28.04.2022 - 16:44
Aggiornamento: 17:12

Bns, perdita di 32,8 miliardi nel primo trimestre

La causa principale è da ricercare nel debole sviluppo del mercato finanziario. Nessuna conclusione sull’intero esercizio

Ats, a cura de laRegione
bns-perdita-di-32-8-miliardi-nel-primo-trimestre
Keystone
Cattivo trimestre, ma c’è l’abitudine alle ‘forti oscillazioni’

Zurigo – La Banca nazionale svizzera (Bns) ha accusato una perdita di 32,8 miliardi di franchi nel primo trimestre del 2022. Il passivo per quanto riguarda le posizioni in valuta estera è ammontato a 36,8 miliardi, mentre sulle disponibilità in oro è risultata una plusvalenza di 4,2 miliardi.

Lo comunica oggi l’istituto, ricordando che il suo risultato dipende prevalentemente dall’andamento dei mercati dell’oro, dei cambi e dei capitali. Pertanto esso è soggetto a forti oscillazioni che rendono difficile trarre conclusioni sull’intero esercizio.

I proventi per interessi e i dividendi sono ammontati rispettivamente a 1,6 e a 0,8 miliardi, si legge in una nota. È stata inoltre registrata una minusvalenza sia su titoli e strumenti di debito, pari a 25,1 miliardi, sia su titoli e strumenti di capitale (10,7 miliardi). Le perdite di cambio invece si sono attestate complessivamente a 3,4 miliardi di franchi.

Sulle disponibilità in oro, a fronte di una quantità invariata, è stata ottenuta come detto una plusvalenza di 4,2 miliardi di franchi. A fine marzo 2022 il prezzo di un chilogrammo di oro era pari a 57’550 franchi, contro i 53’548 franchi di fine 2021.

Dal canto suo, l’utile sulle posizioni in franchi è stato complessivamente pari a 10,6 milioni. Agli interessi negativi applicati agli averi in conto giro si sono contrapposte in particolare minusvalenze su titoli e strumenti di debito, spiega la Bns.

L’attribuzione agli accantonamenti per l’esercizio in corso sarà definita a fine anno, aggiunge la Banca nazionale. L’istituto deve costituire accantonamenti che gli consentano di mantenere le riserve al livello richiesto dalla politica monetaria.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved