banca-cler-strategia-2022-2025-crescita-sostenibile-e-redditizia
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
4 gior

Falcon Bank ed ex Ceo a processo per riciclaggio

Per il caso del fondo sovrano malese 1Mdb che portò, tra le altre cose, allo scioglimento della Bsi
Economia
4 gior

La Banca nazionale svizzera non cambia rotta

Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
4 gior

Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano

A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
5 gior

Kathrin Wehrli lascia la direzione generale di Raiffeisen

La responsabile del dipartimento Prodotti e servizi di investimento lascia la banca con effetto immediato, motivando la decisione con ragioni private
Economia
6 gior

Continua il buon momento dell’edilizia

Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
6 gior

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
1 sett

Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio

Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett

In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania

Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
2 sett

Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro

Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
2 sett

Helvetia torna in zona utili nel primo semestre

Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
2 sett

Fed e Bce, prospettive capovolte

Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
Economia
2 sett

Per Medacta un primo semestre 2021 positivo

I progressi delle vaccinazioni, permettendo la normalizzazione delle attività chirurgiche, hanno favorito l'azienda produttrice di dispositivi ortopedici
Economia
2 sett

Bill Gates mette i panni dell'albergatore

Il fondatore di Microsoft scommette sulla ripresa del settore e diventa azionista di maggioranza della catena Four Seasons
Economia
2 sett

Lavoro ridotto e abusi, la Seco controlla e sanziona

Ad agosto sono stati segnalati circa mille casi sospetti. Sono una ventina le denunce penali, mentre 130 sono stati i conteggi da correggere
Economia
3 sett

Niente ondata di fallimenti, ma più bancarotte di privati

Lo indica una statisticha di Creditreform. In agosto hanno depositato i bilanci per insolvenza 381 ditte, il 4,8% in meno di un anno fa
Economia
3 sett

Il post pandemia ci riporta l’inflazione

Prezzi alla produzione e al consumo in forte aumento in Usa e Cina. Segnali di aumenti anche nella zona euro e in Svizzera
Economia
3 sett

Boldbrain Startup Challenge, le venti idee finaliste

Le candidature totali sono state 104, di cui 48 giudicate idonee. Solo venti proseguono la corsa
Economia
3 sett

Commercio al dettaglio, dopo il ‘boom’ si atterra

Stando al Bak Economics le vendite dovrebbero aumentare dell’1,5% quest’anno per poi diminuire nel 2022
Economia
3 sett

Affitti stabili ad agosto, ma a Lugano crescono

In generale in Ticino, stando all’indice Homegate, la curva delle pigioni negli ultimi sei annni è scesa
Economia
01.09.2021 - 08:030

Banca Cler, strategia 2022-2025: crescita sostenibile e redditizia

L'istituto bancario ha definito insieme alla società madre – la Basler Kantonalbank – la strategia che adotterà da qui al 2025

La Banca Cler, istituto bancario facente parte del gruppo BKB, ha definito insieme alla società madre – la Basler Kantonalbank – la strategia che adotterà da qui al 2025. Nel prossimo periodo strategico (2022–2025), la Banca Cler continuerà a sviluppare i propri punti di forza: si focalizzerà sulla sostenibilità nelle operazioni con la clientela e nelle attività operative, sulle collaborazioni e sulla crescita redditizia nei mercati chiave e in nicchie interessanti. La crescita sarà sostenuta dall’elevata produttività e dal basso grado di complessità dei modelli di business. La Banca Cler prende a riferimento le esigenze dei suoi clienti e sta sottoponendo l’offerta e i processi a un’evidente semplificazione. L’istituto osserva gli sviluppi del mercato e implementa soluzioni opportune in modo rapido e semplice, ricorrendo anche alla fattiva collaborazione dei suoi partner. Il successo della strategia viene misurato sulla base di obiettivi ambiziosi.

Crescita nell’attività core 

Basil Heeb, presidente del Consiglio di amministrazione e presidente della Direzione del gruppo BKB, vede la produttività e la crescita come fattori chiave nel contesto complesso ed estremamente competitivo che si delinea per il futuro: «La nostra strategia è orientata alla crescita nell’attività core. Per i prossimi anni, abbiamo scelto di focalizzarci sui nostri punti di forza, ponendo un accento netto su di essi. La Banca Cler si concentra sulla crescita nei settori «Operazioni con la clientela privata», «Private Banking» e «Clientela immobiliare» sull’intero territorio svizzero. In tale ottica, punta su una gamma di prodotti semplice e modulare, su una consulenza completa e orientata agli obiettivi nonché sull’aumento del livello di self-service nei prodotti e servizi. L’intento primario è quello di assicurare ai clienti che si interfacciano con la banca un’esperienza priva di interruzioni lungo l’intero percorso.»

Inoltre, la Banca Cler vuole rafforzare il proprio posizionamento sul mercato quale banca competente in materia di investimenti, supportata in questo dall’Asset Management del gruppo BKB. L’obiettivo strategico fissato in tale settore d’attività è portare al successo il gruppo BKB quale fornitore di soluzioni d’investimento per famiglie, fondazioni e casse pensioni nonché incrementare ulteriormente i proventi da operazioni in commissione. In tale ottica, si porrà un particolare accento sulla sostenibilità e si provvederà a potenziare le offerte e le capacità già esistenti. 

Rafforzare le collaborazioni

Per attingere a nuovi mercati e acquisire nuovi clienti, il gruppo BKB punta sempre più sulle collaborazioni. Fin dalla sua costituzione, la Banca Cler ha portato avanti un intenso sodalizio con le cooperative, in particolare le cooperative di costruzione di abitazioni. E ulteriori collaborazioni sono nate nel contesto della app di neo-banking Zak. La Banca Cler si ripromette di ampliare ulteriormente queste partnership in futuro. 

Impulso costante allo sviluppo sostenibile 

Il gruppo BKB persegue una strategia ambiziosa per la riduzione dei rischi climatici e promuove l’espansione degli investimenti rispettosi del clima. Di conseguenza, da qui al 2025 la gamma di prodotti e servizi improntati allo sviluppo sostenibile verrà ulteriormente ampliata, con l’obiettivo di poter offrire soluzioni di questo tipo in tutte le categorie di prodotti. In particolare, si mira a sostenere il processo di decarbonizzazione con specifici strumenti di finanziamento. 

Inoltre, grazie a un sistema interno di gestione ambientale di ampio respiro, il gruppo BKB garantisce un utilizzo oculato delle risorse e la riduzione per quanto possibile dell’impatto ambientale e climatico. A sua volta, la Banca Cler utilizza dal 2012 unicamente corrente elettrica prodotta in modo rinnovabile: in parte la acquista dalla piccola centrale idroelettrica di Weissenburg, e in più produce essa stessa energia solare grazie all’impianto fotovoltaico messo in funzione nel 2011 presso la sede principale a Basilea. Quest’ultimo verrà sostituito entro la fine del 2021, per poi produrre oltre il 130% di elettricità in più rispetto al vecchio impianto.  

Infrastruttura condivisa all’interno del gruppo BKB per migliorare l’esperienza dei clienti

Sia la Banca Cler che la Basler Kantonalbank continueranno a presentarsi sul mercato con il proprio marchio distinto. Tuttavia, il gruppo BKB dispone di un’infrastruttura condivisa, in cui le conoscenze specialistiche vengono messe in comune e gli effetti di economia di scala permettono di ottenere vantaggi in termini di efficienza. Per aumentare ulteriormente la produttività, già migliorata, e allo stesso tempo ridurre la complessità, entrambe le banche semplificano e standardizzano continuamente i loro processi chiave. Le attività che non fungono da fattore di differenziazione vengono sistematicamente esternalizzate e si diffonde sempre più l’utilizzo di applicazioni cloud. 

In seguito al mutare delle abitudini di vita, di lavoro e di consumo dei clienti cresce la domanda di servizi attraverso canali digitali. Di conseguenza, entrambe le banche stanno aumentando il livello di self-service dei propri servizi, permettendo così ai clienti che interagiscono con loro di vivere un’esperienza senza interruzioni durante l’intero percorso. Ciò richiede il costante ampliamento dell’infrastruttura e delle funzionalità offerte, nonché la gestione dei rischi informatici connessi all’Online Banking e al Mobile Banking.

Sviluppo dei collaboratori al centro della strategia di crescita

Lo sviluppo dei punti di forza dei collaboratori è un importante caposaldo della nuova strategia. Il personale viene supportato nel proprio percorso di sviluppo, si promuovono i talenti e si ampliano le conoscenze e la competenza in materia di consulenza, soprattutto nel campo della sostenibilità. 
Il ventaglio di competenze, esperienze e capacità di cui si tiene conto è ampio. Grazie ad ambienti di lavoro moderni e alla diffusione di una cultura dell’apprendimento e del feedback si favorisce la collaborazione trasversale ai singoli dipartimenti ed estesa all’intero gruppo BKB.

Obiettivi finanziari ambiziosi per il periodo strategico fino al 2025

Per misurare il risultato finanziario del gruppo BKB sono stati scelti alcuni parametri in relazione ai quali, entro il 2025, vanno raggiunti livelli target ben precisi: l’efficienza sul piano dei costi (cost/income ratio) non deve superare il 55% e la redditività del capitale proprio (return-on-equity) deve arrivare perlomeno al 6%. A garanzia della stabilità finanziaria, il coefficiente di capitale complessivo deve essere superiore al 17% e la quota di finanziamento (net stable funding ratio) deve collocarsi al di sopra del 110%. Il capitale va impiegato in modo funzionale e adeguato al rischio e su questo piano si deve raggiungere un’efficienza (rendimento sulle attività ponderate per il rischio) pari ad almeno l’1,25%.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved