la-battaglia-del-caricatore-unico
Keystone
Il cavo della discordia
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
10 ore

Le ‘colombe’ della Fed e il dilemma dell’inflazione

Economia
6 gior

Glencore ferma produzione di zinco in Sardegna

‘Spropositati prezzi dell’energia’ la motivazione della filiale italiana del gigante delle materie prime. La chiusura toccherà circa 400 dipendenti
Economia
1 sett

UBS, Colm Kelleher sarà il nuovo presidente del Cda

Il suo nome verrà proposto all’Assemblea generale degli azionisti, in programma il prossimo 6 aprile, quale successore di Axel Weber
Economia
1 sett

Le criptovalute affascinano i super-ricchi

Il 28% delle famiglie ultra-facoltose hanno già investito in bitcoin, ethereum e simili, stando a un sondaggio condotto presso 385 family office
Economia
1 sett

Ottobre mese con poco ‘slancio’ per il commercio estero

Rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a16,4 miliardi
Economia
1 sett

Tecnologie innovative: ‘Aziende e università collaborino’

Presentato il Technology outlook Satw 2021. Il documento indica le tendenze tecnologiche più significative in Svizzera. Molte le opportunità per le Pmi
Economia
2 sett

Global tax, il problema di un’imposta sul profitto

L’accordo raggiunto in sede G20 è una svolta notevole, ma restano aperte la questione aliquota e le nuove basi imponibili
Economia
2 sett

Gli infiniti miliardi di Meta

Il metaverso di Mark Zuckerberg non è solo un’idea o una visione ma è e sarà un modo per fare soldi e sperimentare modelli di business
Economia
2 sett

Previdenza integrativa, il dilemma tra polizze e conti 3a

Per gli esperti di VermögenZentrum la soluzione dell’investimento in titoli Etf è preferibile a quella assicurativa. Quest’ultima ha però altri vantaggi
Economia
2 sett

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)
prezzi dell'energia
2 sett

C’è chi scommette su un barile di petrolio Brent a 300 dollari

Sul mercato delle opzioni si sono registrati i primi contratti che ipotizzano un aumento del greggio alle stelle
Economia
2 sett

Stagione sciistica, gli operatori in Svizzera sono fiduciosi

La domanda interna c’è come pure quella degli ospiti stranieri. A favore gioca il fatto che – per ora – non è previsto il Covid Pass per gli impianti
Economia
2 sett

 Swiss Life, meno premi nei primi nove mesi

Gli incassi legati ai premi sono calati dell’1% a 15,2 miliardi di franchi, ma sono aumentate del 17% le entrate da commissioni
Economia
3 sett

Novartis non è più azionista di Roche

Il gigante farmaceutico basilese rivende alla sua rivale la partecipazione che detiene da 20 anni. Incasserà 14 miliardi di dollari
Economia
3 sett

Edilizia, anche quest’anno niente accordo sui salari in Svizzera

Fallite le trattative tra padronato e sindacati. È la seconda volta di fila che capita
Economia
3 sett

L’aumento dei prezzi non intacca la fiducia dei consumatori

Secondo il sondaggio Seco di ottobre, le economie domestiche svizzere continuano a essere molto ottimiste in merito agli sviluppi dell’economia.
Economia
10.10.2021 - 15:320

La battaglia del ‘caricatore unico’

L’Europa che non riesce a fissare uno standard per spine e prese elettriche, forse più utile alla mobilità delle persone, ci prova coi cavetti

Nel significato più comune del termine, «concorrenza» è una situazione nella quale si hanno più fornitori che offrono servizi non perfettamente identici e anzi tentano spesso di differenziarsi l’uno dall’altro. Il vino rosso è venduto in bottiglie dello stesso formato, ciascuna delle quali contiene un certo numero di bicchieri e richiede, pertanto, un dato numero di commensali oppure un determinato lasso di tempo per essere bevuta. Ma guai a dire al produttore di vino che il suo è per l’appunto nient’altro che quello: vino. Ogni vignaiolo desidera che il suo vino sia diverso da quello di tutti gli altri, per quanto all’apparenza gli somigli.

Regole

Il comparto è regolato da regole ferree ma, per come possono, i produttori inventano tecniche produttive diverse (farlo invecchiare in botti di un tipo o di un altro) appunto per esaltare la differenza. L’accezione comune della «concorrenza» è spesso rifiutata dai legislatori. Nell’Unione europea, per esempio, pare che siano politiche «pro-concorrenziali» tutte quelle che vengono incontro alle «frustrazioni dei consumatori», per come queste ultime vengono interpretate e ridefinite dalla Commissione europea. Thierry Breton, il commissario per il mercato interno, ha annunciato una proposta di legge per portare le imprese dell’elettronica di consumo ad adottare, tutte, un unico modello di cavetto per collegare il telefono cellulare di loro produzione a un caricatore.

La battaglia per il «caricatore unico» sarebbe il non plus ultra della concorrenza, perché «con la nostra proposta, i consumatori europei saranno in grado di utilizzare un unico caricatore per tutti i loro dispositivi elettronici portatili». L’Europa che non riesce a fissare uno standard per spine e prese elettriche, forse più utile alla mobilità delle persone, ci prova coi cavetti. La Commissione aveva aperto la pratica attorno al 2007/2008, quando si stima che esistessero trenta tipi di caricatori e cavetti diversi.

Nel 2009 venne sottoscritto un Memorandum of Understanding con cui le imprese si impegnavano a cercare di sviluppare sistemi più interoperabili. Da allora, il mercato è cambiato e si tende a separare il cavo di collegamento dal caricatore vero e proprio. Secondo alcune ricerche, oltre il 40% dei consumatori ha comprato almeno un «secondo» strumento per caricare il telefono, al di là di quello principale ottenuto al momento dell’acquisto. Non risultano differenze, in merito, fra consumatori Apple e consumatori Android. In generale, però, a comprare almeno una volta un secondo caricatore sono stati soprattutto i consumatori più giovani.

Come sa chiunque abbia uno smartphone, c’è tutta una offerta di cavetti e charger prodotti da aziende relativamente piccole, che si differenziano sui dettagli più diversi. Meno del 10% di chi ha acquistato un secondo caricatore lo ha scelto «integrato» cavo e charger assieme, proprio perché ormai sul mercato dominano gli strumenti «scomponibili». Il che suggerirebbe che sono effettivamente più «interoperabili» e soprattutto che non necessariamente il caricatore «in più» deve essere buttato via al momento in cui si cambia il telefono. Per quanto riguarda la bocchetta di connessione, ormai siamo arrivati ad averne solo di tre tipi: Micro-USB, USB-C e Lightning. Si stima che a fine anno pressoché tutti i nuovi cellulari Android useranno USB-C e non la vecchia Mini-USB.

Nei prossimi cinque anni, insomma, gradualmente il mercato stesso pare destinato a convergere su due opzioni: una per Apple, l’altra per il resto del mondo. La norma che è in cottura a Bruxelles è dunque una regola «ad aziendam»: l’obiettivo è Cupertino.

Il calcolo dei benefici

Qual è il beneficio atteso? Verosimilmente, che si buttino via un po’ meno cavetti e un po’ meno caricatori quando un consumatore decide di passare da Android ad Apple e viceversa. Francamente, è difficile immaginare che quella sia la prima preoccupazione degli utenti, che semmai si pongono il problema di come portare in salvo, al momento della migrazione, le loro fotografie e i loro dati. C’è un vantaggio per l’ambiente? Lo stesso studio d’impatto della Commissione (realizzato da Ipsos e Trinomics) stima che sia molto modesto, in termini di riduzione di rifiuti elettronici. Il vero costo dell’armonizzazione è del genere che è facile non vedere.

Libertà d’impresa è sviluppare il prodotto (o il servizio) che si desidera, sottoponendosi al giudizio del consumatore. Togliere ai produttori (peggio ancora, a un singolo produttore) la libertà di realizzare il prodotto che vuole come vuole, un prodotto perfettamente legittimo, funzionante e non fraudolento, s’intende, significa limitare la libertà d’impresa.

È vero che il cavetto di collegamento non è la singola differenziazione di prodotto più interessante per i consumatori. Ma è altrettanto vero che batterie e tecnologie di caricamento attraversano anch’esse un periodo di transizione: ridurre tutto, per legge, a una sola opzione incentiverebbe le aziende a battere nuove strade e a migliorare le tecnologie di caricamento? È probabile che l’abolizione di differenziazione ovvero di ogni tecnologia «proprietaria» in quest’ambito non sarebbe un gran incentivo agli investimenti. Il dopo-Covid è l’ennesima prova per l’Unione europea. Il mercato interno da anni attende di essere completato e, come sappiamo, sono ancora molti i colli di bottiglia che impediscono la piena integrazione di mercati importanti. Non serve essere euroscettici per domandarsi se a Bruxelles davvero non hanno altro da fare che occuparsi di cavetti per cellulari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved