ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Emmi per la prima volta oltre i 4 miliardi di franchi

Fatturato record nel 2022 per l’azienda lucernese, con vendite in aumento dell’8,1% rispetto all’anno precedente
Economia
3 gior

Banca Migros supera il milione di clienti

La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
4 gior

Credit Suisse prevede un’inflazione più alta

La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
4 gior

Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti

I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
4 gior

E all’improvviso nulla più turba le Borse

Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett

Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways

È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett

Importante cessione nel settore chimico

Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett

La deglobalizzazione non è la strada giusta

Economia
2 sett

Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00

È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett

Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian

Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett

Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe

Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
Speciale Economia
2 sett

Orientamento costruttivo

16.04.2021 - 18:40

Il cambiamento climatico rallenta la produzione di latte e caffè

Aumento delle temperature e condizioni di tempo estremo stanno condizionando i raccolti. Anche le mucche soffrono e con il caldo producono di meno

Ats, a cura de laRegione
il-cambiamento-climatico-rallenta-la-produzione-di-latte-e-caffe
Keystone
Produzione di latte in calo con i caldo

Zurigo – Aziende alimentari come Nestlé e Emmi sono considerate non rispettose del clima. Allo stesso tempo, però, soffrono del cambiamento climatico, in quanto questo crea problemi alle piante di caffè e di cereali come anche alle mucche da latte. La produzione deve essere ora ripensata.

Secondo uno studio dell’Onu, la produzione globale di cibo, compreso l'imballaggio e il trasporto, è responsabile di oltre un terzo delle emissioni di gas a effetto serra. La necessità d’intervenire ha ora raggiunto i vertici delle aziende alimentari. Nestlé, come Emmi, si è posta l’obiettivo di zero emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050.

”Qui rimanere indietro si traduce in costi elevati”, aveva detto il Ceo di Nestlé Mark Schneider alla conferenza annuale in febbraio. La ragione: quelli che non seguono rischiano regolamenti più severi, tasse più alte e una posizione difficile con i consumatori, gli azionisti e i dipendenti.

A breve termine la pressione esterna giocherà quindi un ruolo importante. A lungo termine, tuttavia, proprio sulle aziende alimentari incombono le conseguenze molto dirette del cambiamento climatico per il loro approvvigionamento di materie prime: gli eventi meteorologici estremi si ripercuotono negativamente sull'agricoltura, come le temperature più elevate.

"Stiamo già vedendo alcuni impatti", dichiara Benjamin Ware, a capo dell'approvvigionamento responsabile di Nestlé, all'agenzia finanziaria Awp: per esempio, la siccità estrema in Brasile sta riducendo i raccolti di caffè.

Anche il colosso lattiero-caseario lucernese Emmi si vede confrontato con le prime conseguenze: "Concretamente, risentiamo degli effetti in termini di acqua", dice Gerold Schatt, responsabile della sostenibilità dell'azienda. Tuttavia, gli effetti non sono sempre negativi: a causa del riscaldamento, il periodo vegetativo si sta allungando, sottolinea Schatt. Ci sono anche aree dove, per esempio, la produzione di latte può essere aumentata. In Svizzera, tuttavia, le ondate di calore come quella del 2018 stanno causando problemi alle mucche. "A 35-38 gradi, la mucca non sta più bene e la produzione di latte diminuisce", dice Schatt.

Raccolti sotto pressione

E questo è solo l'inizio. "Il cambiamento climatico e l'aumento delle temperature hanno un impatto diretto su come gli agricoltori coltivano i prodotti di base", dice Ware. Fondamentalmente, aggiunge, vi sono due conseguenze: la coltivazione cambia. Le piante di caffè, per esempio, crescono a una certa altezza. Quando fa più caldo, la zona di crescita favorevole per gli arbusti si sposta. "Per gli agricoltori, questo è critico: non possono semplicemente spostare la loro terra", sottolinea Ware.

Dove lo spostamento non è possibile, i raccolti diminuiranno. "In India, si stima che metà della produzione di riso scomparirà entro il 2050 perché non c'è abbastanza acqua". E negli Stati Uniti - uno dei maggiori produttori di grano - la produzione potrebbe diminuire del 20-30%.

Di conseguenza, l'industria alimentare deve prepararsi a costi di produzione più elevati e a fluttuazioni crescenti nella disponibilità e nei prezzi delle materie prime.

Ripensare la produzione

"Non credo che alla fine la strada giusta da seguire sia quella di lasciar spostare la produzione", dice Ware. "Facendo così, rimandiamo solo il problema". È necessario agire ora, dice, per ripensare il sistema di produzione agricola.

Questo significa porre fine alle monocolture e al massimo sfruttamento del suolo. Nella coltivazione del caffè, per esempio, è importante contare su alberi di caffè più robusti e diversificare le specie, spiega Ware. Inoltre - aggiunge - l'uso di prodotti chimici deve essere ridotto e si deve passare a fertilizzanti più naturali.

Ma la realizzazione non è sempre facile. Prevalentemente le aziende non gestiscono direttamente le fattorie e dipendono dalla cooperazione con gli agricoltori. Per questi ultimi, tuttavia, tali misure significano spesso una perdita di reddito.

"Abbiamo ancora molta strada da fare", conclude Ware. Il cambiamento climatico non può essere affrontato da soli, ma solo insieme.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved