laRegione
Nuovo abbonamento
verbania-turismo-del-lago-colpito-dal-virus
Partono azioni, sconti e incentivi (Ti-Press)
Confine
05.08.2020 - 14:390
Aggiornamento : 15:16

Verbania, turismo del lago colpito dal virus

Crollo dei pernottamenti oltre la frontiera svizzera. Calo di presenze anche al mercato di Luino

Profondo rosso per il turismo lacustre sul Verbano oltre il confine svizzero, dove a causa del Covid-12 si vive alla giornata. In luglio il calo degli stranieri è stato dell'85 per cento, tanto che numerose strutture ricettive non hanno aperto. Anche un tradizionale appuntamento settimanale, lo storico mercato di Luino, per il quale la Navigazione Lago Maggiore ha promosso due collegamenti, in entrambi i sensi di marcia, da Locarno, fa i conti con il coronavirus: registra un calo attorno al 30 per cento. Un calo dovuto principalmente alla mancata presenza di svizzeri, soprattutto ticinesi. Rispetto agli scorsi anni non si vedono più i pullman con targhe svizzere.

In questi primi giorni di agosto nelle località delle due sponde del Verbano si registra una presenza di turisti svizzeri, olandesi e tedeschi. Qualche francese e inglese. Nessuna traccia di americani e cinesi. Non è una sorpresa, visto che i voli dagli Stati Uniti sono bloccati. L'unico dato positivo è rappresentato dalla presenza, in aumento rispetto al passato, di turisti italiani, soprattutto milanesi. Succede soprattutto nei fine settimana. Una situazione senza precedenti che oltre agli alberghi colpisce anche la Navigazione che lo scorso mese, rispetto allo stesso periodo del 2019, ha registrato un calo attorno al 25 per cento. Stessa musica, fatta di note dolenti, per ristoranti, bar e negozi, soprattutto quelli dell'abbigliamento. Va un po' meglio ai bed&breakfast. Per cercare di limitare i danni di una stagione turistica destinata a chiudere in rosso Regione Piemonte ha promosso un ''Bonus Vacanze'' che consente di prendere tre pagando uno. La promozione prevede infatti che la prima notte nelle strutture ricettive è a pagamento, la seconda è a carico di Regione Lombardia, mentre la terza è offerta dagli alberghi. Una promozione appetitosa che sembra aver smosso le acque: si stanno muovendo le prenotazioni per questo mese di agosto e le prime settimane di settembre.

© Regiopress, All rights reserved