ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Il lusso è cinese, la Svizzera non è più leader mondiale

La classifica dei primi posti nel settore emerge da uno studio pubblicato da Deloitte. Nonostante ciò, Richemont e Rolex fra le prime aziende al mondo
Economia
1 sett

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
1 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
2 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
3 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
17.04.2021 - 13:55

"L’economia chiede chiarimenti a livello politico"

Economiesuisse e l’Unione svizzera degli imprenditori domandano al Consiglio federale di chiarire rapidamente i punti in sospeso con i vertici UE

l-economia-chiede-chiarimenti-a-livello-politico
Keystone

"I colloqui con l'Unione Europea per chiarire i punti in sospeso sono nella fase decisiva. Viste le palesi differenze tra la Svizzera e l'UE, il Consiglio federale deve ora dare prova di leadership e impegnarsi a fondo per chiarire i punti aperti dell'accordo quadro", esordisce così il comunicato stampa emesso da economiesuisse e dall'Unione svizzera degli imprenditori, i quali "accolgono con favore i colloqui diretti tra il Consiglio federale e la Commissione dell’UE. Entrambe le parti hanno un forte interesse economico a trovare una soluzione ai tre punti aperti: aiuti di Stato, misure di accompagnamento e cittadinanza europea. Il successo dei colloqui è un prerequisito affinché l'accordo quadro trovi la necessaria maggioranza politica in Consiglio federale".

Legami solidi
Relazioni ordinate e sicure con l'Unione europea sono importanti per la Svizzera, si legge ancora nella nota. "Grazie agli accordi bilaterali, i legami economici poggiano su una base stabile che negli anni passati ha garantito alla Svizzera un'economia prospera". L'UE resterà anche nel futuro prossimo "il più importante partner commerciale dell'economia svizzera, fortemente orientata all'esportazione. Circa la metà delle esportazioni svizzere sono destinate al mercato unico europeo. Deve quindi rimanere un obiettivo prioritario della politica economica estera svizzera garantire che il percorso bilaterale possa essere portato avanti con successo".

Più di un milione di lavoratori in Svizzera dipendono direttamente o indirettamente dal libero accesso al mercato interno. «Per le industrie Mem, il percorso bilaterale e l'accordo quadro sono centrali. Il Consiglio federale deve quindi trovare una soluzione con l'UE», afferma Martin Hirzel, presidente di Swissmem.

Innovazione e finanza
Gli accordi bilaterali con l'UE sono essenziali per il settore della ricerca e la forza innovativa della Svizzera poiché: «permettono ai nostri ricercatori di essere all'avanguardia. Questo non va messo in pericolo con leggerezza. L'innovazione è la base della nostra competitività e quindi del nostro benessere. », è convinto Matthias Leuenberger, presidente di scienceindustries.

Gli accordi bilaterali sono di grande importanza anche per la Svizzera come piazza finanziaria di successo a livello internazionale. «È un obbligo politico di un Consiglio federale che agisce nell'interesse dei cittadini svizzeri creare un quadro chiaro con regole vincolanti e accettabili per entrambe le parti. Questo è l'unico modo per preservare il benessere in Svizzera a medio e lungo termine», afferma Herbert Scheidt, presidente dell'Associazione dei banchieri.

L’economia si appella quindi al Consiglio federale affinché "prenda in mano le redini e lavori per un chiarimento e una conclusione positiva dei negoziati", conclude il comunicato.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved