negli-usa-una-setta-marchia-a-fuoco-le-donne
Sarah Edmondson
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Due rapper 20enni arrestati per rapine fra Milano e Sondrio

Assieme ai due, Baby Gang e Neima Ezza, è stato fermato anche un 18enne. Avevano minacciato diversi giovani facendosi consegnare soldi e gioielli
Estero
4 ore

A Tonga i primi aerei con aiuti umanitari dopo l’eruzione

Australia e Nuova Zelanda hanno inviato velivoli militari. Le autorità tongane chiedono precauzioni per evitare che con gli aiuti giunga anche il virus
Francia
12 ore

Auto si inabissa nel Lago Chalain: quattro morti

Grave indicente stradale nel Giura francese. Tutte giovanissime le vittime: erano studenti di un collegio della zona
stati uniti
16 ore

Biden a picco nei sondaggi: ‘Fiero del mio primo anno’

Il gradimento è perfino peggiore di quello di Trump. Ma lui rilancia: ‘L’America è di nuovo in moto’
Estero
17 ore

I talebani chiedono il riconoscimento ai Paesi musulmani

Mentre l’Afghanistan sprofonda nel baratro economico, i nuovi governanti cercano una normalizzazione delle relazioni internazionali
Estero
17 ore

L’esplosione a Tonga come 500 bombe di Hiroshima

Uno scienziato capo della Nasa parla della ‘maggior eruzione degli ultimi decenni, registrata fino a 9’000 chilometri di distanza’
italia
17 ore

Berlusconi, il Quirinale si allontana

Il centrodestra sembra voler scegliere un altro candidato. L’opzione Draghi potrebbe far saltare ogni accordo sul prossimo governo
regno unito
17 ore

Johnson: stop a green pass e mascherine

Contagi in calo. Verrà revocata anche la raccomandazione del lavoro da casa.
19.10.2017 - 15:020
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:21

Negli Usa una setta marchia a fuoco le donne

a cura de laRegione

Sembrava un gruppo di auto-aiuto, di quelli che si frequentano per trovare un proprio equilibrio e migliorare le opportunità professionali. E invece la statunitense Nxivm si è rivelata una vera e propria setta, con una specifica iniziazione imposta agli adepti di sesso femminile: la marchiatura a fuoco.

Lo riporta il New York Times, che ha intervistato alcuni fuoriusciti della setta. La società di Albany - inizialmente chiamata 'Executive Success Programs' - ha sede nello stato di New York, ma almeno 16mila persone - in Usa, Canada e Messico - hanno partecipato ai suoi seminari (fra questi, secondo un altro articolo di Vanity Fair, anche Richard Branson, il magnate britannico fondatore della Virgin). E fin qui, tutto bene.

Il problema è che alcuni partecipanti sono diventati veri e propri seguaci di Keith Rainere, il fondatore della società, attiva dal 1998. Subendo, secondo il Nyt, veri e propri abusi fisici e psicologici. Sarah Edmondson per esempio - attrice canadese e membro della setta per circa 10 anni - ha parlato di un gruppo segreto di donne all'interno di Nxivm. 

Una 'sorority' (sorellanza) basata sul superamento delle presunte debolezze del sesso femminile - emotività, incapacità di mantenere una promessa, identificazione con le vittimie - volta a 'costruire' donne più forti, capaci di influenzare il mondo che le circonda.

E qui viene il peggio. Per allenarsi a diventare più forti, queste donne venivano convinte a sottoporsi a specifiche prove fisiche e psicologiche, in una specie di gioco di ruolo organizzato in gruppi gerarchici, ciascuno composto da una 'padrona' e sei 'schiave'. Schiave che dovevano ubbidire agli ordini, pena - in quello che pare essere solo il migliore dei casi - abusi verbali e digiuni forzati.

Edmondson racconta di avere accettato la situazione come se si trattasse di una sorta di allenamento estremo per diventare donne davvero forti. Fino al momento dell'iniziazione vera e propria: una marchiatura a fuoco vicino all'inguine.

https://twitter.com/sarahjedmondson/status/920482187618738176 

In luglio, Edmondson - il cui racconto è stato confermato al Nyt da altri membri del gruppo - ha denunciato l’osteopata-adepto che le aveva fatto la marchiatura a fuoco al dipartimento della Sanità dello stato di New York. Ma poichè in quel momento l'osteopata non stava esercitando come medico, la denuncia non ha avuto seguito. Stesso responso dalla polizia, che ha detto di non poter perseguire una marchiatura avvenuta in modo consensuale.

E mentre Nxvim ha avviato cause legali per diffamazione contro tre donne che hanno parlato pubblicamente di questa situazione, i media si chiedono fino a che punto, in un rapporto così distorto e isolato dal resto della realtà, si possa davvero parlare di 'consenso'.

© Regiopress, All rights reserved