ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
34 min

Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti

Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
1 ora

Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia

Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
3 ore

Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa

Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
4 ore

Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi

All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
5 ore

Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese

I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
Italia
8 ore

Fuga di monossido di carbonio in chiesa, in due all’ospedale

Intervento dei pompieri durante un evento di catechismo in San Bartolomeo in Pergo (Arezzo). Ricoverati per accertamenti il sacerdote e una donna
Cina
8 ore

La lotta alla pandemia entra in una nuova fase

Dopo aver dettato per tre anni regole e strategie sanitarie, la Cina è pronta a voltare pagina
iran
18 ore

Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne

Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
18 ore

Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo

Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
Confine
22 ore

Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore

In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
23 ore

Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito

La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Italia
1 gior

Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni

Non muta invece la pena, che resta da 3 a 6 anni, come restano possibili le intercettazioni, circoscritte alle indagini sull’organizzazione dell’evento
Estero
1 gior

È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin

Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
1 gior

Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo

Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
04.09.2018 - 21:48
Aggiornamento: 22:38

Un nuovo libro mette in imbarazzo Trump

Stando all'opera del due volte premio Pulitzer Bob Woodward, i collaboratori del presidente Usa lo chiamano 'idiota' e 'squilibrato'

di Ansa
un-nuovo-libro-mette-in-imbarazzo-trump
Il titolo del libro (Keystone)

Un "idiota", uno "squilibrato", un "bugiardo professionale", un presidente che agisce e ha la comprensione di "un alunno di quinta elementare". È quello che pensano di Donald Trump alcuni dei suoi ex o attuali stretti collaboratori, impegnati nella "Crazytown" della Casa Bianca ad evitare danni irreparabili alla sicurezza nazionale con una sorta di strisciante "colpo di stato amministrativo".

È la fotografia della West Wing di 'Fear: Trump in the White House', il nuovo libro di Bob Woodward, il leggendario reporter due volte premio Pulitzer che insieme a Carl Bernstein rivelò i retroscena dello scandalo Watergate. Un'opera che mette nuovamente in imbarazzo il tycoon, dopo 'Fury and fire' (Furia e fuoco) del giornalista Michael Wolff e 'Unhinged' (Squilibrato) dell'ex consigliera presidenziale Omarosa Manigault Newman.

Più difficile però questa volta screditare un autore così famoso ed autorevole, che per scrivere questo libro ha raccolto centinaia di ore di interviste con testimoni di prima mano, stilato diari personali, esaminato documenti governativi. Il volume (448 pagine, editore Simon & Schuster), uscirà l'11 settembre, ma alcune anticipazioni sono state diffuse dal 'Washington Post', di cui Woodward è ancora una delle firme di punta. Uno dei temi centrali del libro sono le furtive macchinazioni usate dall'inner circle del presidente per tentare di controllare i suoi impulsi e prevenire disastri, sia per lui che per il Paese. Woodward descrive una sorta di "colpo di stato amministrativo" e un "esaurimento nervoso" dell'amministrazione, con i consiglieri più importanti a cospirare per strappare documenti ufficiali dal tavolo di Trump, in modo che non li veda o non li firmi. Insomma, un presidente sotto tutela.

Come quando l'ex consigliere economico Gary Cohn gli tolse dalla scrivania le carte per uscire dal Nafta e dall'accordo commerciale con la Corea del sud per proteggere la sicurezza nazionale e il tycoon non se ne accorse. O quando il 'commander in chief' chiamò il capo del Pentagono dopo un attacco chimico di Assad contro i civili chiedendo che il leader siriano fosse ucciso e Jim Mattis gli diede ragione ma si guardò bene dal farlo, proponendo alla fine un più convenzionale attacco missilistico. Mattis avrebbe inoltre detto ai suoi collaboratori che il presidente agisce e ha la comprensione di un "alunno di quinta elementare o prima media".

Il 'chief of staff' John Kelly avrebbe invece confessato ai colleghi di pensare che il tycoon è "squilibrato" e, in una occasione, che è un "idiota: è inutile tentare di convincerlo di qualsiasi cosa. È andato fuori controllo. Siamo in Crazytown...Questo è il peggior lavoro che abbia mai avuto". Trump fu pressato dai consiglieri per condannare i suprematisti bianchi dopo le violenze a Charlottesville dopo aver detto che la colpa era anche dei contestatori, ma quasi subito si pentì: "è stato il più grande errore che abbia fatto" si sfogò.

Vari i dettagli anche sul Russiagate, come quando Trump perse le staffe mentre uno dei suoi avvocati lo stava preparando, simulando un interrogatorio per fargli capire il rischio di uno spergiuro: "non voglio testimoniare", si arrese dopo 30 minuti. Non mancano le sprezzanti derisioni e imitazioni di nemici e collaboratori: da John McCain al suo ex 'chief of staff' Reince Preibus ("un piccolo ratto"), dal suo ex consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster (veste abiti economici "come un venditore di birra"). Sino al suo ministro della giustizia Jeff Sessions (un "traditore", "mentalmente ritardato", uno "stupido meridionale"), che ha attaccato nuovamente ieri per l'incriminazione di due candidati repubblicani alla vigilia di Midterm, con una pericolosa interferenza sul potere giudiziario.

Per Washington sono solo storie inventate

"Questo libro non è altro che storie inventate, molte da ex dipendenti scontenti, dette per fare apparire il presidente negativamente". È così che la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha replicato al nuovo libro di Bob Woodward. Nella nota la presidenza rivendica i "successi senza precedenti" di Donald Trump, anche se qualche volta con modi non convenzionali, e si dice sicura che "nessuno può batterlo nel 2020".

Kelly: 'Non ho mai chiamato Trump idiota'

Il 'chief of staff' John Kelly ha smentito di aver offeso Donald Trump, come si sostiene nel libro del reporter del Watergate. "L'idea che abbia chiamato il presidente un idiota non è vera", afferma Kelly in una nota diffusa dalla Casa Bianca, sostenendo che "questo è un altro patetico tentativo di diffamare le persone vicino al presidente Trump e distrarre dai molti successi dell'amministrazione".

Kelly conferma poi "fermamente" quanto dichiarato in maggio: "ho speso più tempo con il presidente che con chiunque altro, e abbiamo una relazione franca e forte. Lui sa sempre la mia posizione, e entrambi sappiamo che questa storia è una completa Bs - bullshit, ovvero fesseria detto in modo più volgare, ndr -. Sono impegnato verso il presidente, la sua agenda e il nostro Paese".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved