federal-reserve-colomba-o-falco
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
22 ore

Mobilezone migliora i risultati nel primo semestre

Risultati globalmente in rialzo nella prima parte dell’anno: tra gennaio e fine giugno, il gruppo ha realizzato un fatturato di 499,6 milioni
Economia
4 gior

Avenir Suisse critico sulla riforma fiscale Ocse

Per il ‘think tank’ liberale, le entrate supplementari derivanti dalla nuova tassazione minima delle multinazionali sono sovrastimate
Economia
4 gior

Cambio franco-euro, battuto un nuovo record

Alle 10.30 la moneta unica tocca soglia 0,9661. Ancora a gennaio il tasso era a 1,038
Economia
4 gior

Produzione e import, prezzi in calo in luglio

Su base annua, il livello dell’offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato del 6,3%
Economia
1 sett

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
1 sett

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
1 sett

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
2 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
2 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
2 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
2 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
2 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
2 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
2 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
3 sett

Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise

Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
3 sett

Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno

L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
27.06.2021 - 15:04
di Walter Riolfi, L'Economia

Federal Reserve, colomba o falco?

Dopo l'ultima riunione in realtà non è cambiato nulla, anzi le cose vanno meglio di prima

Per giorni gli investitori si sono chiesti se la Fed nell’ultima riunione (Fomc) del 16 giugno sia stata colomba o falco: ossia amica dei mercati, come quasi sempre è stata da oltre un decennio, oppure abbia creato un inaspettato fattore complicazione. A distanza di qualche seduta, pare abbiano stabilito che non è cambiato nulla, anzi che le cose vanno meglio di prima: perché il rendimento del Treasury a 10 anni (all’1,49%) è tornato esattamente com’era prima, il Nasdaq ha segnato un nuovo massimo, imitato dall’S&P 500. In realtà qualcosa è cambiato, ma ai mercati, che non amano le sfumature e pretendono messaggi chiari e semplici, l’ultimo Fomc, il comitato esecutivo della Federal Reserve, è apparso un non evento.

Le stime

In effetti, la comunicazione della Fed è stata tale da generare un po’ di confusione. Jerome Powell e soci hanno dichiarato che i tassi d’interesse non saliranno nei prossimi due anni: ma i dot plot, ossia i puntini che i vari membri della banca centrale segnano nel grafico delle previsioni, segnalano che due rialzi dei Fed Funds sono possibili già nel 2023 e quattro membri stimano il primo addirittura nel 2022. Hanno reiterato la tesi che l’inflazione non rappresenta un pericolo, perché è fenomeno perfettamente temporaneo: ma ora prevedono un rialzo dei prezzi (Pce) del 3,4 per cento quest’anno, un punto percentuale più di quanto s’aspettassero tre mesi fa, e hanno ritoccato al rialzo anche le stime del 2022 (2,1 per cento) e del 2023 (al 2,2 per cento). Hanno cercato di rassicurare i mercati che di una riduzione del quantitative easing (tapering) se ne parlerà ben più avanti: ma intanto s’è capito che i vari membri ne hanno discusso seriamente.

La reazione a caldo è stata coerente con una lettura negativa del Fomc: rendimenti dei Treasury in rialzo e borsa in ribasso. Poi non s’è capito più nulla. Il rendimento del titolo decennale è sceso di 13 centesimi al minimo dell’1,36%, come a dire: nessun rischio d’inflazione o di tapering anticipato. Invece Wall Street ha proseguito al ribasso con una lieve correzione (complessivamente poco oltre il 2%): questa volta, s’è davvero mostrata «falco» la Fed! Ma, nella sola seduta di lunedì, la borsa aveva già cancellato le perdite, lasciando intendere che i rialzi possono proseguire imperterriti.

Le reazioni

Si son date diverse interpretazioni sulle contrastanti reazioni del mercato obbligazionario e di quello azionario. Una di queste, larvatamente avanzata da Goldman Sachs, è che gli investitori non abbiano voluto credere al messaggio poco condiscendente della Fed. Si sarebbero, insomma, messi in testa che la banca centrale si stesse erroneamente muovendo, come avvenne verso la fine del 2018, quando Powell fece trapelare l’idea di ulteriori inasprimenti monetari e il mercato gridava all’errore.

 Aveva ragione quest’ultimo, poiché qualche mese dopo la Fed decise invece di ridurre i tassi d’interesse.

Ma l’analisi di Goldman ci svela un aspetto psicologico ancor più interessante: gli investitori, alla luce dell’anemica ripresa seguita alla grande crisi del 2008, sarebbero piuttosto scettici sulla forza della ripresa americana, se venisse meno il decisivo sostegno della politica monetaria. Per questa ragione, gli economisti di Goldman non sono certi che la Fed alzerà i tassi prima del 2024, anche a dispetto dei toni meno rassicuranti emersi nell’ultimo incontro del Fomc.

Forse li aumenterà, scrive l’editorialista del Wall Street Journal, ma con la prudenza necessaria per non turbare troppo i mercati: perché gli investitori sono diventati troppo sensibili alla politica della Fed e sono convinti che l’economia reale verrebbe compromessa da tassi più alti. Soprattutto, occorre aggiungere, verrebbe messa in discussione l’esuberanza del mercato azionario, perché è noto come agli investitori stiano più a cuore le sorti di Wall Street che quelle di Main Street (l’economia reale).

Il precedente

La storia del Taper Tantrum del 2013 (ossia il capriccio di voler ridurre gli acquisti di titoli) è al riguardo assai istruttiva: un episodio che ebbe conseguenze drammatiche, secondo l’enfatica ricostruzione degli operatori.

In realtà non accadde nulla di così grave. Crebbe fortemente la volatilità dei mercati, poiché gli investitori, alle prime avvisaglie di una riduzione del Qe, reagirono piuttosto furiosamente nel tentativo di condizionare (o ricattare) la Fed, con il rendimento del Treasury balzato dall’1,7% al 3% in 8 mesi e con Wall Street che aveva segnato quattro modeste correzioni del 4-5%. Ma a fine 2013, ormai ufficializzata la riduzione del Qe, l’S&P500 si ritrovò più alto del 30% rispetto a un anno prima e il Treasury aveva già intrapreso la via della discesa che si concluse 18 mesi più tardi con un rendimento finito all’1,36%.

 Il tapering fece tutt’altro che male all’economia che, tra il 2014 e il 2015, crebbe quasi del 6% e tantomeno danneggiò la borsa che, dall’aprile 2013 a oggi, è cresciuta del 175%, ossia di oltre il 13% medio annuo. Tuttavia c’è da scommettere che il pretesto del tapering, condito con gli affettati timori d’inflazione, continuerà a tormentare gli operatori quantomeno fino alla tarda estate, quando (finiti i sussidi) dovrebbe apparire un po’ più chiaro il quadro dei nuovi occupati e l’andamento dei salari; e i numeri dell’economia, affievolite le distorsioni dell’effetto base, potrebbero offrire maggiori indicazioni sulla sostenibilità della ripresa e sulla crescita degli utili societari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
federal reserve stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved