archivio Ti-Press
Confine
10.02.2019 - 10:040

Si parla troppo, il parroco abolisce i cortei funebri

La decisione, che sta facendo molto discutere i parrocchiani, è stata presa nel Comasco. Dopo la cerimonia in chiesa ci si troverà direttamente al cimitero

Per quanto è dato sapere, quella presa da don Enrico Broggini, parroco di Luisago e Portichetto, comuni lariani alla periferia di Como, è una decisione senza precedenti in Italia: non si faranno più i tradizionali cortei funebri dalla chiesa al cimitero. Problemi di viabilità e rischio d’intasamento al traffico nel centro paese? Viene spontaneo chiedersi, per cui è meglio trovarsi direttamente al cimitero. Ma così non è: i partecipanti non pregano più, parlano d'altro. Un comportamento che svilisce la partecipazione al corteo funebre.

La decisione è di qualche settimana fa, ma lo si è appreso solo in questi giorni. Una decisione che non è piaciuta ai parrocchiani. Ma il sacerdote non sembra avere alcuna intenzione di tornare sulla sua decisione, presa non a cuor leggere, ma con molta amarezza. ''Mi dispiace della decisione che ho preso, anche perché sono molti anni che sono qui -  ha affermato il sacerdote -. Ho provato anche a mettermi in mezzo alla gente del corteo, ma nessuno pregava, parlavano tra di loro. Che senso ha fare il corteo: il traffico viene bloccato, in più gli automobilisti inveiscono, suonano i clacson. A questo punto, dopo la cerimonia in chiesa, si può partire con le macchine e trovarsi direttamente al cimitero. Che poi, al giorno d’oggi, moltissimi defunti vengono cremati, quindi portati via subito dopo la messa''. A molti parrocchiani la decisione di don Broggini non piace. E' il caso del sindaco di Luisago Adelio Frigerio: ''Al parroco avevo chiesto di evitare il passaggio dei cortei funebri davanti alle scuole nel momento di uscita dei ragazzi. Al mio funerale vorrei il corteo funebre''.

Tags
decisione
corteo
cortei funebri
parroco
cortei
cimitero
parrocchiani
direttamente cimitero
chiesa
© Regiopress, All rights reserved