ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo

Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Speciale Economia
3 gior

Investire nel 2023

Economia
1 sett

Emmi per la prima volta oltre i 4 miliardi di franchi

Fatturato record nel 2022 per l’azienda lucernese, con vendite in aumento dell’8,1% rispetto all’anno precedente
Economia
1 sett

Banca Migros supera il milione di clienti

La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
1 sett

Credit Suisse prevede un’inflazione più alta

La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
1 sett

Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti

I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
1 sett

E all’improvviso nulla più turba le Borse

Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett

Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways

È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
2 sett

Importante cessione nel settore chimico

Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
2 sett

La deglobalizzazione non è la strada giusta

Economia
3 sett

Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00

È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
3 sett

Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian

Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
3 sett

Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe

Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
laR
 
11.03.2022 - 20:58
Aggiornamento: 12.03.2022 - 11:04

Anche una vecchia utilitaria può diventare elettrica

Una mozione al Consiglio federale chiede di agevolare l’omologazione tecnica di auto trasformate

di Generoso Chiaradonna
anche-una-vecchia-utilitaria-puo-diventare-elettrica
Keystone
Dalla pompa, alla spina

In Italia e in Francia sono realtà da un paio di anni. Una mozione del consigliere nazionale del Ps Bruno Storni chiede che anche in Svizzera vengano introdotti degli incentivi normativi per il cosiddetto retrofit elettrico – così si chiama il travaso tecnologico con una motorizzazione elettrica in un mezzo vintage – delle auto a motore a combustione. In Italia dall’agosto 2020 l’incentivo pubblico è pari al 60% dei costi di conversione, ma al massimo 3’500 euro (circa 3’600 franchi). In Francia la soglia dei sussidi si alza fino a 5mila euro (oltre 5mila franchi). Storni non chiede aiuti finanziari pubblici, ma l’eliminazione di ostacoli giuridici all’omologazione di mezzi trasformati.

«Le basi legali e alcune normative attualmente in vigore rendono praticamente irrealizzabile dal punto di vista economico in Svizzera la conversione della motorizzazione di veicoli stradali, in particolare automobili, da endotermica a elettrica», spiega Bruno Storni nella mozione presentata negli scorsi giorni. Il problema è dato da «normative ridondanti e severe che comportano costi talmente elevati da rendere praticamente non conveniente l’operazione».

Su alcuni siti italiani specializzati in mobilità elettrica, si stimano i costi di conversione tra i 5mila e i 7mila euro. Questa cifra non tiene però conto della batteria, vero Tallone di Achille che – a seconda della potenza – parte dai 5mila euro in su. In pratica per una batteria (10 kWh) adatta a una piccola utilitaria con un’autonomia di 50 chilometri bisogna mettere in conto altri 5mila euro. Man mano che sale l’autonomia della batteria, sale il costo: per 100 chilometri (20 kWh) bisogna prevedere ulteriori 10mila euro. In pratica ogni ulteriore chilometro di autonomia costa 100 euro.

«Eppure nell’ottica della politica di decarbonizzazione e dell’uso razionale di risorse come pure dell’economia circolare, la trasformazione di autovetture d’occasione è un’opportunità da cogliere e sviluppare sia per i benefici ambientali diretti che per i posti di lavoro», spiega ancora Storni nella sua mozione.

Ma in cosa consiste il retrofit? In generale gli interventi sono tendenzialmente sempre gli stessi, ma vengono adattati di volta in volta al tipo di auto su cui si effettua il retrofit e alle esigenze del singolo cliente. Ma la procedura base è la seguente: rimozione di motore e meccanica esistenti; montaggio di powertrain elettrico e batteria; omologazione.

Ed è proprio l’iter procedurale dell’omologazione, a differenza di altri Paesi europei, a frenare questa possibilità in Svizzera. «Questi aspetti sono stati considerati in Francia e Italia dove oltre a normative tecniche che rendono più attuabili le conversioni, arrivano perfino a incentivare finanziariamente il retrofit da endotermico a elettrico della motorizzazione». La mozione va proprio nella direzione di chiedere uno snellimento burocratico. «Le prescrizioni di legge in vigore in Svizzera sono definite nell’Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (Oetv) che pur facendo riferimento a normative Eu e Un (regole europee) risultano proibitive e rendono di fatto il retrofit totalmente antieconomico e inattuabile, sia per i costi, sia per la certificazione di componenti elettriche (Emv), sia – infine – per test distruttivi sulla batteria», spiega ancora il consigliere nazionale Storni che chiede che «ricertificazione delle componenti che sono già state omologate deve essere evitata». L’Ordinanza, attualmente, prevede la ripetizione di test Emc (per la compatibilità elettromagnetica, ndr) molto costosi per componenti già testate. Infine Storni chiede che per l’omologazione di singoli veicoli trasformati dovrebbe essere possibile ricorrere alla valutazione di centri di competenza riconosciuti.

Il retrofit non è per tutte

Il retrofit elettrico si rivolge principalmente alle auto con parecchi anni sulle spalle, ma che non abbiano un particolare interesse storico (in questi casi potrebbe essere un delitto effettuare un’operazione simile sacrificando l’originalità del mezzo). Oggi comunque è difficile che si trasformi in elettrica un’auto più recente di una immatricolata nei primissimi anni 2000. Il motivo è semplice. Con un’operazione di conversione si riesce a recuperare un’auto che magari è ancora ben tenuta dal punto di vista della carrozzeria e dell’abitacolo ma che è arrivata a fine vita per quanto riguarda il motore. Oppure, pur avendo ancora la possibilità di percorrere km, è in una vecchia classe antinquinamento e, quindi, sottoposta a limitazioni alla circolazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved