credit-suisse-le-vendite-di-immobili-salvano-il-4-trimestre
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
22 ore

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
3 gior

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
4 gior

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
5 gior

Completata la direzione generale di Pkb Privatbank

Monica Malnati è la responsabile della Divisione risorse umane del gruppo con il grado di condirettrice
Economia
5 gior

Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina

La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
5 gior

L’importanza di essere imprenditori e politici di milizia

L’assemblea dell’Associazione imprese familiari Ticino ha ribadito l’importanza dell’impegno pubblico
Economia
5 gior

KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo

La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
6 gior

World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina

Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
25.01.2022 - 09:11
Aggiornamento : 09:31

Credit Suisse, le vendite di immobili salvano il 4° trimestre

La banca prevede un risultato stabile per il quarto trimestre 2021. Gli incassi dalle vendite immobiliari compensano le uscite per controversie legali

Ats, a cura de laRegione

La grande banca Credit Suisse ha annunciato oggi di prevedere un risultato netto grossomodo stabile per il quarto trimestre del 2021. Gli accantonamenti per le controversie legali pesano negativamente sui conti per 500 milioni di franchi, ma sono compensati parzialmente da 225 milioni incassati con vendite immobiliari, si legge in un comunicato odierno. I risultati definitivi verranno pubblicati il prossimo 10 febbraio.

Dopo gli scandali Archegos e Greensill, la banca recentemente è stata scossa dalla partenza del controverso presidente del consiglio di amministrazione António Horta-Osório, sostituito con effetto immediato dall’ex top manager di UBS Axel Lehmann. A influenzare negativamente l’ultimo trimestre dello scorso anno sono però in particolare una serie di casi in cui il gruppo - senza entrare nei dettagli - ha già cercato accordi e che riguardano principalmente vecchie controversie legali legate all’investment banking, spiega Credit Suisse.

Inoltre, l’attività non ha avuto lo stesso rendimento nell’ultimo trimestre. In particolare, le entrate basate sulle transazioni sono diminuite: il declino ha interessato sia l’investment banking, sia l’attività di gestione patrimoniale. Ciò, scrive il numero due bancario elvetico, riflette il solito rallentamento stagionale. Tuttavia, Credit Suisse si attende anche un “ritorno a condizioni commerciali più normali” dopo l’ambiente eccezionale che ha caratterizzato la maggior parte del 2020 e del 2021. Nella gestione patrimoniale, l’attività ha subito un significativo rallentamento nelle divisioni International Wealth Management - attività strategica del gruppo - e Asia Pacific.

Quanto annunciato oggi non rappresenta una vera sorpresa per il mercato: già a inizio novembre, in occasione della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre, Credit Suisse aveva reso noto di aspettarsi un’altra perdita per gli ultimi tre mesi dell’anno. La causa, in particolare, è una rettifica di valore da 1,6 miliardi di franchi in relazione all’ammortamento del goodwill rimanente nell’investment banking.

Questo deriva principalmente dalla banca d’investimenti americana Donaldson, Lufkin & Jenrette, acquisita nel 2000. Si tratta tuttavia di “costi senza effetti sulla liquidità”, che non ridurranno né le quote di capitale del gruppo né i loro valori contabili materiali, assicurava il numero due bancario elvetico.

Per l’intero 2021 l’istituto prevedeva a inizio novembre un ulteriore calo dei volumi di mercato, dato che la situazione sulle piazze azionarie si è normalizzata rispetto ai massimi registrati l’anno scorso. Nella banca d’investimenti dovrebbe inoltre avere ripercussioni sui ricavi derivanti dalla negoziazione e vendita di azioni l’abbandono della maggior parte dei “prime services” (all’origine del caso Archegos). Il consiglio di amministrazione e la direzione desiderano infatti ridurre l’esposizione al rischio dell’istituto dopo le recenti controversie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse quarto trimestre 2021
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved