Young Boys
1
Servette
0
1. tempo
(1-0)
Napoli
0
Atalanta
1
1. tempo
(0-1)
Ajoie
1
Losanna
2
2. tempo
(1-0 : 0-2)
Ambrì
1
Zurigo
2
2. tempo
(1-2 : 0-0)
Langnau
0
Zugo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Lakers
3
Friborgo
4
2. tempo
(1-1 : 2-3)
Bienne
1
Ginevra
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
Berna
1
Lugano
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
FLO Panthers
2
STL Blues
3
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 0-1)
ripresa-e-lavoro-disoccupazione-prevista-sotto-il-3
Ti-Press
Economia
04.06.2021 - 19:230

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo

San Gallo – La disoccupazione è destinata a calare in Svizzera: lo prevedono gli economisti di Raiffeisen, che pronosticano un tasso dei senza lavoro del 2,9% quest'anno, a fronte del 3,2% registrato nel 2020. Per il 2022 il dato scenderà ancora più marcatamente, al 2,5%.

Già dalla fine dello scorso anno la disoccupazione ha evidenziato una tangibile tendenza al calo, affermano gli analisti della banca con sede a San Gallo in un comunicato odierno. La temuta impennata differita del numero dei senza lavoro non si sta evidentemente concretizzando e nei prossimi mesi le aziende intendono tornare a creare un maggior numero di impieghi, oltre tutto su scala più ampia. Anche i dati sul lavoro ridotto stanno arretrando.

Nella seconda ondata della pandemia le limitazioni per l'economia sono state meno incisive di quanto successo nella primavera 2020 e le imprese si sono trovate meglio preparate a farvi fronte: la contrazione del prodotto interno lordo (Pil) registrata nel primo trimestre (-0,5%) è quindi stata esigua.

Quella può inoltre essere considerata un'istantanea del passato: nel frattempo l'economia è tornata a imboccare un solido trend di crescita, si dicono convinti gli economisti dell'istituto. Poiché in Svizzera la ripresa appare comparativamente in fase molto avanzata in importanti settori e la flessione non è stata così accentuata come nella maggior parte dei paesi confinanti il potenziale di recupero dovrebbe comunque essere minore, anche a causa del ritorno di fiamma del turismo degli acquisti e delle vacanze all'estero. Gli specialisti di Raiffeisen non vedono pertanto la necessità di adeguare le loro stime di crescita del Pil, che rimangono al +2,8% per quest'anno e al +2,5% per i dodici mesi successi, cioè lo stesso di quanto pronosticato il 5 marzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved