Olympiakos Piraeus
1
Tottenham
2
1. tempo
(1-2)
Club Brugge
0
Galatasaray
0
1. tempo
(0-0)
Visp
0
Sierre
0
1. tempo
(0-0)
Olympiakos Piraeus
CHAMPIONS UEFA
1 - 2
1. tempo
1-2
Tottenham
1-2
GUILHERME DOS SANTOS
14'
 
 
 
 
26'
0-1 KANE HARRY
 
 
30'
0-2 MOURA LUCAS
1-2 PODENCE DANIEL
44'
 
 
14' GUILHERME DOS SANTOS
KANE HARRY 0-1 26'
MOURA LUCAS 0-2 30'
44' 1-2 PODENCE DANIEL
Venue: Georgios Karaiskakis Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 33,310.
Referee: Gianluca Rocchi (ITA).
Assistant referees: Filippo Meli (ITA), Ciro Carbone (ITA).
Fourth official: Daniele Doveri (ITA).
Video Assistant Referee: Paolo Valeri (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Maurizio Mariani (ITA).
Sidelined Players: TOTTENHAM - Lo Celso (Injured).
MATCH SUMMARY: Sides last met in 1972/73 UEFA Cup.
Spurs won 4-0 at home, lost 1-0 away.
Hosts winless in 8 GROUP games: D1 L7.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 19:51
Club Brugge
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
1. tempo
0-0
Galatasaray
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 19:51
Visp
LNB
0 - 0
1. tempo
0-0
Sierre
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 19:51
© Ti-Press / Tatiana Scolari
Estero
06.07.2017 - 19:000
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Bimba dimenticata in auto. La polizia la salva

È stato forse quella sindrome da sovraccarico da lavoro e impegni che talvolta causa un vuoto mentale a determinare un nuovo episodio di involontario abbandono di un un figlio in auto. Una tragedia questa volta per fortuna solo sfiorata. Una bimba di un anno è stata dimenticata, questa mattina, nella vettura dalla madre in un parcheggio della fermata metropolitana di Bisceglie a Milano: la piccina è stata salvata solo grazie all’intervento di un passante che si è accorto della presenza della bimba nell’auto e ha dato l’allarme. La polizia, intervenuta rapidamente, ha sfondato il finestrino l’ha tirata fuori. La piccola è stata immediatamente trasportata in ospedale: non è in pericolo di vita ma ha subito un forte choc.

La mamma, che ha 38 anni, dopo aver parcheggiato, ha preso un treno per andare al lavoro e così la figlioletta è rimasta chiusa nella macchina per un’oretta. La donna, subito rintracciata, era sconvolta e incapace di spiegare quello che era successo. “Non riesco a spiegarmelo, ero convinta di averla portata all’asilo...”, ha continuato a ripetere agli agenti come in trance. Ha spiegato di non ricordare nulla e di aver avuto una sorta di buco nero. Quando ha preso la metro’ per andare a lavoro si era dimenticata completamente della bimba che ha rischiato seriamente di morire anche perché le temperature sfioravano già in mattinata i 30 gradi. Quando la madre ha saputo al telefono quello che era accaduto, ha avuto un crollo psicologico che ha reso necessario il suo trasporto all’ospedale San Carlo, lo stesso dove è stata accompagnata la bambina. La donna è stata visitata e sarà sottoposta a un trattamento clinico standard che si applica in questi casi. Al momento non è stata denunciata: sembra evidente che non abbia agito volontariamente. I genitori della bambina sono entrambi stimati professionisti e la polizia ha sottolineato che non si tratta di un contesto familiare disagiato. Il primo a essere contattato dagli agenti è stato il padre che era completamente ignaro di quanto accaduto e che ha vissuto anche lui momenti di forte paura. Fortunatamente oggi si è evitato il peggio ma solo il 7 giugno scorso a Castelfranco di Sopra (Arezzo) una madre ha dimenticato in auto la figlia anche lei di un anno, che morì per arresto cardiaco. E diversi episodi simili si sono verificati nel corso degli anni.

© Regiopress, All rights reserved