laRegione
Nuovo abbonamento
Facebook
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
15 ore
Belgrado, ancora scontri fra polizia e antigovernativi
Non si placano le manifestazioni in Serbia contro le restrizioni imposte nell'ambito dell'emergenza sanitaria
Estero
16 ore
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
17 ore
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
20 ore
Amazzonia, deforestazione aumentata 25% nel primo semestre
L'Amazzonia brasiliana ha registrato 1.034,4 km quadrati di superficie in allerta di deforestazione a giugno, un record dal 2015
Estero
21 ore
Turchia, Santa Sofia potrà tornare moschea
La storica decisione apre ora la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di Istanbul
Italia
23 ore
Italia, il Mose di Venezia si è chiuso
Esito positivo per il primo test delle paratoie che dovrebbero difendere la laguna dall'acqua alta: tutte 78 si sono alzate
Estero
1 gior
Muore a 11 anni di Covid-19 negli Usa dei tristi record
La ragazzina è la quarta minorenne vittima di coronavirus in Florida. Negli Stati Uniti oltre 65mila casi in 24 ore.
Estero
1 gior
Dai giudici un altro schiaffo (che non fa male) a Trump
La Corte suprema: i procuratori di New York (ma non il Congresso) potranno esaminare la sua dichiarazione dei redditi. Conseguenze politiche improbabili.
Estero
10.06.2018 - 23:370

Vagando nel Mediterraneo, senza un porto dove attraccare

Continua il braccio di ferro fra Italia e Malta riguardo la nave Acquarius con 629 migranti. Conte: “L'Italia lasciata sola dall'Europa nell'emergenza immigrazione”

La nave Aquarius con a bordo 629 migranti soccorsi nelle ultime ore continua a vagare nel Mediterraneo senza un porto dove approdare. È il risultato dello scontro tra Italia e Malta che si è consumato in giornata, dopo che il governo della Valletta ha risposto ’no’ alla richiesta di Roma di accogliere in porto – in quanto più vicino "luogo sicuro" – la nave dell’ong Sos Mediterranee, che il ministro Matteo Salvini non ha autorizzato a sbarcare in Italia.

Al termine di un vertice di oltre tre ore a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha spiegato che il suo collega di Malta, Joseph Muscat, che ha contattato di persona in serata, "non ha assicurato alcun intervento, neppure in chiave umanitaria". "Si conferma l’ennesima indisponibilità di Malta, e dunque dell’Europa, a intervenire e a farsi carico dell’emergenza", ha detto Conte, sottolineando che "l’Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l’emergenza immigrazione. Il regolamento di Dublino va radicalmente cambiato".

E ora che succede? “È stato disposto l’invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell’Aquarius che dovessero averne necessità”, dice sempre il presidente del Consiglio italiano. Ma di accordare l’ingresso in un porto italiano, al momento, non se ne parla. Anche se la situazione non appare molto diversa da quella dell’altro ieri, quando La Valletta aveva impedito l’ingresso in porto della nave Seefuchs, in difficoltà e con 126 migranti: la nave, alla fine, è inevitabilmente approdata in Italia, a Pozzallo.

"Malta non può dire di no a qualsiasi richiesta di intervento", aveva attaccato Salvini, che oggi, in vari post accompagnati dall’hashtag #chiudiamoiporti (diventato trendtopic), ha rivendicato la linea della fermezza. "Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c’è Malta che non accoglie nessuno, c’è la Francia che respinge alla frontiera, c’è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l’Europa che si fa gli affari suoi. Da oggi anche l’Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell’immigrazione clandestina".

Malta "non può continuare a voltarsi dall’altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati", scrivono in serata in un comunicato congiunto Salvini e il collega pentastellato Toninelli, ministro delle Infrastrutture, da cui dipende la Guardia costiera.

Ma La Valletta si smarca: "Il nostro governo non è né l’autorità che coordina né ha competenza sul caso" dell’Aquarius, dice un portavoce del governo. "Il salvataggio è stato coordinato da Roma".

 

© Regiopress, All rights reserved