ULTIME NOTIZIE Economia
la banca in difficoltà
1 gior

‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’

Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
4 gior

Il lusso è cinese, la Svizzera non è più leader mondiale

La classifica dei primi posti nel settore emerge da uno studio pubblicato da Deloitte. Nonostante ciò, Richemont e Rolex fra le prime aziende al mondo
Economia
1 sett

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
1 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
4 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
Economia
1 mese

Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione

Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese

Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo

La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese

Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso

La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese

La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia

Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese

Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022

Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
Economia
1 mese

Mercato dell’auto, brusca frenata del fatturato

Per il 2023 il 55% dei fornitori europei si attende una contrazione del 54%. E per il 27% quello venturo non sarà un anno di profitti
Economia
1 mese

Giovedì nero per Credit Suisse in Borsa: è una Waterloo

Il titolo della grande banca ha chiuso in calo del 18,6%, a fronte di un mercato generalmente orientato a un ribasso di circa l’1%
Economia
1 mese

Credit Suisse taglia 9’000 impieghi entro il 2025

La misura fa parte di un vasto piano di ristrutturazione. Lascia con effetto immediato anche il numero uno dell’investment banking
affari
22.08.2022 - 07:30
Aggiornamento: 15:03

Sbm, la cassaforte turistica del Principato

Intervista a tutto campo col Ceo Jean-Luc Biamonti

di Enrica Roddolo
sbm-la-cassaforte-turistica-del-principato
Keystone

«Dal mare di Montecarlo alle vostre Alpi: potremmo far rotta sull’Italia e fare shopping. Mentre lavoriamo anche per esportare all’estero, da New York a Dubai, il format dei locali di lusso nel Carré d’or del Principato di Monaco», anticipa a L’Economia, Jean-Luc Biamonti, presidente e ceo di Sbm, quotata a Parigi, giro d’affari di 530,5 milioni di euro.

Fondata nel 1863 dal principe Carlo III come Societé des bains de mer et du cercle des étrangers, maggioranza dello stato monegasco e azionisti di minoranza di peso come Ufipar del patron di Lvmh Bernard Arnault, è la cassaforte turistica del Principato. A Sbm fanno capo hotel, ristoranti e residenziale (negozi, uffici e appartamenti). Oltre al Casinò disegnato da Charles Garnier, stesso architetto dell’Opéra a Parigi: i giochi da soli valgono 200,8 milioni di euro.

La cassaforte fece gola anche all’armatore greco Aristotele Onassis che nel 1952 rilevò parte della società e s’installò in quello che era stato l’ufficio di Marie Blanc, moglie del fondatore di Sbm. Il resto è storia: la guerra con il principe Ranieri (padre di Alberto) per il controllo della società. E alla fine, la resa di Onassis. «Oggi lo stato monegasco controlla il 65%, non potrebbe ripetersi» nota Biamonti, ex Goldman Sachs (un posto da amministratore indipendente in EssilorLuxottica), che ha appena trasferito la quota del 47,30% che Sbm deteneva in Betclic Everest Group alla FL Entertainment NV. Risultato: un bottino da 850 milioni di euro, a fronte di un investimento iniziale di 140 milioni nel 2009.

Cosa ne farete?

Metà è stato incassato cash, il resto tramutato nel 10% di FL Entertainment NV fresca di Ipo su Euronext ad Amsterdam. Prima il 47% in una realtà di scommesse online come Betclic era un investimento strategico. Adesso quel 10% della nuova quotata FL Entertainment NV è un investimento finanziario. Ma il cash fruttato dal deal Betclic ci permette di progettare il futuro dopo due anni difficili per i forti investimenti e in parallelo la pandemia che ha congelato il turismo. Adesso però c’è il rimbalzo, con un risultato netto consolidato di 76,4 milioni grazie ai turisti americani e mediorientali, che han più che rimpiazzato i russi».

Alberto II segue gli affari?

Segue tutto con grande attenzione il principe, ma abbiamo totale autonomia, come dev’essere».

Investimenti: si riferisce alla costruzione del maxi quartiere residenziale e commerciale di lusso One Monte-Carlo (al posto del vecchio Sporting d’Hiver dei 70)?

Sì l’One Monte Carlo firmato Rogers Stirk Harbour & Partners con 7 nuove torri di negozi, uffici e appartamenti su piazza del Casinò che hanno reso necessario nel 2014 un aumento di capitale da 220 milioni di euro. E poi gli investimenti in pandemia sugli storici alberghi, come il De Paris. Nel complesso oltre i 700 milioni di euro». Quanto fruttano gli affitti deluxe? «Abbiamo moltiplicato le opportunità commerciali: tra gli ultimi brand arrivati nei nostri spazi commerciali Jaeger-LeCoultre e Vacheron Constantin, dopo Fendi, Prada, l’ampliamento di Dior, YSL, Balenciaga e Berluti. E abbiamo investito anche nelle Ville attorno allo Sporting e nelle residenze Balmoral e del Monte-Carlo Bay. Giro d’affari delle locazioni di boutique, uffici, residenze pari a 117,6 milioni di euro».

Prossimi piani di Sbm?

L’ampliamento con l’innalzamento di un piano del Café de Paris per giugno 2023».

Investirete all’estero? In Italia?

Non nego che mi piacerebbe fare shopping in Italia: siamo già andati molto vicini a rilevare un albergo in passato».

Dove in Italia: Roma, Milano, città d’arte o al mare?

In un resort sciistico delle Alpi, in Italia o Francia, perché oltre a diversificare l’offerta della nostra proposta turistica legata al mare ci permetterebbe di andare oltre la stagionalità di un business molto concentrato nei mesi estivi. Con vantaggi anche nella gestione dei 4mila dipendenti perché oggi parte è stagionale ma è sempre più difficile reperire professionisti di qualità. Dunque avere anche una stagione invernale in un resort sciistico sarebbe doppiamente vantaggioso. Ma tutto andrà prima discusso con l’azionista principale: lo stato monegasco».

Quali i tempi?

Dopo l’estate inizieremo a ragionare a livello governativo su cosa fare degli 850 milioni dell’operazione Betclic. In passato abbiamo anche distribuito quote ai dipendenti. E potremmo anche ripeterlo, anche se credo di più in nuovi investimenti».

Parliamo degli altri azionisti, Monsieur Arnault, per esempio.

Arnault ha un 5%, e c’è il gruppo cinese Galaxy Entertainment di Lui Che Woo con un altro 5%, e da ultimo la Sci Esperanza di Patrice Pastor con circa il 5%. Più piccoli investitori con l’1-2%. Con i cinesi di Galaxy vogliamo sviluppare il business dei giochi a Monaco e in Asia con resort integrati: i cinesi amano il gioco». In Cina o altrove, esporterete il format dei locali di lusso a Monaco? «Abbiamo replicato il format Café de Paris a Macau, ma coltiviamo un piano più ambizioso: testare un concept di ristorante nel 2023 che avrà nel nome l’unicità di Montecarlo e, se funziona, esportarlo. Prima in un paio di capitali europee poi a New York e Dubai».

Ultima operazione: la nuova piazza del Casinò dove da due anni si tiene il Gala della Croce Rossa. Perché?

Tutto è iniziato da Pierre Casiraghi: mi ha fatto notare come una piazza solo per le auto oggi è inconcepibile. Così ci siamo sbarazzati dell’aiuola e trasformato in area pedonale, con accesso anche alle auto. In più lo spazio si trasforma così in arena per eventi come è stato per il concerto di Alicia Keys per il Gala della Croce Rossa 2022, con il Bal de la Rose e gli eventi mondani curati da Sbm. Basta "togliere" le palme, sono removibili. E le opportunità di business si moltiplicano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved