Vincent Yu
Estero
09.02.2016 - 09:580
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:14

Hong Kong, violenti scontri tra venditori abusivi, attivisti e polizia durante il capodanno cinese

Notte di violenti scontri ad Hong Kong con almeno 23 persone arrestate e oltre 40 rimaste ferite nel quartiere di Mong Kok, dove la polizia ha cercato di far sgomberare i venditori di 'fish ball', le polpette di pesce tipiche del Capodanno cinese, scatenando le proteste di ambulanti e attivisti.

La polizia ha usato manganelli e spray al pepe per allontanare i manifestanti armati di pietre, bottiglie e altri oggetti recuperati per strada. Le foto che circolano in rete mostrano, inoltre, che sono stati appiccati fuochi e danneggiate auto.

La tensione è notevolmente salita quando gli agenti hanno sparato due colpi in aria per disperdere la folla. Si tratta degli scontri più violenti dalla 'rivolta degli ombrelli', le proteste per la democrazia del 2014.

Secondo le autorità, la polizia avrebbe avvertito i venditori ambulanti di lasciare il quartiere ma loro si sono rifiutati. Di solito, scrive la Bbc, c’è una sorta di tolleranza nei confronti dei venditori per le strade di Hong Kong ma quest’anno la polizia ha deciso di usare il pungo di ferro contro chi non ha le licenze.

Tra i manifestanti c’erano anche gruppi ’anti-Pechino’, tra i quali il partito ’Youngspiration’, sceso in piazza, secondo il leader Baggio Leung, per difendere le tradizioni locali. La protesta intanto è diventata virale sul web dove l’hashtag ’#fishballrevolution’ è tra i più seguiti.

© Regiopress, All rights reserved