laRegione
truffatore-seriale-in-manette-a-milano-era-noto-in-ticino
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

La Porta di Brandeburgo avrà il suo albero di Natale

Malgrado la pandemia, Berlino non vi rinuncerà. 45 anni di età, 3,5 tonnellate, 15 metri di altezza: è un abete del Colorado, proveniente dalla Turingia
Estero
6 ore

Via libera alla presidenza di Joe Biden

La responsabile della General Services Administration (Gsa) Emily Murphy ha riconosciuto formalmente il 78enne come l'apparente vincitore delle presidenziali
USA
14 ore

Usa, il Michigan certifica la vittoria di Biden

Il presidente uscente Donald Trump aveva fatto pressioni per ritardare la certificazione
Estero
14 ore

Joe Biden sceglie la squadra per rovesciare l'era Trump

Addio America first, si torna al multilateralismo. Spiccano le nomine di Blinken agli esteri, Haines all'intelligence e Yellen al Tesoro
Estero
16 ore

Il re di Spagna Felipe VI in quarantena preventiva

Il sovrano è entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19. Impegni ufficiali sospesi per 10 giorni
VACCINI
16 ore

La corsa al vaccino tra promesse e prudenza

In Usa prime immunizzazioni forse già a gennaio. E c’è un altro vaccino promettente
Confine
18 ore

Apre a Como un altro rifugio per i senza tetto

Potrà accogliere da subito oltre una trentina di persone. La città potenzia l'assistenza in vista dell'inverno
Italia
18 ore

L'Italia supera la soglia delle 50'000 vittime per Covid

22'930 i nuovi casi nella vicina Penisola, 630 i decessi nelle ultime 24 ore. Le numerose uscite dall'isolamento abbassano il numero degli attualmente positivi
Unione Europea
20 ore

Sull'accordo quadro l'Unione Europea aspetta ancora Berna

Le informazioni dettagliate circa la posizione del Consiglio Federale non sono ancora state recapitate a Bruxelles. Il Dipartimento affari esteri non commenta
Confine
15.11.2020 - 20:250
Aggiornamento : 16.11.2020 - 11:17

Truffatore seriale in manette a Milano. Era noto in Ticino

L’uomo è un serbo conosciuto dalle polizie di mezza Europa, Svizzera compresa. La sua specialità le truffe ‘reap-deal’

Due Bmw di grossa cilindrata, un appartamento a Parabiago (Milano), un vasto terreno a Vimercate (Monza e Brianza) e mezzo milione di euro disseminato in diversi conti correnti, soprattutto in Ticino, dove sono stati sequestrati, nell’ambito di una operazione antimafia della Divisione Anticrimine della Questura di Milano. Nel mirino dei poliziotti un 43enne serbo conosciuto con non meno di otto alias, specializzato nelle truffe 'reap-deal' - sofisticati raggiri in grado di fruttare ingenti profitti illeciti - compiute in tutt’Italia, oltre che in Svizzera, Germania, Francia e Austria. Un truffatore seriale conosciuto anche dalle autorità svizzere.

Attraverso le truffe reap-deal il serbo, attivo come truffatore dal 2002, ha mantenuto un altissimo tenore vita. Lo scorso 21 marzo, durante il primo lockdown, è stato fermato al valico del Gaggiolo, mentre rientrava dal Ticino, e trovato in possesso di 8’200 euro in contanti, somma di cui non ha saputo giustificare il possesso, per cui la somma era stata sequestrata. L’uomo arrivava da Lugano. Così almeno aveva dichiarato, senza dare ulteriori spiegazioni. L’inchiesta dell’Anticrimine milanese ha dimostrato come tutti i guadagni dell’uomo avessero origine illecita. Tra le truffe compiute dall’uomo quella che nel 2002, a Milano, ha visto il raggiro di un imprenditore friulano. Il criminale si era finto interessato ad acquistare un immobile e dopo aver concordato un cambio di valuta in un noto hotel della città aveva fatto sì che un suo complice strappasse all’uomo una valigetta con 45mila euro. Con la stessa modalità nel 2003 ad Albenga si era impossessato di 50mila euro strappandoli a una donna che li aveva in borsa.

Il serbo non agiva da solo. Nel 2004 è stato coinvolto in una complessa operazione di polizia giudiziaria su ben 11 ‘batterie’ dedite alla realizzazione di truffe rip-deal che facevano capo a una ‘cupola’ milanese, a cui il criminale apparteneva. Le vittime preferite dell’associazione a delinquere erano imprenditori prevalentemente stranieri (tedeschi, austriaci, francesi, svizzeri). Nel 2014, il truffatore è stato fermato per un controllo in centro a Milano mentre era a bordo di una Volvo S40 e l’hanno trovato in possesso di numerose banconote fac-simile da 500 euro. E ancora nel 2016 è stato coinvolto nell’indagine ‘Vecchia Guardia’ riguardante numerose truffe avvenute a Padova, Roma, Vimercate, Pordenone e Firenze, a danno di cinesi e italiani.

L’ultima dichiarazione dei redditi dell’uomo risale al 2005: 30 mila euro. Poi, più nulla. Dopo i sequestri antimafia eseguiti ieri mattina tocca al 43enne serbo dimostrare che i beni sono stati acquisiti con denaro lecito. In caso contrario, il sequestro diventerà confisca, e appartamento, Bmw e denaro entreranno a fare parte del patrimonio dello Stato, potendo essere reimpiegati per finalità sociali e d’interesse collettivo.

© Regiopress, All rights reserved