vagando-nel-mediterraneo-senza-un-porto-dove-attraccare
Facebook
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
5 ore

'Colorati' altri sei comuni: Valle Vigezzo in zona rossa

Da domano, Craveggia, Villette, Toceno, Malesco, Santa Maria Maggiore e Druogno si aggiungono a Re, 'colorato' già da una settimana.
Estero
6 ore

Allarme Onu: gli Stati fanno troppo poco per il clima

Sfori insufficienti nell’attuazione dell’Accordo di Parigi, indica un rapporto. Lo scenario: emissioni tagliate solo dell’1 per cento nel 2030.
Estero
6 ore

Attacco a scuola in Nigeria, rapite oltre 300 ragazze

In corso un’operazione di salvataggio di polizia ed esercito. Una settimana fa erano stati sequestrati 42 persone (27 studenti).
Estero
6 ore

Usa: bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi

Un rapporto dell'intelligence Usa accusa il principe ereditario saudita per l'omicidio del giornalista dissidente ucciso a Istanbul il 2 ottobre del 2018
Confine
7 ore

Lombardia da lunedì in zona arancione

L'aumento del trend dei contagi spinge al cambio di fascia. Chiusi nuovamente ristoranti e bar anche a pranzo. La misura interessa anche Campione d'Italia
Estero
8 ore

Giovane inglese ‘sposa di Allah’, passaporto addio

La Corte Suprema britannica revoca il diritto alla cittadinanza di Shamima Begum, partita per la Siria o l’Iraq nel 2015. Ribaltata la sentenza d’appello.
Estero
8 ore

Tassa digitale, gli Usa sbloccano l’impasse

L’amministrazione Biden rinuncia alla clausola ‘porto sicuro’ voluta da Trump. Rilanciate le trattative. Francia e Germania: possibile accordo entro l’estate.
Estero
8 ore

Biden mostra i muscoli all’Iran, raid aereo in Siria

Uccisi 22 miliziani in risposta ad attacchi a basi statunitensi in Iraq. Il Pentagono: azione ‘difensiva’ e ‘proporzionata’.
Estero
10.06.2018 - 23:370

Vagando nel Mediterraneo, senza un porto dove attraccare

Continua il braccio di ferro fra Italia e Malta riguardo la nave Acquarius con 629 migranti. Conte: “L'Italia lasciata sola dall'Europa nell'emergenza immigrazione”

La nave Aquarius con a bordo 629 migranti soccorsi nelle ultime ore continua a vagare nel Mediterraneo senza un porto dove approdare. È il risultato dello scontro tra Italia e Malta che si è consumato in giornata, dopo che il governo della Valletta ha risposto ’no’ alla richiesta di Roma di accogliere in porto – in quanto più vicino "luogo sicuro" – la nave dell’ong Sos Mediterranee, che il ministro Matteo Salvini non ha autorizzato a sbarcare in Italia.

Al termine di un vertice di oltre tre ore a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha spiegato che il suo collega di Malta, Joseph Muscat, che ha contattato di persona in serata, "non ha assicurato alcun intervento, neppure in chiave umanitaria". "Si conferma l’ennesima indisponibilità di Malta, e dunque dell’Europa, a intervenire e a farsi carico dell’emergenza", ha detto Conte, sottolineando che "l’Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l’emergenza immigrazione. Il regolamento di Dublino va radicalmente cambiato".

E ora che succede? “È stato disposto l’invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell’Aquarius che dovessero averne necessità”, dice sempre il presidente del Consiglio italiano. Ma di accordare l’ingresso in un porto italiano, al momento, non se ne parla. Anche se la situazione non appare molto diversa da quella dell’altro ieri, quando La Valletta aveva impedito l’ingresso in porto della nave Seefuchs, in difficoltà e con 126 migranti: la nave, alla fine, è inevitabilmente approdata in Italia, a Pozzallo.

"Malta non può dire di no a qualsiasi richiesta di intervento", aveva attaccato Salvini, che oggi, in vari post accompagnati dall’hashtag #chiudiamoiporti (diventato trendtopic), ha rivendicato la linea della fermezza. "Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c’è Malta che non accoglie nessuno, c’è la Francia che respinge alla frontiera, c’è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l’Europa che si fa gli affari suoi. Da oggi anche l’Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell’immigrazione clandestina".

Malta "non può continuare a voltarsi dall’altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati", scrivono in serata in un comunicato congiunto Salvini e il collega pentastellato Toninelli, ministro delle Infrastrutture, da cui dipende la Guardia costiera.

Ma La Valletta si smarca: "Il nostro governo non è né l’autorità che coordina né ha competenza sul caso" dell’Aquarius, dice un portavoce del governo. "Il salvataggio è stato coordinato da Roma".

 

© Regiopress, All rights reserved