ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Pedrotti: ‘Nel 2022 costellazione di eventi negativi completa’

Il direttore regionale di Ubs Ticino fa il bilancio dell’anno che sta finendo e con Elena Guglielmin e Matteo Ramenghi traccia una previsione sul futuro
la banca in difficoltà
5 gior

‘I problemi di Credit Suisse risolti se venisse rilevata’

Secondo la SonntagsZeitung potrebbe essere acquisita dalla più piccola Julius Bär
Economia
1 sett

Il lusso è cinese, la Svizzera non è più leader mondiale

La classifica dei primi posti nel settore emerge da uno studio pubblicato da Deloitte. Nonostante ciò, Richemont e Rolex fra le prime aziende al mondo
Economia
1 sett

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
2 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
4 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
4 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
15.06.2021 - 12:07
Aggiornamento: 12:32

Credit Suisse: nel 2022 la ripresa rallenterà

Secondo gli esperti dell'istituto bancario, l'evoluzione complessiva cela le difficoltà di singoli settori quali la ristorazione e il turismo

Ats, a cura de laRegione
credit-suisse-nel-2022-la-ripresa-rallentera
(Keystone)

L'economia svizzera dovrebbe essere confrontata a una ripresa su larga scala quest'anno, secondo gli esperti del Credit Suisse. Ma in seguito il rilancio perderà dinamismo.

Con la riapertura di ampie parti dell'economia è iniziata una ripresa che viene accelerata da un recupero degli acquisti, si legge in un comunicato odierno del Credit Suisse. Entro l'inizio dell'autunno il consumo privato dovrebbe pertanto in gran parte normalizzarsi. Intanto, nel settore industriale svizzero il boom della ripresa prosegue. Per quest'anno gli economisti della grande banca prospettano una crescita del 3,5%, come già stimato in marzo. In tal modo il crollo del 2020 (-2,6%) dovrebbe venir più che compensato.

Per l'anno prossimo è invece atteso un indebolimento della dinamica di crescita al 2,0%. Gli effetti di recupero si dissolveranno progressivamente, tanto più che, secondo le stime, circa il 30% di quanto accumulato durante i due lockdown sta diventando "risparmio prudenziale". Con una maggiore richiesta di servizi, la domanda di beni diminuirà, ritengono gli esperti del Credit Suisse. L'aumento relativamente lento delle assunzioni segnala inoltre un certo scetticismo da parte delle imprese riguardo alla durata del boom della ripresa.

Turismo ancora sotto pressione

L'evoluzione complessiva positiva cela inoltre le difficoltà dei singoli settori, primo fra tutti quello alberghiero. Nell'anno pandemico 2020 la ristorazione e il turismo hanno registrato cali di fatturato rispettivamente del 40% e del 67%. Le aree urbane del Lago Lemano e di Zurigo hanno subito perdite addirittura maggiori.

Solo alcuni segmenti - viene ricordato - hanno tratto profitto dalla crisi, ad esempio il comparto paralberghiero, poiché gli svizzeri hanno trascorso le vacanze in piccoli gruppi nel proprio paese, oppure i take-away, a causa della chiusura totale o parziale di bar e ristoranti.

Tuttavia nel 2020 non si è registrato un calo del numero di imprese di nuova costituzione nel settore alberghiero, mentre nel 2021 il tasso di nuove costituzioni è persino aumentato. Al tempo stesso è stato possibile evitare un'ondata di fallimenti, in parte grazie alle misure di sostegno statale.

Quanto al settore della ristorazione, si intravvede la fine della fase di difficoltà, affermano gli esperti del numero due bancario elvetico, ma le limitazioni del numero di clienti e la chiusura di club, discoteche e sale da ballo ostacolano per ora un pieno recupero dei fatturati.

Per quanto concerne l'ulteriore sviluppo del settore turistico, gli economisti del Credit Suisse considerano improbabile un rapido ritorno alla situazione pre-crisi. A causa delle incertezze e complicazioni legate ai viaggi continueranno a mancare molti turisti stranieri; al contempo numerosi svizzeri potrebbero trascorrere le proprie vacanze in patria. Pertanto, sia il settore paralberghiero sia le regioni turistiche svizzere con ogni probabilità saranno di nuovo tra i vincitori nell'estate 2021.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved