18.02.2022 - 14:51

L’edilizia in Italia corre, in un anno +19,3% di produzione

È il dato più elevato nell’Unione europea, dopo quello ungherese che ha fatto segnare un +29%. Il settore arretra in Germania (-13,6%)

Ats, a cura de laRegione
l-edilizia-in-italia-corre-in-un-anno-19-3-di-produzione
Keystone
L’edilizia residenziale è ripartita

Bruxelles – Boom della produzione edilizia italiana nel 2021. La vicina Penisola ha fatto registrare un tasso di crescita annua del 19,3%, il secondo più elevato d’Europa, secondo i dati Eurostat. Nell’intero 2021 la produzione media annua nel settore delle costruzioni è aumentata del 5,2% nell’area euro e del 4,8% nell’Ue-27.

A dicembre, si è invece registrata una flessione rispettivamente del 4% e del 3,1%. Tra i Paesi membri, a segnare l’incremento annuo più elevato è stata l’Ungheria (+29%), seguita da Italia e Svezia (+9,6%). I maggiori cali annui sono invece stati osservati in Germania (-13,6%), Slovenia (-6,4%) e Austria (-4,3%).

L’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,3% rispetto a novembre. È il quinto mese consecutivo di crescita dell’indice che ha così raggiunto il livello più elevato da maggio 2012. Lo sottolinea l’Istituto nazionale italiano di statistica (Istat).

"Considerando il complesso del 2021, la produzione delle costruzioni ha recuperato pienamente non solo la flessione del 2020, ma risulta superiore del 14,3% al livello registrato nel 2019", commenta l’Istat.

Su base tendenziale l’indice grezzo della produzione delle costruzioni registra una crescita del 23,6%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario aumenta del 19,3% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22, contro i 21 di dicembre 2020).

Nella media del quarto trimestre del 2021 la produzione nelle costruzioni aumenta del 4,2% rispetto al trimestre precedente. Nella media complessiva del 2021, l’indice grezzo mostra un incremento del 24,4% e l’indice corretto per gli effetti di calendario cresce del 24,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto stima l’Istat nel rapporto sui dati di dicembre 2021.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved