddisfatto, le promesse sono mantenute: "Abbiamo le macchine pronte, il cantiere è aperto. Ci aspettiamo che la prossima settimana si possa andare a lavorare sopra il ponte in accordo con la magistratura. Vogliamo arrivare al 31 marzo con la demolizione a un punto da consentire l'avvio della ricostruzione", dice Bucci, ricordando che il ponte è sotto sequestro.

"È un momento fondamentale per il quale tutti si sono impegnati a fondo. Le scelte sono state fatte in modo ponderato e serio con aziende di grandi capacità", ha detto il governatore e commissario per l'emergenza del Morandi Giovanni Toti. Per il viceministro Edoardo Rixi ricostruire il viadotto "è una sfida per l'Italia. I tempi sono rispettati grazie a un grande lavoro di coordinamento tra enti locali e governo. Tutto il settore edile italiano tifa affinché il ponte venga fatto in un anno".

"Lavoreremo rispettando la sicurezza prima di tutto. Morti ce ne sono già stati abbastanza", ha detto Diego Vernazza, amministratore delegato della omonima ditta di autogru. Non si lavorerà con raffiche di vento come quelle odierne, fra i 40 e 50 km/h. "Ma non sarà un problema perché man mano che libereremo le aree si potrà iniziare a cantierare per ricostruire". Già protagonista della spettacolare rimozione di un treno deragliato ad Andora (Provincia di Savona, Liguria), l'azienda opererà soprattutto sulla parte di ponente del viadotto.

© Regiopress, All rights reserved