Seattle Kraken
5
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 2-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
le-colombe-della-fed-e-il-dilemma-dell-inflazione
Keystone
Jerome Powell, presidente della Federal Reserve
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Credit Suisse: multa da 9 milioni di dollari negli Usa

La sua filiale Credit Suisse Securities non ha rispettato le disposizioni sulla protezione degli investitori
Economia
3 gior

La carenza di manodopera è una sfida per la ripresa economica

Lo rivela l’ultimo Barometro dell’occupazione pubblicato oggi dall’Unione svizzera degli imprenditori (USI)
Economia
5 gior

Forte calo delle imposte per le imprese svizzere dal 2019

Da una ricerca del Bak Economics risulta che Nidvaldo ha sostituito Hong Kong al primo posto della graduatoria delle regioni fiscalmente più attrattive
Economia
1 sett

Un sonoro ceffone per Wall Street

Gli investitori non avevano compreso che, con un’inflazione al 7% e un’economia al galoppo, un tasso d’interesse quasi a zero sarebbe un sacrilegio
Economia
1 sett

La sindrome giapponese di Pechino

Il default del secondo più grande costruttore del Paese può essere una svolta che avrà conseguenze di lungo periodo sull’economia internazionale
Economia
1 sett

Vendite Rolls-Royce, il 2021 ‘un’annata fenomenale’

Il celebre marchio delle auto di lusso non sente la crisi del settore: consegnati 5’586 veicoli, con un aumento del 49% rispetto al 2020
Economia
2 sett

Bns verso un utile di 26 miliardi nel 2021

Risultato migliore delle attese. Una somma totale di 6 miliardi di franchi sarà versata per un terzo alla Confederazione e due terzi ai Cantoni
Economia
2 sett

Tornano ad aumentare i prezzi in Svizzera:+ 0,6% nel 2021

Il valore medio è il più alto dal 2018. A pesare soprattutto il costo dei prodotti petroliferi e degli affitti delle abitazioni, meno cari i farmaci
Economia
3 sett

Per ricchezza, Elon Musk secondo solo a John D. Rockefeller

Anno d’oro per il multimiliardario Ceo di Tesla, in un livello di fortuna collettiva delle 500 persone più ricche del globo cresciuta di mille miliardi
Economia
1 mese

In Svizzera la parola finanziaria dell’anno è ‘greenwashing’

Cade sull’ecologismo di facciata la scelta di una giuria istituita da Finews.ch e da Natixis Investment Managers
Economia
1 mese

Bilancia dei pagamenti, eccedenza da record

Si tratta del valore più elevato dall’inizio delle serie statistiche della Banca nazionale svizzera dal 1985
Economia
1 mese

Pandemia, Swiss riassumerà centinaia di assistenti di volo

La compagnia aerea cambia rotta in materia di personale. Dopo i tagli degli scorsi mesi, si è accorta che si sarebbe trovata a corto di equipaggi
Economia
1 mese

Vola il prezzo del gas in Europa, Amsterdam record a 182 euro

Non si arresta la corsa verso l’alto dei prodotti energetici, metano e petrolio compresi
Economia
1 mese

Ubs fa ricorso contro la condanna in Francia

‘Così potremo analizzare nei dettagli la sentenza’, afferma la banca. In appello la multa era stata più che dimezzata a 1,8 miliardi di euro
Economia
1 mese

Stipendi 2022, Travail.Suisse stila un bilancio in chiaroscuro

Aumenti mitigati dall’inflazione e dalla situazione insoddisfacente in diversi settori, come quello della costruzione
Economia
1 mese

In Svizzera mancano concimi, liberate le scorte

Per far fronte a un’eventuale penuria il Dipartimento dell’economia ha liberato oggi una parte delle scorte obbligatorie
29.11.2021 - 07:490
Aggiornamento : 15:43

Le ‘colombe’ della Fed e il dilemma dell’inflazione

Si dice, e il Wall Street Journal è incline a confermarlo, che Joe Biden volesse Lael Brainard al posto di Jerome Powell alla presidenza della Fed: una che è considerata ancor più «colomba» di Powell, anzi il massimo fautore delle politiche monetarie ultra espansive e possibilmente ad oltranza. Di certo il mercato avrebbe apprezzato il gesto. Invece Powell è stato riconfermato e il mercato s’è un poco risentito, facendo salire il rendimento dei Treasury di 10 centesimi e limare l’S&P 500 di qualche punto. L’episodio è istruttivo perché ci svela quale sia la mentalità degli investitori.

Dato per scontato che costoro (alla pari di Biden o di qualsivoglia governo) vorrebbero tassi a zero per sempre e quantitative easing eterni, ne consegue che inasprire un poco la politica monetaria sarebbe adesso un errore. E siccome il mercato ha ben compreso la propria forza di persuasione, davanti a una Fed quasi sempre arrendevole, ha già decretato che l’inflazione non rappresenta un grande pericolo, perché è transitoria, più transitoria di quanto creda Powell: dunque alzare i tassi prima e più rapidamente del previsto sarebbe uno sbaglio madornale.

Un vero e proprio «errore politico», come quello che Powell si apprestava a fare sul finire del 2018, se non fosse intervenuta la pressione dei mercati (e di Donald Trump) a scongiurarlo. E così i rendimenti dei Treasury sono leggermente risaliti: al’1,65% quello del decennale, che resta comunque sotto il massimo di marzo (1,75%) e in particolare quello del titolo a 2 anni che, allo 0,65%, si ritrova 42 centesimi più alto di quanto fosse a settembre.

Il sondaggio

Troppo alto? Allo 0,65% il titolo sconta circa tre rialzi dei tassi Fed per fine 2023, una previsione in linea con la moderata visione di Goldman Sachs, ma assai distante dall’analisi di Bank of America che prevede un’inflazione persistente e una Fed ben più aggressiva. Del resto se dobbiamo credere alle instabili scommesse del mercato sui Fed Funds, quattro rialzi dei tassi sono dati quasi per certi già per giugno 2023. Il vero rischio è semmai che gli investitori stiano sottostimando l’andamento dell’inflazione e quindi la reazione della banca centrale.

Questa sensazione appare evidente osservando l’ultimo sondaggio di Bofa tra 400 grandi gestori internazionali. Il 51% di costoro s’aspetta un’inflazione in calo, contro il 37% che pensa il contrario: così suggerivano anche le stime del marzo 2020, quando l’inflazione americana era all’1,5% e non al 6,2% come ora. Ma, ancor più sconcertante è la convinzione che l’inflazione sia un evento transitorio, come dichiarato dal 61% degli intervistati contro il 58% del mese scorso. Il paradosso è che più sale l’indice dei prezzi, più matura la convinzione che il fenomeno sia temporaneo. Transitoria è stata creduta l’inflazione a marzo, quando l’indice aveva sorpreso, crescendo del 2,6%: e ci poteva stare. E temporanea è stata giudicata man mano che l’indice balzava sopra il 4%, sopra il 5% e sopra il 6%.

Otto mesi di prezzi al rialzo, ben sopra l’obiettivo della Fed (circa il 2%), non hanno scalfito la dogmatica convinzione di un’effimera fiammata inflattiva. Intendiamoci: prima o poi la tendenza si smorzerà, ma credere che il prossimo anno l’inflazione sia destinata a tornare ai livelli pre Covid (sotto il 2%), con una crescita economica prevista più sostenuta di quella vista nel precedente decennio, è poco razionale.

Oltre la temporaneità

Bofa stima un aumento generale dei prezzi del 4,6% nel 2022, Goldman Sachs è forse ancor più severa pronosticando un’inflazione core (depurata da energia e alimentari) al 3,6% il prossimo anno e al 2,6% nel 2023: in ogni caso ben sopra l’obiettivo della Fed e ben oltre il concetto di temporaneità. E allora quale sarebbe questo errore di politica monetaria da imputare alla Fed? Proprio l’opposto di quanto pensa il mercato, sostiene Mohamed El-Erian, capo economista di Allianz, perché una banca centrale troppo timida nell’alzare i tassi si vedrà costretta a tirare bruscamente il freno più avanti, con gravi conseguenze sui mercati e sull’economia. Certo, una parte dei fattori che hanno finora contribuito al balzo dei prezzi verrà meno nel corso dei prossimi anni, ma altre concause (crescita dei salari, la parabola discendente nel processo di delocalizzazione e le stesse difficoltà nel sistema degli approvvigionamenti, già percepibili prima della pandemia) sono destinate a perdurare.

Si potrebbe obiettare che le aspettative d’inflazione provenienti dai vari sondaggi e dai prezzi sui mercati finanziari indicano uno scenario meno preoccupante. Ma sono assai poco attendibili, risponde El-Erian: perché in buona parte autoreferenziali (ovvio se si sposa la tesi delle banche centrali di un’inflazione transitoria) e perché i prezzi sui mercati obbligazionari sono viziati dalla presenza di un solo grande compratore: la Fed. Va da sé che ogni previsione sull’andamento delle borse e dei bond il prossimo anno deve fare i conti con l’incognita inflazione e già si stanno cimentando i grandi broker nel formulare le stime più disparate a seconda degli scenari ipotizzati.

Di queste analisi si renderà conto nei prossimi numeri. Intanto, una nota di relativo ottimismo riguarda proprio l’Eurozona e pare essere condivisa dalla maggior parte delle case d’investimento. Da noi l’inflazione è ben più bassa che in America: resterà sopra il 2% il prossimo anno, dicono gli analisti di Bofa, ma scenderà nel 2023. E questo darà maggior forza ai nostri mercati azionari che faranno meglio di Wall Street. E, questa volta, concorda pure Goldman Sachs.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved