laRegione
Nuovo abbonamento
new-york-l-fbi-rintraccia-il-secondo-uzbeko
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

La collera dei libanesi, Macron nei panni del salvatore

Il presidente francese, in visita a Beirut, chiede ‘un profondo cambiamento’ ai dirigenti libanesi. Per le strade della capitale esplode la rabbia degli abitanti.
Confine
6 ore

Lite sentimentale con accoltellamento nel comasco

Il fatto di sangue è avvenuto a Mozzate; ferito gravemente un 34enne. Ancora in fuga l'autore del gesto
Estero
7 ore

La National Rifle Association nel mirino della giustizia

La procuratrice generale di New York accusa la potente lobby delle armi di gravi reati finanziari. Il consiglio di Trump: trasferitevi in Texas.
Estero
8 ore

Cola a picco nave con 40 persone al largo della Mauritania

Nuova tragedia sulla rotta per raggiungere le isole Canarie. La denuncia di Unhcr e Oim: i trafficanti continuano a mentire ai loro clienti.
Estero
8 ore

Si teme il crollo del ghiacciaio, evacuata la val Ferret

Oltre mezzo milione di metri cubi di ghiaccio potrebbero cadere da un momento all'altro. Il sindaco di Courmayeur ordina sgomberi e blocca l'accesso alla vallata.
Estero
10 ore

I gas serra aumentano il rischio di siccità record in Europa

È quanto evidenzia uno studio pubblicato oggi. I ricercatori: vanno adottate misure di contenimento per evitare che lo scenario peggiore si verifichi.
Video
Estero
11 ore

Usa, polizia ammanetta famiglia afroamericana con 4 minori

Gli agenti hanno fermato due sorelle afroamericane con le loro figlie e le hanno ammanettate con l'accusa di viaggiare su un veicolo rubato
Confine
18 ore

Incidente ferroviario di Ornavasso, ecco la fattura

Il 9 luglio un camion si fermò sui binari e fu investito da un locomotore svizzero di Sbb Cargo. Danni per mezzo milione di euro
Estero
02.11.2017 - 00:170
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:21

New York, l'Fbi rintraccia il secondo uzbeko

Il killer di New York, Sayfullo Saipov, ha pianificato l’attacco da ’’oltre un anno’’ e lo ha compiuto in nome dell’Isis, seguendo il copione descritto dai manuali online del sedicente Stato islamico e ’’guardando oltre 90 video dell’Isis, incluso uno di Al Bagdadi’’. L’aggressore di Halloween è accusato ora dalla polizia di New York e dell’Fbi di terrorismo, mentre l’Fbi ha rintracciato il secondo cittadino uzbeko collegato all’attacco. Si tratta di Mukhammadzoir Kadirov. Non è un sospettato ma – secondo la polizia – potrebbe avere informazioni. Le indagini della polizia e dell’Fbi iniziano a gettare luce sul ragazzo uzbeko di 29 anni arrivato negli Stati Uniti nel marzo del 2010 con una Green Card vinta alla lotteria annuale che ieri ha fatto ripiombare la Grande Mela nel terrore e che, parole sue, voleva "uccidere ancora". "Si è radicalizzato qui", ha riferito il governatore di New York Andrew Cuomo, descrivendolo come un "lupo solitario".

Per ora non ci sono infatti elementi che lo leghino a un’organizzazione terroristica o ad un piano più ampio: in passato è stato fermato solo per infrazioni stradali e non è mai stato oggetto di un’indagine dell’Fbi. Maggiori dettagli si attendono dagli interrogatori in corso. La polizia e l’Fbi hanno sentito la moglie, che abita in New Jersey, a Parteson, insieme ai loro tre figli, e perquisito la loro abitazione, trovando materiale legato all’Isis nel suo pc. Ma è soprattutto da Saipov che si attendono spiegazioni: il terrorista è in ospedale, dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico, al termine del quale gli investigatori hanno iniziato a interrogarlo. Il killer, hanno raccontato gli inquirenti, ha chiesto di poter mettere una bandiera dell’Isis nella sua camera e non ha mostrato alcun segno di pentimento, anzi si è detto "orgoglioso" dell’attacco e avrebbe detto che "voleva continuare a uccidere" se non fosse finito con il furgoncino contro il pulmino della scuola vicina al luogo dell’attacco.

A Paterson Saipov frequentava la moschea, la stessa finita nel 2006 nel mirino del criticato programma di sorveglianza della comunità musulmana della polizia di New York, interrotto nel 2014. Negli ultimi tempi il giovane era cambiato. "Era diventato aggressivo" e aveva avuto alcuni diverbi con altri uzbeki su questioni religiose, "mostrando di avere posizioni estremamente radicali", spiegano alcuni conoscenti. "Ha chiuso i contatti con noi" dopo una discussione per motivi religiosi, racconta un altro conoscente della comunità uzbeka dell’Ohio. "Avevamo discusso di cose religiose e lo avevamo messo in guardia per il suo estremismo". Poi "si è chiuso in se stesso, sembrava depresso". Fino all’esplosione di follia di ieri. "E’ un animale", lo ha definito Donald Trump, spalancandogli le porte di Guantanamo. "Certamente lo considererò", ha tagliato corto.

© Regiopress, All rights reserved