La strada di Como in cui si è verificato il pestaggio
Confine
18.09.2019 - 14:070
Aggiornamento : 16:24

Como, quattro ticinesi vittime di un pestaggio fuori discoteca

I giovani, residenti nel Luganese (due ragazze e due ragazzi), sono finiti al pronto soccorso. Inoltre la loro macchina è stata seriamente danneggiata

A Como un brutale pestaggio fuori da una discoteca ha portato quattro ragazzi poco più che ventenni residenti nel Luganese, al pronto soccorso del Sant’Anna di San fermo della Battaglia. Inoltre la loro macchina, un’auto nuova ritirata appena 10 giorni fa dal concessionario, è stata seriamente danneggiata. Stando a quanto anticipato dal 'Corriere di Como' sarebbe questo il violento epilogo di una notte all’esterno di un locale notturno in via Sant’Abbondio a Como, dove i giovani aveva trascorso la serata tra sabato e domenica. I carabinieri sarebbero già stati informati dell’accaduto e nelle prossime ore dovrebbe giungere la denuncia delle vittime.

Da quanto è stato possibile ricostruire, i quattro amici ticinesi – due ragazzi e due ragazze – dopo aver trascorso la serata in discoteca, si sarebbero incamminati per raggiungere l’auto per far rientro a casa, vettura parcheggiata poco distante dal locale. Davanti le due ragazze, che sarebbero salite a bordo aspettando poi l'arrivo degli amici. Questi ultimi, poco dopo, sarebbero giunti di corsa, inseguiti da una quindicina di giovani. Difficile capire i motivi del diverbio. Presto tuttavia la violenza ha preso il sopravvento, coinvolgendo anche le due ragazze. Tutti e quattro i ventenni ticinesi sarebbero stati tirati fuori di forza dalla vettura e picchiati. Dal racconto di un presente, sarebbero spuntati anche un coltello e un tirapugni. Gli aggressori avrebbero agito in gruppo e si tratterebbe di ragazzi intorno ai 18 anni, poi dileguati. L’auto dei ticinesi sarebbe stata seriamente danneggiata. 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
pestaggio fuori discoteca
discoteca
pestaggio
ragazze
due ragazze
como
fuori discoteca
vittime
pestaggio fuori
ragazzi
© Regiopress, All rights reserved