Estero
04.02.2015 - 18:520
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:11

Pechino ai blogger: fuori i nomi!

Pechino – Si perfeziona il controllo del governo cinese su internet.  L'ultimo provvedimento, ha riportato l'Ansa, riguarda i blog, micro blog e le chat room, per i quali viene richiesto, d'ora in avanti, che l'utente si registri con il suo vero nome e prometta per iscritto di evitare qualunque commento o azione che possa sfidare o creare disagio al sistema del partito comunista.

La nuova misura sta efficacemente scoraggiando gli utenti del web, tanto che, secondo i dati del Centro per l'informazione internet cinese, già alla fine dello scorso anno il numero degli utenti di microblog era sceso a 249 milioni, registrando un calo del 7,1% rispetto al 2013.

La Cina ha tuttora il maggior numero di utenti di internet al mondo (circa 649 milioni) ma le continue restrizioni imposte dal governo di Pechino stanno orientando il pubblico verso scelte diverse. Dei 649 milioni di utenti totali di internet, infatti, circa 557 accedono alla rete tramite dispositivi mobili. Sempre meno usati proprio i microblog mentre in costante crescita i sistemi di “instant messaging” dove si è registrato un incremento del 17,8%, forse grazie alla posibilità (o all'illusione) di non essere bloccati, proprio in virtù della velocità.

Del resto, i più popolari social network stranieri come Twitter, Facebook e siti come Youtube in Cina sono vietati e quindi inaccessibili. Fino a poco tempo fa la censura del grande fratello veniva aggirata usando le Vpn, virtual social network, dei programmi (per lo più a pagamento) che consentono di collegarsi da un indirizzo straniero e quindi di aggirare i filtri che bloccano l'accesso a questi siti. Da alcune settimane però tutti i controlli sono stati intensificati e anche le vpn sono risultate inutili. Persino l'accesso a Google e ad alcuni dei suoi servizi è stato bloccato. La Cina di recente, anche per fronteggiare le numerose critiche sul suo operato in tal senso da parte della comunità internazionale, ha introdotto il concetto di “sovranità su internet” in base al quale, sostanzialmente, ogni paese avrebbe il diritto di controllare i materiali pubblicati on line all'interno dei propri confini.

© Regiopress, All rights reserved