il-radar-di-intesa-e-unicredit-puntato-sul-mercato-europeo
Keystone
La torre di Unicredit a Milano
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 ore

Glencore pagherà 1,06 miliardi a Stati Uniti e Brasile

Multa salata per l’azienda, dichiaratasi colpevole di attività di corruzione in Africa e Sudamerica. Nonché di manipolazione dei mercati
Economia
18 ore

Glencore accusata di corruzione nel Regno Unito

La società con sede a Zugo, sotto inchiesta per operazioni petrolifere in vari Paesi africani, si dichiara colpevole
Economia
21 ore

I rimborsi pesano sulle casse di Groupe Mutuel: 2021 in rosso

Gestione chiusa con una perdita di 78 milioni di franchi. Complice però la rifusione ai soci (per 111 milioni) delle riserve
Economia
1 gior

Banca nazionale pronta a misure per contrastare l’inflazione

L’inasprimento della politica monetaria è un’opzione qualora la situazione non dovesse migliorare. Maechler: ‘Fondamentale capirne la dinamica’
Economia
5 gior

Zurich vende la sua attività in Russia ed esce dal mercato

Sarà ceduta a undici membri del team dell’unità, che continueranno a operare sul territorio con un marchio diverso
Economia
6 gior

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
1 sett

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
1 sett

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
1 sett

Completata la direzione generale di Pkb Privatbank

Monica Malnati è la responsabile della Divisione risorse umane del gruppo con il grado di condirettrice
Economia
1 sett

Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina

La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
1 sett

L’importanza di essere imprenditori e politici di milizia

L’assemblea dell’Associazione imprese familiari Ticino ha ribadito l’importanza dell’impegno pubblico
Economia
1 sett

KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo

La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
1 sett

World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina

Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
Economia
1 sett

Il Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed

Nei prossimi mesi la banca centrale americana procederà a nuovi rialzi del costo del denaro per contenere un’inflazione schizzata in aprile all’8,3%
Economia
1 sett

Inflazione aumenterà di mezzo punto più del previsto

Il Credit Suisse rivede le sue previsioni per l’anno in corso: il rincaro dovrebbe essere del 2,3% contro l’1,8% inizialmente stimato
Economia
2 sett

Utile in forte crescita nel primo trimestre per Bayer

Vendite per 14,6 miliardi e ricavi per 3,3 miliardi di euro (+58%): il gigante farmaceutico tedesco col vento in poppa
24.01.2022 - 07:09
Aggiornamento : 15:28

Il radar di Intesa e Unicredit puntato sul mercato europeo

Commerzbank, Otkritie Bank, Julius Bär: i due gruppi leader in Italia hanno le loro carte da giocare

di di Stefano Righi, L’Economia

Momentaneamente escluse dal risiko domestico, Intesa perché ha già preso, Unicredit perché ha preferito non prendere, le due maggiori banche del sistema nazionale hanno puntato i loro sistemi radar sul più strutturato mercato europeo, dove entrambe sono già presenti, ma dove presumibilmente si giocherà il loro futuro a lungo termine.

Fuori dai confini italiani, pur con tutte le difficoltà del caso, ci sono masse e occasioni in grado di cambiare il profilo dei due gruppi leader, che vengono segnalati ripetutamente sul buy side di molte partite che si stanno attualmente giocando nel Vecchio continente.

Francoforte

La più strategica è quella che riguarda la tedesca Commerzbank. L’istituto di Francoforte è da tempo in difficoltà e necessita di un partner solido per annacquare il passato e guardare con fiducia al futuro. Tra le tante potenziali acquirenti, tre sono le più gettonate, tutte con ottime motivazioni. In Germania molti sostengono la candidatura di Deutsche Bank. Un matrimonio tutto tedesco, tutto di Francoforte, la capitale finanziaria d’Europa, che non ferirebbe l’amor proprio teutonico e che però sottovaluta le enormi incognite che ancora accompagnano il cammino della potenziale acquirente, Deutsche Bank. La banca simbolo dell’economia tedesca, anche se nell’ultimo anno ha guadagnato il 27 per cento in Borsa, è ancora lontana dal passo e dai ritmi di crescita che l’avevano contraddistinta fino al 2015. Oggi Deutsche Bank vale meno della metà di Intesa Sanpaolo e il 20 per cento in meno di Unicredit. Al punto che pensare a una superbanca basata a Francoforte se da un lato appaga gli istinti nazionalistici di Berlino, dall’altro evidenzia delle difficoltà oggettive per giungere a un possibile merger.

Più concrete appaiono invece le ambizioni degli altri due potenziali acquirenti. L’olandese Ing da un lato avanza la vicinanza culturale con la Germania, dall’altro propone un modello che esalterebbe l’integrazione: alla forza di Ing sul mercato retail, si sommerebbe la qualificata esperienza di Commerzbank nel corporate.

E Unicredit? La banca di Piazza Gae Aulenti ha già una forte presenza nel sud della Germania con Hvb. Integrare le competenze e il portafoglio di Commerzbank in quella che da decenni è la prima economia continentale rappresenterebbe per Andrea Orcel un grosso passo in avanti sul fronte della competitività di lungo periodo. Unicredit, dopo lo stop su Mps, sembra infatti decisa a guardare fuori dai confini nazionali. È noto un suo interesse verso la Russia, dove Mosca ha posto in vendita Otkritie Bank, ma l’opportunità Commerzbank non può essere sottovalutata, anche perché rafforzerebbe la presenza in un’area, quella dell’Europa centrale, che si integrerebbe perfettamente con le attività rilevanti che Unicredit detiene nell’area più orientale del Vecchio continente.

Intesa, dal canto suo, ha da tempo acceso tutti i radar possibili per consolidare la propria presenza estera. Al momento le armate di Carlo Messina controllano alcune banche nell’Europa balcanica, aree a elevata crescita economica dove il gruppo di Ca’ de Sass è guidato da Marco Elio Rottigni. Ma, a differenza di Unicredit, Intesa sembra oggi più interessata a espandere il proprio raggio d’azione attraverso l’acquisizione di singoli business, meglio se ad elevata specializzazione. È il caso della svizzera Julius Baer, una delle più importanti banche della Confederazione per quanto riguarda il wealth management e la gestione del risparmio: zero sportelli e 490 miliardi di franchi svizzeri di patrimonio gestito. Su Julius Baer Intesa ha posto gli occhi, ma al momento non si è concluso nulla. Per il gruppo italiano sarebbe una straordinaria occasione di crescita sui mercati internazionali a maggior valore aggiunto. Ed è in questa direzione, business circoscritti e altamente remunerativi, che si sta concentrando l’attenzione della prima banca italiana, fortemente intenzionata ad allargare la propria presenza estera, ma non a farsi carico di modelli di business superati.

A livello europeo, i grandi player appaiono abbastanza individuati. Bnp Paribas guarda tutti dall’alto dei suoi quasi 80 miliardi di capitalizzazione e con la spagnola Santander offre l’impressione di far parte di un’altra lega, di un campionato a cui non tutti sono ammessi. Una posizione invidiabile quella di Bnp Paribas, scalfita però dalle tensioni sempre più evidenti sul mercato italiano, dove la controllata Bnl si avvia al secondo sciopero nell’arco di un mese, provocato da progetti di esternalizzazione che vanno dall’It al back office, dalla chiusura di filiali alla cessione di Axepta. Una strategia che alimenta ogni voce, anche quelle di una uscita del grande gruppo parigino dal mercato retail italiano, dopo 15 anni di presenza diretta.

Suite francese

Ma le banche francesi dimostrano grande visione strategica. Lo evidenzia il Crédit Agricole, che con la sua filiale italiana guidata da Giampiero Maioli ha saputo essere protagonista nel riassetto del settore creditizio nella Penisola e potrebbe continuare a esserlo nei prossimi mesi. Più cauta invece è Société Générale, altra grande banca basata a Parigi che, dopo aver flirtato con Unicredit nei primi mesi della gestione di Jean Pierre Mustier, ha recitato il ruolo della bella e inavvicinabile, che forse adesso potrebbe superare, guardando ancora verso l’Italia, non necessariamente verso Unicredit.

Di grande dimensione è anche l’altra spagnola, il Bbva, Banco di Bilbao Vizcaya Argentaria, molto radicato in America Latina e soprattutto in Messico, dove matura una parte importante del suo business. Il Bbva che ha appena aperto un fronte digitale sul mercato italiano: peanuts, rispetto alle reali potenzialità del gruppo spagnolo. Le partite, al momento, sembrano altre.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banche commerzbank intesa julius bär unicredit
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved