il-cambiamento-climatico-rallenta-la-produzione-di-latte-e-caffe
Keystone
Produzione di latte in calo con i caldo
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
19 ore

Inflazione osservata speciale della Banca nazionale

Per il suo presidente Thomas Jordan, attualmente nella Confederazione non sussiste il rischio di una spirale prezzi-salari
Economia
3 gior

Lastminute.com, risultati positivi per il primo trimestre

Non si è però tornati ai livelli pre-pandemia. L’azienda afferma che né la guerra in Ucraina né l’inflazione hanno avuto finora un impatto significativo
Economia
4 gior

Pensioni, anche nei momenti difficili conviene pensare al futuro

I fondi Etf sono dei buoni strumenti per costruire un capitale previdenziale 3a nel lungo periodo. L’esperto di VZ: ‘Proteggono anche dall’inflazione’
Economia
5 gior

Completata la direzione generale di Pkb Privatbank

Monica Malnati è la responsabile della Divisione risorse umane del gruppo con il grado di condirettrice
Economia
5 gior

Crisi alimentare, colmare il vuoto dell’Ucraina

La Fao chiede ai ministri dell’Agricoltura al G7 di Stoccarda di sostenere la produzione di cereali per evitare l’esplosione dei prezzi
Economia
5 gior

L’importanza di essere imprenditori e politici di milizia

L’assemblea dell’Associazione imprese familiari Ticino ha ribadito l’importanza dell’impegno pubblico
Economia
5 gior

KD Pharma Group pensa alla Borsa di Zurigo

La società, detenuta da un fondo d’investimento tedesco, ha sede a Bioggio e vorrebbe quotarsi
Economia
5 gior

World Economic Forum, a Davos si parlerà di Ucraina

Il 23 maggio Volodymyr terrà un discorso online, mentre nei Grigioni è atteso il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko
Economia
6 gior

Il Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed

Nei prossimi mesi la banca centrale americana procederà a nuovi rialzi del costo del denaro per contenere un’inflazione schizzata in aprile all’8,3%
Economia
1 sett

Inflazione aumenterà di mezzo punto più del previsto

Il Credit Suisse rivede le sue previsioni per l’anno in corso: il rincaro dovrebbe essere del 2,3% contro l’1,8% inizialmente stimato
Economia
1 sett

Utile in forte crescita nel primo trimestre per Bayer

Vendite per 14,6 miliardi e ricavi per 3,3 miliardi di euro (+58%): il gigante farmaceutico tedesco col vento in poppa
Economia
1 sett

L’inverosimile comportamento delle borse

Mentre crolla Wall Street, l’indice Stoxx ha perso solo l’1,2% e si ritrova quasi agli stessi livelli del 23 febbraio
16.04.2021 - 18:40

Il cambiamento climatico rallenta la produzione di latte e caffè

Aumento delle temperature e condizioni di tempo estremo stanno condizionando i raccolti. Anche le mucche soffrono e con il caldo producono di meno

Ats, a cura de laRegione

Zurigo – Aziende alimentari come Nestlé e Emmi sono considerate non rispettose del clima. Allo stesso tempo, però, soffrono del cambiamento climatico, in quanto questo crea problemi alle piante di caffè e di cereali come anche alle mucche da latte. La produzione deve essere ora ripensata.

Secondo uno studio dell’Onu, la produzione globale di cibo, compreso l'imballaggio e il trasporto, è responsabile di oltre un terzo delle emissioni di gas a effetto serra. La necessità d’intervenire ha ora raggiunto i vertici delle aziende alimentari. Nestlé, come Emmi, si è posta l’obiettivo di zero emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050.

”Qui rimanere indietro si traduce in costi elevati”, aveva detto il Ceo di Nestlé Mark Schneider alla conferenza annuale in febbraio. La ragione: quelli che non seguono rischiano regolamenti più severi, tasse più alte e una posizione difficile con i consumatori, gli azionisti e i dipendenti.

A breve termine la pressione esterna giocherà quindi un ruolo importante. A lungo termine, tuttavia, proprio sulle aziende alimentari incombono le conseguenze molto dirette del cambiamento climatico per il loro approvvigionamento di materie prime: gli eventi meteorologici estremi si ripercuotono negativamente sull'agricoltura, come le temperature più elevate.

"Stiamo già vedendo alcuni impatti", dichiara Benjamin Ware, a capo dell'approvvigionamento responsabile di Nestlé, all'agenzia finanziaria Awp: per esempio, la siccità estrema in Brasile sta riducendo i raccolti di caffè.

Anche il colosso lattiero-caseario lucernese Emmi si vede confrontato con le prime conseguenze: "Concretamente, risentiamo degli effetti in termini di acqua", dice Gerold Schatt, responsabile della sostenibilità dell'azienda. Tuttavia, gli effetti non sono sempre negativi: a causa del riscaldamento, il periodo vegetativo si sta allungando, sottolinea Schatt. Ci sono anche aree dove, per esempio, la produzione di latte può essere aumentata. In Svizzera, tuttavia, le ondate di calore come quella del 2018 stanno causando problemi alle mucche. "A 35-38 gradi, la mucca non sta più bene e la produzione di latte diminuisce", dice Schatt.

Raccolti sotto pressione

E questo è solo l'inizio. "Il cambiamento climatico e l'aumento delle temperature hanno un impatto diretto su come gli agricoltori coltivano i prodotti di base", dice Ware. Fondamentalmente, aggiunge, vi sono due conseguenze: la coltivazione cambia. Le piante di caffè, per esempio, crescono a una certa altezza. Quando fa più caldo, la zona di crescita favorevole per gli arbusti si sposta. "Per gli agricoltori, questo è critico: non possono semplicemente spostare la loro terra", sottolinea Ware.

Dove lo spostamento non è possibile, i raccolti diminuiranno. "In India, si stima che metà della produzione di riso scomparirà entro il 2050 perché non c'è abbastanza acqua". E negli Stati Uniti - uno dei maggiori produttori di grano - la produzione potrebbe diminuire del 20-30%.

Di conseguenza, l'industria alimentare deve prepararsi a costi di produzione più elevati e a fluttuazioni crescenti nella disponibilità e nei prezzi delle materie prime.

Ripensare la produzione

"Non credo che alla fine la strada giusta da seguire sia quella di lasciar spostare la produzione", dice Ware. "Facendo così, rimandiamo solo il problema". È necessario agire ora, dice, per ripensare il sistema di produzione agricola.

Questo significa porre fine alle monocolture e al massimo sfruttamento del suolo. Nella coltivazione del caffè, per esempio, è importante contare su alberi di caffè più robusti e diversificare le specie, spiega Ware. Inoltre - aggiunge - l'uso di prodotti chimici deve essere ridotto e si deve passare a fertilizzanti più naturali.

Ma la realizzazione non è sempre facile. Prevalentemente le aziende non gestiscono direttamente le fattorie e dipendono dalla cooperazione con gli agricoltori. Per questi ultimi, tuttavia, tali misure significano spesso una perdita di reddito.

"Abbiamo ancora molta strada da fare", conclude Ware. Il cambiamento climatico non può essere affrontato da soli, ma solo insieme.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caffè cambiamento climatico mucche temperature
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved