SC Kriens
1
Grasshopper
0
1. tempo
(1-0)
FEDERER R./ZVEREV A.
SHAPOVALOV D./SOCK J.
21:00
 
Ambrì
1
Ginevra
0
pausa
(1-0)
Berna
0
Bienne
1
pausa
(0-1)
Langnau
2
Zugo
1
pausa
(2-1)
Zurigo
1
Losanna
0
pausa
(1-0)
SC Kriens
CHALLENGE LEAGUE
1 - 0
1. tempo
1-0
Grasshopper
1-0
1-0 ABUBAKAR ASUMAH
8'
 
 
8' 1-0 ABUBAKAR ASUMAH
Venue: Ground Stadion Kleinfeld, Kriens.
Turf: Natural.
Capacity: 5,360 (540 seated).
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
FEDERER R./ZVEREV A.
0 - 0
21:00
SHAPOVALOV D./SOCK J.
LAVER CUP
LAVER CUP MEN DOUBLES
Match 4.
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
Ambrì
LNA
1 - 0
pausa
1-0
Ginevra
1-0
1-0 ZWERGER
2'
 
 
2' 1-0 ZWERGER
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
Berna
LNA
0 - 1
pausa
0-1
Bienne
0-1
 
 
15'
0-1 KREIS
KREIS 0-1 15'
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
Langnau
LNA
2 - 1
pausa
2-1
Zugo
2-1
 
 
7'
0-1 SIMION
1-1
15'
 
 
2-1
17'
 
 
SIMION 0-1 7'
15' 1-1
17' 2-1
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
Zurigo
LNA
1 - 0
pausa
1-0
Losanna
1-0
1-0 WICK
10'
 
 
10' 1-0 WICK
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 20:20
Estero
11.06.2018 - 14:370

Prima dell'Aquarius anche la Open Arms e la Cap Anamur

Lo 'stallo' venutosi a creare attorno alla nave con centinaia di profughi a bordo non è l'unico. In passato ad altre due imbarcazioni fu vietato l'attracco

Lo stallo dell’Aquarius, cui né l’Italia né Malta concedono l’autorizzazione a sbarcare, non è una situazione inedita. Già in passato ci sono stati altri episodi analoghi ed il braccio di ferro alla fine si è concluso con l’arrivo della nave di profughi in un porto italiano. Il precedente più recente è quello della nave della ong spagnola Proactiva Open Arms: tra il 15 ed il 16 marzo l’imbarcazione salvò 216 migranti in acque internazionali dopo un braccio di ferro con una motovedetta della Guardia costiera libica che reclamava il carico umano. L’equipaggio della nave umanitaria parlò anche di minacce e mitragliatori puntati da parte dei libici. L’Italia non autorizzò in un un primo momento l’attracco in un porto siciliano: "spetta alla Libia che ha coordinato il soccorso", spiegò Roma, che sottolineò anche la vicinanza a Malta. Ma la ong si rifiutò di consegnare i profughi salvati ai libici e le autorità maltesi, come di consueto, non intervennero. Dopo 24 ore a bagnomaria, la Open Arms ricevette l’ok a sbarcare a Pozzallo (Catania).

Durò invece addirittura tre settimane l’odissea in mezzo al mare della Cap Anamur, nave tedesca che il 20 giugno del 2004 salvò 37 persone a bordo di un barcone alla deriva in acque internazionali. Il governo italiano vietò alla nave di sbarcare sostenendo che sarebbe dovuta approdare a Malta visto che era entrata in acque maltesi oppure, data la proprietà dell’imbarcazione, la Germania avrebbe dovuto occuparsi dei profughi salvati. Lo scaricabarile durò a lungo e solo il 21 luglio il caso, che alimentò polemiche internazionali, si risolse con l’autorizzazione di Roma a sbarcare a Porto Empedocle (Agrigento).

1 anno fa L'Aquarius è sempre in 'stand by'
1 anno fa Migranti, il Governo italiano fa quadrato. Il caso Aquarius
1 anno fa Vagando nel Mediterraneo, senza un porto dove attraccare
Tags
nave
open
arms
open arms
profughi
cap
aquarius
malta
anamur
porto
© Regiopress, All rights reserved