credit-suisse-e-il-passato-che-non-passa-mai-negli-usa
Keystone
Altra tegola per la grande banca svizzera
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Zurich vende la sua attività in Russia ed esce dal mercato

Sarà ceduta a undici membri del team dell’unità, che continueranno a operare sul territorio con un marchio diverso
Economia
3 gior

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
5 gior

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
1 sett

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
1 sett

Completata la direzione generale di Pkb Privatbank

Monica Malnati è la responsabile della Divisione risorse umane del gruppo con il grado di condirettrice
Economia
1 sett

Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina

La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
1 sett

L’importanza di essere imprenditori e politici di milizia

L’assemblea dell’Associazione imprese familiari Ticino ha ribadito l’importanza dell’impegno pubblico
Economia
1 sett

KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo

La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
1 sett

World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina

Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
Economia
1 sett

Il Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed

Nei prossimi mesi la banca centrale americana procederà a nuovi rialzi del costo del denaro per contenere un’inflazione schizzata in aprile all’8,3%
28.04.2021 - 21:00

Credit Suisse e il passato che non passa mai negli Usa

Altre grane in vista per la banca. Membri influenti del Senato la accusano di aver aiutato cittadini statunitensi ad evadere il fisco dopo l’accordo del 2014.

Zurigo – Nuova tegola per Credit Suisse. La banca, già alle prese con i grattacapi miliardari legati ai dossier Greensill e Archegos, vede affiorare dal passato nuovi spettri di una vicenda che sembrava morta e sepolta: la vertenza fiscale con gli Stati Uniti.

Stando a quanto riferisce il Financial Times, membri influenti della Commissione finanze del Senato americano accusano la banca di aver continuato ad aiutare cittadini statunitensi ad evadere le imposte anche dopo la dichiarazione di colpevolezza del 2014 e il relativo accordo con le autorità di Washington.

Il presidente dell'organo parlamentare, il senatore Ron Wyden, ha invitato il procuratore generale (ministro di giustizia) Merrick Garland a fornire ulteriori informazioni sull'intesa di sei anni or sono. Credit Suisse avrebbe violato le regole dell'accordo, celando informazioni: in particolare avrebbe tenuto segreto il conto di un professore di economia americano-israeliano che non aveva dichiarato un patrimonio di 200 milioni di dollari e che in seguito è stato condannato per reati fiscali.

Riguardo a questo caso il senatore Wyden si è rivolto anche direttamente al Ceo della società elvetica Thomas Gottstein, scrivendogli una lettera. "Le informazioni pubbliche e i documenti del tribunale federale americano sollevano dubbi sul fatto che Credit Suisse abbia rispettato pienamente l'accordo", si legge in un estratto della missiva citato dal quotidiano.

In una presa di posizione inviata all'agenzia Awp la banca afferma che dal 2014 la società "coopera pienamente con le autorità americane e continuerà a farlo". A fine maggio di quell'anno la seconda più grande banca svizzera aveva ammesso di aver volontariamente aiutato i clienti americani a frodare il fisco; per regolare il contenzioso l'istituito aveva pagato 2,6 miliardi di dollari.

Multa da 13 milioni nell’Ue per cartello con altre banche

Credit Suisse intanto si è vista infliggere dalla Commissione europea una multa di 11,9 milioni di euro (13 milioni di franchi) per essersi accordata per anni con altre banche sul mercato obbligazionario, violando così le norme sulla concorrenza.

L'autorità europea ha emanato sanzioni per complessivi quasi 29 milioni di euro. Oltre all'istituto elvetico dovranno passare alla cassa l'americana Bank of America Merrill Lynch (multa di circa 13 milioni di euro) e la francese Crédit Agricole (4 milioni). Nell'intesa era coinvolta anche Deutsche Bank, che non è però stata sanzionata perché ha rivelato l'esistenza del cartello ai funzionari di Bruxelles.

"Il comportamento delle banche ha limitato la concorrenza in un mercato in cui i fondi di investimento e le casse pensioni acquistano e vendono regolarmente obbligazioni per conto dei propri investitori e pensionati", ha affermato la vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager. "Il cartello ha danneggiato i mercati finanziari e la decisione odierna invia un chiaro messaggio che la Commissione non tollererà alcun tipo di comportamento collusivo".

Le quattro banche di investimento per cinque anni hanno partecipato a un cartello tramite un gruppo ristretto di trader che lavoravano nelle rispettive divisioni di obbligazioni in dollari ed erano in regolare contatto tra loro. Gli operatori, che erano in concorrenza diretta, normalmente si collegavano a chat room bilaterali o multilaterali sui terminali Bloomberg. Secondo la Commissione si conoscevano personalmente e si sono scambiati reciprocamente aggiornamenti ricorrenti sulle proprie attività di negoziazione, barattando informazioni commercialmente sensibili. Si sono così coordinati sui prezzi mostrati ai clienti o al mercato in generale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse evasione fiscale senato stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved