KAMKE T. (GER)
0
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(4-6 : 6-7)
elon-musk-rinnega-i-bitcoin-la-criptovaluta-crolla-del-16
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Le ‘colombe’ della Fed e il dilemma dell’inflazione

Economia
1 sett

Glencore ferma produzione di zinco in Sardegna

‘Spropositati prezzi dell’energia’ la motivazione della filiale italiana del gigante delle materie prime. La chiusura toccherà circa 400 dipendenti
Economia
1 sett

UBS, Colm Kelleher sarà il nuovo presidente del Cda

Il suo nome verrà proposto all’Assemblea generale degli azionisti, in programma il prossimo 6 aprile, quale successore di Axel Weber
Economia
1 sett

Le criptovalute affascinano i super-ricchi

Il 28% delle famiglie ultra-facoltose hanno già investito in bitcoin, ethereum e simili, stando a un sondaggio condotto presso 385 family office
Economia
1 sett

Ottobre mese con poco ‘slancio’ per il commercio estero

Rispetto a settembre le esportazioni sono scese dell’1,4% a 20,8 miliardi di franchi, mentre le importazioni hanno subito un calo del 2,3% a16,4 miliardi
Economia
1 sett

Tecnologie innovative: ‘Aziende e università collaborino’

Presentato il Technology outlook Satw 2021. Il documento indica le tendenze tecnologiche più significative in Svizzera. Molte le opportunità per le Pmi
Economia
2 sett

Global tax, il problema di un’imposta sul profitto

L’accordo raggiunto in sede G20 è una svolta notevole, ma restano aperte la questione aliquota e le nuove basi imponibili
Economia
2 sett

Gli infiniti miliardi di Meta

Il metaverso di Mark Zuckerberg non è solo un’idea o una visione ma è e sarà un modo per fare soldi e sperimentare modelli di business
Economia
2 sett

Previdenza integrativa, il dilemma tra polizze e conti 3a

Per gli esperti di VermögenZentrum la soluzione dell’investimento in titoli Etf è preferibile a quella assicurativa. Quest’ultima ha però altri vantaggi
Economia
2 sett

Corrono anche i prezzi alla produzione e all’importazione

I timori inflazionistici sono però inferiori in Svizzera (+1,2%) rispetto a Stati Uniti (+6,2%) ed Eurozona (+4,1%)
Economia
13.05.2021 - 21:500

Elon Musk rinnega i bitcoin, la criptovaluta crolla del 16%

Il patron di Tesla fa retromarcia a causa della preoccupazione per l'utilizzo di fonti fossili nella produzione, annunciando che il gruppo non li accetterà più

Elon Musk affossa il bitcoin. Il patron di Tesla fa infatti retromarcia sulla criptovaluta e questa crolla del 16% scendendo da 51'000 ad un minimo di 46'045 euro. Su Twitter il padron di Tesla ha mostrato preoccupazione per l'utilizzo di fonti fossili nella produzione del bitcoin, annunciando che il gruppo non lo accetterà più come forma di pagamento delle auto del marchio, preferendo eventuali altre criptovalute che generano minore inquinamento.

Musk, che era stato tra coloro che avevano promosso l'utilizzo della moneta virtuale tanto da annunciare che le sue auto si potevano acquistare anche con i bitcoin, ha però precisato che non venderà le criptovalute in proprio possesso. Del resto - secondo gli ultimi dati - ne avrebbe acquistati 1,5 miliardi di dollari, nella convinzione espressa nero su bianco contro i metodi di pagamento tradizionali che - aveva detto - "danno interessi negativi: solo uno sciocco non guarderebbe altrove".

La conversione ad U è stata spiegata con una scelta ambientale. "Siamo preoccupati per il rapido aumento dell'uso di combustibili fossili per l'estrazione e le transazioni di bitcoin, in particolare di carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile", ha scritto Musk. "La criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo che abbia un futuro promettente, ma questo non può avere un grande costo per l'ambiente", ha aggiunto il CEO di Tesla, da sempre sponsor della moneta virtuale.

Il processo di generazione dei bitcoin prevede la risoluzione di calcoli estremamente complessi che richiedono computer molto potenti e processori ad alte prestazioni. Il 'mining' del bitcoin, letteralmente l'estrazione della criptovaluta, richiede dunque l'utilizzo di una sorta di supercomputer, equipaggiati con decine di processori, e che richiedono sistemi di raffreddamento molto efficienti e avidi di energia, indispensabili per evitare il surriscaldamento delle macchine.

Secondo un team di ricercatori dell'Università di Cambridge, l'elaborazione a livello mondiale della moneta consuma una quantità di energia elettrica pari al fabbisogno dell'intera Argentina.

La brusca caduta che poi si è attestata ad un calo dell'8% è del resto considerata da sempre un investimento a rischio. Proprio recentemente la Commissione nazionale per le società e la borsa (Consob) italiana e Banca d'Italia hanno richiamato l'attenzione, in particolare quella dei piccoli risparmiatori, sugli elevati rischi connessi con l'operatività in cripto-attività (crypto-asset) che possono comportare la perdita integrale delle somme di denaro utilizzate. Il richiamo, che fa seguito ad analoghe iniziative già prese in passato, si legge in una nota "si rende opportuno in attesa che venga definito un quadro regolamentare unitario in ambito europeo".

Il calo del bitcoin ha travolto a Wall Street anche altre valute virtuali, ad esempio il Dogecoin che è arrivato a perdere il 15% dopo il voltafaccia di Elon Musk sull'uso delle criptovalute. La moneta virtuale il cui logo si rifà ad un meme di internet che rappresenta un cane Shiba Inu si è deprezzata fino a toccare i 40 centesimi a moneta.

L'ultima uscita di Musk ha posto l'attenzione sui costi energetici. Ma non tutte le valute virtuali hanno costi ambientali. Alcune anzi hanno iniziato proprio a rivendicare il proprio impegno green e sociale. È il caso di SolarCoin, lanciata per premiare la produzione di energia solare, o di CureCoin è un'altra cripto-valuta che si basa su tecnologia blockchain, progettata per sostenere la ricerca scientifica sul cancro, sull'Alzheimer, sul Covid, e su altre patologie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved