l-economia-chiede-chiarimenti-a-livello-politico
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
9 ore

Continua il buon momento dell’edilizia

Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
10 ore

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
5 gior

Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio

Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
5 gior

In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania

Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
6 gior

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
1 sett

Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro

Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
1 sett

Helvetia torna in zona utili nel primo semestre

Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
1 sett

Fed e Bce, prospettive capovolte

Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
Economia
17.04.2021 - 13:550

"L’economia chiede chiarimenti a livello politico"

Economiesuisse e l’Unione svizzera degli imprenditori domandano al Consiglio federale di chiarire rapidamente i punti in sospeso con i vertici UE

"I colloqui con l'Unione Europea per chiarire i punti in sospeso sono nella fase decisiva. Viste le palesi differenze tra la Svizzera e l'UE, il Consiglio federale deve ora dare prova di leadership e impegnarsi a fondo per chiarire i punti aperti dell'accordo quadro", esordisce così il comunicato stampa emesso da economiesuisse e dall'Unione svizzera degli imprenditori, i quali "accolgono con favore i colloqui diretti tra il Consiglio federale e la Commissione dell’UE. Entrambe le parti hanno un forte interesse economico a trovare una soluzione ai tre punti aperti: aiuti di Stato, misure di accompagnamento e cittadinanza europea. Il successo dei colloqui è un prerequisito affinché l'accordo quadro trovi la necessaria maggioranza politica in Consiglio federale".

Legami solidi
Relazioni ordinate e sicure con l'Unione europea sono importanti per la Svizzera, si legge ancora nella nota. "Grazie agli accordi bilaterali, i legami economici poggiano su una base stabile che negli anni passati ha garantito alla Svizzera un'economia prospera". L'UE resterà anche nel futuro prossimo "il più importante partner commerciale dell'economia svizzera, fortemente orientata all'esportazione. Circa la metà delle esportazioni svizzere sono destinate al mercato unico europeo. Deve quindi rimanere un obiettivo prioritario della politica economica estera svizzera garantire che il percorso bilaterale possa essere portato avanti con successo".

Più di un milione di lavoratori in Svizzera dipendono direttamente o indirettamente dal libero accesso al mercato interno. «Per le industrie Mem, il percorso bilaterale e l'accordo quadro sono centrali. Il Consiglio federale deve quindi trovare una soluzione con l'UE», afferma Martin Hirzel, presidente di Swissmem.

Innovazione e finanza
Gli accordi bilaterali con l'UE sono essenziali per il settore della ricerca e la forza innovativa della Svizzera poiché: «permettono ai nostri ricercatori di essere all'avanguardia. Questo non va messo in pericolo con leggerezza. L'innovazione è la base della nostra competitività e quindi del nostro benessere. », è convinto Matthias Leuenberger, presidente di scienceindustries.

Gli accordi bilaterali sono di grande importanza anche per la Svizzera come piazza finanziaria di successo a livello internazionale. «È un obbligo politico di un Consiglio federale che agisce nell'interesse dei cittadini svizzeri creare un quadro chiaro con regole vincolanti e accettabili per entrambe le parti. Questo è l'unico modo per preservare il benessere in Svizzera a medio e lungo termine», afferma Herbert Scheidt, presidente dell'Associazione dei banchieri.

L’economia si appella quindi al Consiglio federale affinché "prenda in mano le redini e lavori per un chiarimento e una conclusione positiva dei negoziati", conclude il comunicato.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved