l-economia-chiede-chiarimenti-a-livello-politico
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Glencore pagherà 1,06 miliardi a Stati Uniti e Brasile

Multa salata per l’azienda, dichiaratasi colpevole di attività di corruzione in Africa e Sudamerica. Nonché di manipolazione dei mercati
Economia
1 gior

Glencore accusata di corruzione nel Regno Unito

La società con sede a Zugo, sotto inchiesta per operazioni petrolifere in vari Paesi africani, si dichiara colpevole
Economia
1 gior

I rimborsi pesano sulle casse di Groupe Mutuel: 2021 in rosso

Gestione chiusa con una perdita di 78 milioni di franchi. Complice però la rifusione ai soci (per 111 milioni) delle riserve
Economia
2 gior

Banca nazionale pronta a misure per contrastare l’inflazione

L’inasprimento della politica monetaria è un’opzione qualora la situazione non dovesse migliorare. Maechler: ‘Fondamentale capirne la dinamica’
Economia
6 gior

Zurich vende la sua attività in Russia ed esce dal mercato

Sarà ceduta a undici membri del team dell’unità, che continueranno a operare sul territorio con un marchio diverso
Economia
1 sett

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
1 sett

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
1 sett

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
17.04.2021 - 13:55

"L’economia chiede chiarimenti a livello politico"

Economiesuisse e l’Unione svizzera degli imprenditori domandano al Consiglio federale di chiarire rapidamente i punti in sospeso con i vertici UE

"I colloqui con l'Unione Europea per chiarire i punti in sospeso sono nella fase decisiva. Viste le palesi differenze tra la Svizzera e l'UE, il Consiglio federale deve ora dare prova di leadership e impegnarsi a fondo per chiarire i punti aperti dell'accordo quadro", esordisce così il comunicato stampa emesso da economiesuisse e dall'Unione svizzera degli imprenditori, i quali "accolgono con favore i colloqui diretti tra il Consiglio federale e la Commissione dell’UE. Entrambe le parti hanno un forte interesse economico a trovare una soluzione ai tre punti aperti: aiuti di Stato, misure di accompagnamento e cittadinanza europea. Il successo dei colloqui è un prerequisito affinché l'accordo quadro trovi la necessaria maggioranza politica in Consiglio federale".

Legami solidi
Relazioni ordinate e sicure con l'Unione europea sono importanti per la Svizzera, si legge ancora nella nota. "Grazie agli accordi bilaterali, i legami economici poggiano su una base stabile che negli anni passati ha garantito alla Svizzera un'economia prospera". L'UE resterà anche nel futuro prossimo "il più importante partner commerciale dell'economia svizzera, fortemente orientata all'esportazione. Circa la metà delle esportazioni svizzere sono destinate al mercato unico europeo. Deve quindi rimanere un obiettivo prioritario della politica economica estera svizzera garantire che il percorso bilaterale possa essere portato avanti con successo".

Più di un milione di lavoratori in Svizzera dipendono direttamente o indirettamente dal libero accesso al mercato interno. «Per le industrie Mem, il percorso bilaterale e l'accordo quadro sono centrali. Il Consiglio federale deve quindi trovare una soluzione con l'UE», afferma Martin Hirzel, presidente di Swissmem.

Innovazione e finanza
Gli accordi bilaterali con l'UE sono essenziali per il settore della ricerca e la forza innovativa della Svizzera poiché: «permettono ai nostri ricercatori di essere all'avanguardia. Questo non va messo in pericolo con leggerezza. L'innovazione è la base della nostra competitività e quindi del nostro benessere. », è convinto Matthias Leuenberger, presidente di scienceindustries.

Gli accordi bilaterali sono di grande importanza anche per la Svizzera come piazza finanziaria di successo a livello internazionale. «È un obbligo politico di un Consiglio federale che agisce nell'interesse dei cittadini svizzeri creare un quadro chiaro con regole vincolanti e accettabili per entrambe le parti. Questo è l'unico modo per preservare il benessere in Svizzera a medio e lungo termine», afferma Herbert Scheidt, presidente dell'Associazione dei banchieri.

L’economia si appella quindi al Consiglio federale affinché "prenda in mano le redini e lavori per un chiarimento e una conclusione positiva dei negoziati", conclude il comunicato.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
economia svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved