21.06.2022 - 12:19
Aggiornamento: 14:29

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita

Ats, a cura di Moreno Invernizzi
ecco-servito-il-caro-ipoteche-tassi-ai-massimi-da-dieci-anni
Ti-Press
Casa (un po’) più cara

L’elevata inflazione e l’inatteso aumento del tasso di riferimento da parte della Banca nazionale svizzera (Bns) hanno spinto i tassi ipotecari ai massimi dal 2011. Da inizio anno quelli per le ipoteche a tasso fisso sono più che raddoppiati. Le ipoteche del mercato monetario sono invece finora rimaste in gran parte risparmiate.

Ancora all’inizio dell’anno i tassi per le ipoteche a tasso fisso per cinque anni si attestavano all’1,01%, quelli per dieci anni all’1,26%, scrive oggi il servizio di confronti internet Moneyland. Al 20 giugno i tassi erano rispettivamente al 2,57 e al 2,99%. Colpite anche le ipoteche a breve termine: quelle a tasso fisso per due anni sono passate dallo 0,93 al 2,12%.

Con la mossa della Bns, il principale tasso di riferimento svizzero, il Saron, è salito dal -0,70 al -0,21% e continua così a situarsi in territorio negativo. Finora gli effetti immediati sulle ipoteche Saron sono pertanto modesti. Secondo l’analista di Moneyland Felix Oeschger, ciò potrebbe però cambiare non appena il tasso guida della Bns si porterà in territorio positivo.

Non si sa se l’istituto centrale riuscirà a contenere l’inflazione – l’obiettivo è un 2% al massimo mentre in maggio si attestava al 2,9% –. Ciò dipende fortemente dall’evoluzione a livello globale. Probabilmente la lotta all’inflazione condurrà anche in Svizzera a tassi ipotecari molto più elevati, si dice convinto Oeschger.

La scorsa settimana la Bns aveva alzato a sorpresa il tasso di riferimento dal -0,75% al -0,25%.

Leggi anche:

La Bns alza il tasso guida di mezzo punto percentuale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved