anche-una-vecchia-utilitaria-puo-diventare-elettrica
Keystone
Dalla pompa, alla spina
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse

Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
3 gior

Cambio franco-euro, battuto un nuovo record

Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
3 gior

Produzione e import, prezzi in calo in luglio

Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
2 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
2 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
laR
 
11.03.2022 - 20:58
Aggiornamento: 12.03.2022 - 11:04

Anche una vecchia utilitaria può diventare elettrica

Una mozione al Consiglio federale chiede di agevolare l’omologazione tecnica di auto trasformate

In Italia e in Francia sono realtà da un paio di anni. Una mozione del consigliere nazionale del Ps Bruno Storni chiede che anche in Svizzera vengano introdotti degli incentivi normativi per il cosiddetto retrofit elettrico – così si chiama il travaso tecnologico con una motorizzazione elettrica in un mezzo vintage – delle auto a motore a combustione. In Italia dall’agosto 2020 l’incentivo pubblico è pari al 60% dei costi di conversione, ma al massimo 3’500 euro (circa 3’600 franchi). In Francia la soglia dei sussidi si alza fino a 5mila euro (oltre 5mila franchi). Storni non chiede aiuti finanziari pubblici, ma l’eliminazione di ostacoli giuridici all’omologazione di mezzi trasformati.

«Le basi legali e alcune normative attualmente in vigore rendono praticamente irrealizzabile dal punto di vista economico in Svizzera la conversione della motorizzazione di veicoli stradali, in particolare automobili, da endotermica a elettrica», spiega Bruno Storni nella mozione presentata negli scorsi giorni. Il problema è dato da «normative ridondanti e severe che comportano costi talmente elevati da rendere praticamente non conveniente l’operazione».

Su alcuni siti italiani specializzati in mobilità elettrica, si stimano i costi di conversione tra i 5mila e i 7mila euro. Questa cifra non tiene però conto della batteria, vero Tallone di Achille che – a seconda della potenza – parte dai 5mila euro in su. In pratica per una batteria (10 kWh) adatta a una piccola utilitaria con un’autonomia di 50 chilometri bisogna mettere in conto altri 5mila euro. Man mano che sale l’autonomia della batteria, sale il costo: per 100 chilometri (20 kWh) bisogna prevedere ulteriori 10mila euro. In pratica ogni ulteriore chilometro di autonomia costa 100 euro.

«Eppure nell’ottica della politica di decarbonizzazione e dell’uso razionale di risorse come pure dell’economia circolare, la trasformazione di autovetture d’occasione è un’opportunità da cogliere e sviluppare sia per i benefici ambientali diretti che per i posti di lavoro», spiega ancora Storni nella sua mozione.

Ma in cosa consiste il retrofit? In generale gli interventi sono tendenzialmente sempre gli stessi, ma vengono adattati di volta in volta al tipo di auto su cui si effettua il retrofit e alle esigenze del singolo cliente. Ma la procedura base è la seguente: rimozione di motore e meccanica esistenti; montaggio di powertrain elettrico e batteria; omologazione.

Ed è proprio l’iter procedurale dell’omologazione, a differenza di altri Paesi europei, a frenare questa possibilità in Svizzera. «Questi aspetti sono stati considerati in Francia e Italia dove oltre a normative tecniche che rendono più attuabili le conversioni, arrivano perfino a incentivare finanziariamente il retrofit da endotermico a elettrico della motorizzazione». La mozione va proprio nella direzione di chiedere uno snellimento burocratico. «Le prescrizioni di legge in vigore in Svizzera sono definite nell’Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (Oetv) che pur facendo riferimento a normative Eu e Un (regole europee) risultano proibitive e rendono di fatto il retrofit totalmente antieconomico e inattuabile, sia per i costi, sia per la certificazione di componenti elettriche (Emv), sia – infine – per test distruttivi sulla batteria», spiega ancora il consigliere nazionale Storni che chiede che «ricertificazione delle componenti che sono già state omologate deve essere evitata». L’Ordinanza, attualmente, prevede la ripetizione di test Emc (per la compatibilità elettromagnetica, ndr) molto costosi per componenti già testate. Infine Storni chiede che per l’omologazione di singoli veicoli trasformati dovrebbe essere possibile ricorrere alla valutazione di centri di competenza riconosciuti.

Il retrofit non è per tutte

Il retrofit elettrico si rivolge principalmente alle auto con parecchi anni sulle spalle, ma che non abbiano un particolare interesse storico (in questi casi potrebbe essere un delitto effettuare un’operazione simile sacrificando l’originalità del mezzo). Oggi comunque è difficile che si trasformi in elettrica un’auto più recente di una immatricolata nei primissimi anni 2000. Il motivo è semplice. Con un’operazione di conversione si riesce a recuperare un’auto che magari è ancora ben tenuta dal punto di vista della carrozzeria e dell’abitacolo ma che è arrivata a fine vita per quanto riguarda il motore. Oppure, pur avendo ancora la possibilità di percorrere km, è in una vecchia classe antinquinamento e, quindi, sottoposta a limitazioni alla circolazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
auto elettriche bruno storni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved