laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 gior
Belgrado, ancora scontri fra polizia e antigovernativi
Non si placano le manifestazioni in Serbia contro le restrizioni imposte nell'ambito dell'emergenza sanitaria
Estero
1 gior
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
1 gior
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
1 gior
Amazzonia, deforestazione aumentata 25% nel primo semestre
L'Amazzonia brasiliana ha registrato 1.034,4 km quadrati di superficie in allerta di deforestazione a giugno, un record dal 2015
Estero
1 gior
Turchia, Santa Sofia potrà tornare moschea
La storica decisione apre ora la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di Istanbul
Italia
1 gior
Italia, il Mose di Venezia si è chiuso
Esito positivo per il primo test delle paratoie che dovrebbero difendere la laguna dall'acqua alta: tutte 78 si sono alzate
Estero
1 gior
Muore a 11 anni di Covid-19 negli Usa dei tristi record
La ragazzina è la quarta minorenne vittima di coronavirus in Florida. Negli Stati Uniti oltre 65mila casi in 24 ore.
Estero
2 gior
Dai giudici un altro schiaffo (che non fa male) a Trump
La Corte suprema: i procuratori di New York (ma non il Congresso) potranno esaminare la sua dichiarazione dei redditi. Conseguenze politiche improbabili.
Confine
11.11.2019 - 17:070
Aggiornamento : 12.11.2019 - 14:13

Sponsorizzavano i rally, ma frodavano il fisco

A Erba la Guardia di finanza ha scoperto una frode da 12 milioni di euro con strascichi ticinesi

È una costola dell’indagine su sponsorizzazioni milionarie sportive che partita da Rimini si è sviluppata a Ivrea e Lugano, quella che fa tappa a Erba, nel comasco, dove i finanzieri della compagnia erbese della Guardia di finanza, al comando del capitano Davide Malvestuto Grilli, hanno hanno scoperto una frode fiscale di oltre 12 milioni di euro realizzata attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture false per operazioni inesistenti da parte di 15 società, molte delle quali ‘cartiere’, esistenti solo sulla carta.

Un’inchiesta, quella coordinata da Giuseppe Rose, sostituto della Procura di Como, iniziata nel 2014, a seguito di segnalazioni da parte della guardia di finanza di Ivrea, che a sua volta aveva ricevuto notizie dalle fiamme gialle di Rimini, che nel luglio 2012 avevano arrestato tre persone fra cui Paolo Romano, ex pilota di rally, nonchè titolare di una società sportiva a Corano di Rimini, e Pier Giuseppe Corrotto, ex militare della guardia di finanza di Ivrea, poi diventato broker dopo che si era trasferito a Lugano. Fatti per i quali Corrotto nel 2014 aveva patteggiato 4 anni di reclusione. 

L’ex finanziere è ancora sotto inchiesta a Lugano, nell'ambito di una indagine, nel corso della quale era stato arrestato assieme a un ispettore fiscale e un italiano, imprenditore di Agno, attivo nel mondo della MotoGp. Il meccanismo scoperto dai finanzieri erbesi ha per protagonisti protagonisti tre personaggi operanti nel settore delle gare automobilistiche, nel mondo delle sponsorizzazioni e della promozione pubblicitaria, organizzazione e realizzazione di manifestazioni. Insomma, nulla di nuovo. Anzi, la conferma di un sistema collaudato che sembra ripetersi all’infinito, nonostante le indagini. Un sistema utilizzato, come scoperto dalle fiamme gialle di Erba, da scuderie di rally per abbattere il proprio reddito e l’Iva.

Le indagini effettuate sui conti correnti delle società al centro dell’inchiesta e dei rispettivi rappresentanti legali hanno consentito di accertare che parte della frode fiscale era finita in Ticino. Così come era stato scoperto dalla guardia di finanza di Rimini, nell’ambito dell’inchiesta del 2012, che si conferma la “madre di tutte le inchieste” sulle sponsorizzazioni gonfiate. Diciannove le persone denunciate alla magistratura lariana, per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e per omessa dichiarazioni di redditi. Tutti italiani, operanti nel campo delle sponsorizzazioni e del noleggio delle auto residenti nelle province di Como, Milano, Brescia, Lecco, Novara, Reggio Emilia e Roma. 

Su richiesta del pm Giuseppe Rose il gip di Como ha disposto il sequestro preventivo di conti correnti e beni mobili e immobili per  5,2 milioni di euro. Somma coincidente con l'imposta evasa. Sequestro già eseguito.

© Regiopress, All rights reserved