il-cambiamento-climatico-rallenta-la-produzione-di-latte-e-caffe
Keystone
Produzione di latte in calo con i caldo
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
6 ore

Credit Suisse avrebbe per anni infranto i regolamenti

Tre domenicali svizzero tedeschi scrivono che i dirigenti della banca hanno ignorato più di cento segnalazioni di avvertimento su violazioni
Economia
2 gior

Swiss Life ‘fa pace’ con il Dipartimento di giustizia Usa

Multa da 70 milioni di franchi per le attività cross border con clienti statunitensi risalente agli anni scorsi. Importo già accantonato e imputato all’esercizio 2020
Economia
2 gior

Le criptovalute affascinano gli svizzeri, ticinesi compresi

Lo dice il portale finanziario Cash. Gli abitanti della Confederazione sono al decimo posto: al primo Nigeria, poi Slovenia, Olanda e Cipro.
Economia
2 gior

Elon Musk rinnega i bitcoin, la criptovaluta crolla del 16%

Il patron di Tesla fa retromarcia a causa della preoccupazione per l'utilizzo di fonti fossili nella produzione, annunciando che il gruppo non li accetterà più
Economia
3 gior

Il patron di Tesla abbandona i bitcoin

La criptovaluta non sarà più accettata come forma di pagamento. Per produrla si usa troppa energia fossile
Economia
5 gior

Previdenza, il coronavirus non ha intaccato le casse pensioni

La maggior parte degli istituti di previdenza professionale ha chiuso l’esercizio 2020 con tassi di copertura al rialzo raggiungendo il livello più alto dal 2012
Economia
6 gior

Il mercato dello sport ha retto bene al semi-lockdown

Nonostante lo stop dal 17 marzo all'11 maggio 2020, raggiunte le vendite di articoli sportivi dell'anno precedente. Boom fitness ed e-bike, giù sci e snowboard
Economia
1 sett

Ma le banconote svizzere non ‘scadono’ mai

I biglietti della sesta e ottava serie non sono più accettate come mezzo di pagamento forzoso, ma possono essere ancora scambiate uno a uno con quelle nuove
Economia
1 sett

Accordo BancaStato-Efg ‘concluso con successo’

Trasferiti oltre 5’400 clienti dal settore ‘retail e commerciale’ ticinese di Efg International a Banca Stato
Economia
1 sett

Credit Suisse limita l'esposizione al rischio

Dopo il caso Archegos, il livello di attivi ponderati in base al rischio e quello dell'indebitamento saranno limitati
Economia
1 sett

Implenia taglia nei Grigioni, ‘ballano’ 150 impieghi

Il gruppo edile zurighese chiude cinque siti per concentrarsi su ‘grandi e complessi progetti’. Consultazioni in corso con i sindacati, forse un piano sociale.
Economia
1 sett

Cambio di presidenza alla Banca del Sempione

Giovanni Crameri è stato eletto dall’assemblea degli azionisti alla guida del Consiglio di amministrazione. Subentra a Fiorenzo Perucchi
Economia
16.04.2021 - 18:400

Il cambiamento climatico rallenta la produzione di latte e caffè

Aumento delle temperature e condizioni di tempo estremo stanno condizionando i raccolti. Anche le mucche soffrono e con il caldo producono di meno

Zurigo – Aziende alimentari come Nestlé e Emmi sono considerate non rispettose del clima. Allo stesso tempo, però, soffrono del cambiamento climatico, in quanto questo crea problemi alle piante di caffè e di cereali come anche alle mucche da latte. La produzione deve essere ora ripensata.

Secondo uno studio dell’Onu, la produzione globale di cibo, compreso l'imballaggio e il trasporto, è responsabile di oltre un terzo delle emissioni di gas a effetto serra. La necessità d’intervenire ha ora raggiunto i vertici delle aziende alimentari. Nestlé, come Emmi, si è posta l’obiettivo di zero emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050.

”Qui rimanere indietro si traduce in costi elevati”, aveva detto il Ceo di Nestlé Mark Schneider alla conferenza annuale in febbraio. La ragione: quelli che non seguono rischiano regolamenti più severi, tasse più alte e una posizione difficile con i consumatori, gli azionisti e i dipendenti.

A breve termine la pressione esterna giocherà quindi un ruolo importante. A lungo termine, tuttavia, proprio sulle aziende alimentari incombono le conseguenze molto dirette del cambiamento climatico per il loro approvvigionamento di materie prime: gli eventi meteorologici estremi si ripercuotono negativamente sull'agricoltura, come le temperature più elevate.

"Stiamo già vedendo alcuni impatti", dichiara Benjamin Ware, a capo dell'approvvigionamento responsabile di Nestlé, all'agenzia finanziaria Awp: per esempio, la siccità estrema in Brasile sta riducendo i raccolti di caffè.

Anche il colosso lattiero-caseario lucernese Emmi si vede confrontato con le prime conseguenze: "Concretamente, risentiamo degli effetti in termini di acqua", dice Gerold Schatt, responsabile della sostenibilità dell'azienda. Tuttavia, gli effetti non sono sempre negativi: a causa del riscaldamento, il periodo vegetativo si sta allungando, sottolinea Schatt. Ci sono anche aree dove, per esempio, la produzione di latte può essere aumentata. In Svizzera, tuttavia, le ondate di calore come quella del 2018 stanno causando problemi alle mucche. "A 35-38 gradi, la mucca non sta più bene e la produzione di latte diminuisce", dice Schatt.

Raccolti sotto pressione

E questo è solo l'inizio. "Il cambiamento climatico e l'aumento delle temperature hanno un impatto diretto su come gli agricoltori coltivano i prodotti di base", dice Ware. Fondamentalmente, aggiunge, vi sono due conseguenze: la coltivazione cambia. Le piante di caffè, per esempio, crescono a una certa altezza. Quando fa più caldo, la zona di crescita favorevole per gli arbusti si sposta. "Per gli agricoltori, questo è critico: non possono semplicemente spostare la loro terra", sottolinea Ware.

Dove lo spostamento non è possibile, i raccolti diminuiranno. "In India, si stima che metà della produzione di riso scomparirà entro il 2050 perché non c'è abbastanza acqua". E negli Stati Uniti - uno dei maggiori produttori di grano - la produzione potrebbe diminuire del 20-30%.

Di conseguenza, l'industria alimentare deve prepararsi a costi di produzione più elevati e a fluttuazioni crescenti nella disponibilità e nei prezzi delle materie prime.

Ripensare la produzione

"Non credo che alla fine la strada giusta da seguire sia quella di lasciar spostare la produzione", dice Ware. "Facendo così, rimandiamo solo il problema". È necessario agire ora, dice, per ripensare il sistema di produzione agricola.

Questo significa porre fine alle monocolture e al massimo sfruttamento del suolo. Nella coltivazione del caffè, per esempio, è importante contare su alberi di caffè più robusti e diversificare le specie, spiega Ware. Inoltre - aggiunge - l'uso di prodotti chimici deve essere ridotto e si deve passare a fertilizzanti più naturali.

Ma la realizzazione non è sempre facile. Prevalentemente le aziende non gestiscono direttamente le fattorie e dipendono dalla cooperazione con gli agricoltori. Per questi ultimi, tuttavia, tali misure significano spesso una perdita di reddito.

"Abbiamo ancora molta strada da fare", conclude Ware. Il cambiamento climatico non può essere affrontato da soli, ma solo insieme.

© Regiopress, All rights reserved