quanto-violenta-sara-la-svolta-monetaria-della-fed
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse

Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
1 gior

Cambio franco-euro, battuto un nuovo record

Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
1 gior

Produzione e import, prezzi in calo in luglio

Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
5 gior

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
1 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
1 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett

Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise

Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
2 sett

Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno

L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
Economia
2 sett

Sulzer chiude il semestre in rosso. Ma era tutto previsto

I risultati operativi sono segnati dagli oneri legati alla chiusura dei siti polacchi e dall’abbandono di tutte le attività in Russia
24.01.2022 - 07:09
Aggiornamento: 15:26
di Walter Riolfi, L’Economia

Quanto violenta sarà la svolta monetaria della Fed?

Il temuto rialzo dei tassi di interessi negli Stati Uniti lascia intravedere scenari più o meno preoccupanti

Non era ancora iniziata la seduta di Wall Street, quando Jamie Dimon, numero uno di JPMorgan, oltre ad annunciare i poco lusinghieri risultati trimestrali della sua banca, aggiunse una ferale predizione: la Fed potrebbe «alzare i tassi d’interesse sei o sette volte» quest’anno. A New York era la mattina di venerdì 14 gennaio. Qualche minuto dopo, il titolo aprì in calo di oltre il 6% e sul mercato obbligazionario il rendimento del Treasury a 10 anni era volato in un attimo all’1,77%, il massimo dal gennaio 2020, prima che la pandemia sconvolgesse tutti i mercati finanziari. Se fosse vera la previsione di Dimon, il Fed Fund sarebbe oltre l’1,5% a fine anno, e rendimenti così bassi come quelli espressi dai titoli di Stato americani non sarebbero più giustificati, hanno pensato gli operatori. Pochi giorni dopo, il Treasury era infatti già più alto, ma anche quota 1,85% non sarebbe appropriata con una Fed che si mostra così aggressiva.

Supponiamo d’essere meno pessimisti di Dimon, immaginando quattro rialzi dei tassi quest’anno e altri due o tre nel prossimo, cosicché ci dovremmo trovare il tasso Fed all’1,88% a fine 2023. Ma non basta, spiega Jim Reid di Deutsche Bank, perché la liquidazione dei titoli acquistati nel quantitative easing, prevista dopo luglio, equivale a un’ulteriore stretta monetaria: per la precisione, una contrazione dell’attivo della banca pari a 650-700 miliardi avrebbe lo stesso effetto di un rialzo dei tassi di 25 centesimi. E, siccome entro il 2023 la Fed dovrebbe liquidare, secondo Reid, circa 3 mila miliardi, è come se avesse alzato i tassi di un altro punto percentuale. In totale saremmo al 2,9% circa e il Treasury decennale, se davvero funzionasse la stima di Morgan Stanley (secondo la quale 100 miliardi sottratti all’attivo della Fed equivalgono a 4-6 punti base di rialzo per il Treasury), dovrebbe finire quantomeno tra il 3,5 e il 4%.

Interpretazioni non concordanti

Va da sé che le conseguenze sarebbero nefaste, più per i mercati che per un’economia presunta ancora in buona salute. La Borsa di Wall Street, che 10 giorni fa aveva così paradossalmente snobbato il dato dell’inflazione salita al 7%, subirebbe un forte scossone, tanto più con valutazioni di 22 volte gli utili, giustificabili a mala pena con tassi quasi a zero. I forti ribassi dell’S&P 500 visti all’inizio della settimana scorsa sarebbero solo una prima avvisaglia di quanto potrebbe accadere nei prossimi mesi. Un indice in caduta sarebbe la ragionevole conseguenza di un così repentino cambiamento della politica monetaria americana e l’illusione che i mercati d’Eurozona possano restare quasi immuni, perché meno sopravalutati, perché la Bce non seguirebbe la strada della Fed e perché le nostre economie, meno sussidiate degli Stati Uniti, hanno ancora spazio per riprendersi, si rivelerebbe vana. Ma non è detto che la svolta monetaria della Fed sarà così violenta, come suggeriscono le analisi di Deutsche Bank e Morgan Stanley.

Se quest’ultima pare crederci davvero, la banca tedesca ammette che il ragionamento è puramente teorico: crede invece che l’attivo della Fed «dovrà crescere ancora nei prossimi anni, poiché l’istituto sarà costretto a ricorrere nuovamente alla repressione finanziaria per far sì che il crescente peso del debito pubblico sia sostenibile». Nell’arco di 18 mesi, Jerome Powell potrebbe anche alzare i tassi fino all’1,5%, sostiene Jeffrey Gundlach di DoubleLine (il maggior fondo obbligazionario al mondo), ma poi dovrà far marcia indietro vedendo crollare il mercato azionario e materializzarsi il rischio di una pesante recessione. Altri gestori di hedge fund sono ancor più pragmatici, perché dopo 13 anni di quantitative easing hanno ben compreso che l’economia (e i mercati) non possono crescere senza stimoli monetari: quattro rialzi in tutto sarebbero fin troppi. Per questo il rendimento del Treasury non potrà salire tanto in alto e i più lo vedono al 2% per fine anno, al massimo al 2,3% secondo Morgan Stanley.

Solo una tregua

Si fa strada la sensazione che l’attuale buon momento dell’economia sia solo una tregua, una felice contingenza generata dagli straordinari stimoli monetari e fiscali elargiti per fronteggiare la pandemia. Una volta che questi si saranno esauriti (BofA calcola che gli aiuti alle famiglie americane si ridurranno a 660 miliardi quest’anno dai 2.800 del 2021), l’economia riprenderà l’incerto passo del trascorso decennio e anche il balzo dell’inflazione si rivelerà un fuoco di paglia. S’è visto come le previsioni degli economisti al servizio delle grandi banche d’investimento siano molto spesso bizzarre e volatili, dettate più dall’umore del momento che da una seria analisi. Ma anche seri studiosi, come Olivier Blanchard (ex capo economista dell’Fmi), ribadisce che tutto è cambiato negli ultimi 30 anni e che, al di là delle crisi indotte dalla finanza o dalla pandemia, restano intatti i fattori che hanno determinato minor crescita economica e ben più bassi tassi d’interesse rispetto al secolo scorso. E Larry Summers (ex segretario al Tesoro e professore all’università di Harvard) non ha dubbi che, esauriti tutti gli stimoli monetari e fiscali, l’economia ritornerà ad assumere i contorni di una «secolare stagnazione». E, se Goldman Sachs cerca di stemperare il crescente pessimismo, quantomeno per le conseguenze sui mercati azionari, Bank of America rafforza la propria tesi di un’economia destinata a scivolare nella stagflazione. Ossia stagnazione aggravata da alta inflazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fed interesse rialzo tassi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved